Panna cotta

Dolci e Desserts
Panna cotta
524 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + il tempo di raffreddamento

Presentazione

Panna cotta

La panna cotta è sicuramente uno dei dolci al cucchiaio più conosciuti e apprezzati non solo in Italia, ma anche all'estero, per la semplicità della sua preparazione e il suo gusto particolarmente delicato.
In Francia è molto popolare una ricetta chiamata blanc manger che ricorda quella della panna cotta.
Le origini precise di questo dolce sono sconosciute, si sa solo che è nata nella zona delle Langhe piemontesi all'inizio del Novecento.
La panna cotta è un dessert che si può preparare in mille varianti, esistono infatti molte preparazioni simili che prevedono l’aggiunta di altri ingredienti per creare gusti sempre nuovi. Esiste anche una versione senza colla di pesce che potete trovare qui, ideale per i vegeteriani e gli intolleranti alle sostanze contenute nella gelatina.
La panna cotta è un dessert semplice, gustoso, che si presta bene ad ogni stagione grazie alla infinita varietà di accompagnamenti: ad esempio il caramello, il cioccolato fuso, oppure  le coulis di frutta fresca di stagione, uno degli abbinamenti più comuni è quello con i frutti di bosco.

Ingredienti per 4 stampini da 125 ml
Vaniglia 1 baccello
Colla di pesce 6 g
Panna fresca liquida 500 ml
Zucchero a velo 150 gr

Preparazione

Panna cotta

Per realizzare la panna cotta, per prima cosa mettete a mollo i fogli di colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti (1) e tagliare nel senso della lunghezza la bacca di vaniglia (2), estarete i semi e tenete da parte. Mettete in un pentolino la panna (3),

Panna cotta

aggiungete la bacca di vaniglia incisa e isuoi semi (4) (se non gradite l’aroma di vaniglia potete aromatizzare con la scorza di limone),  lo zucchero al velo  (5) e scaldate a fuoco basso il tutto, ma senza far bollire (6);

Panna cotta

strizzate bene la colla di pesce (7) che si sarà ammorbidita e immergetela nella panna (8), quindi mescolate fin quando non si sarà sciolta completamente.A questo punto, filtrate il composto per mezzo di un colino a maglie strette (9)

Panna cotta

in modo da trattenere la bacca di vaniglia (10). Ora preparate 4 stampini individuali della capacità di 125 ml oppure uno stampo unico a cassetta della capacità di crica 500 ml; bagnate l'interno degli stampini con acqua (oppure se preferite con un liquore per aromatizzare tipo il rhum), questa operazione serve per poter estrarre meglio la panna cotta una volta rassodata. Versate dentro la panna cotta aiutandovi con un mestolo (11). Mettete la panna cotta in frigorifero a rassodare (12) per almeno 5 ore e, al momento di servirla, immergete lo stampo per qualche secondo in acqua bollente, poi sformatela sul piatto da portata: servite al naturale, con caramello, con cioccolato fuso, o con una coulis di frutta fresca (per ulteriori dettagli consultate la nostra scheda Come preparare la coulis della Scuola di cucina).

Conservazione

Consigliamo di consumare la panna cotta appena fatta, ma se lo desiderate potete conservarla in frigorifero per un giorno al massimo, chiusa con un contenitore ermetico.
E’ possibile congelare la panna cotta per poi scongelarla in frigorifero.

Curiosità

Secondo la più antica tradizione Piemontese, la panna cotta andrebbe fatta raffreddare in stampini foderati di zucchero caramellato per dare più sapore al dolce.

Come utilizzare la colla di pesce

Leggi la scheda completa: Come utilizzare la colla di pesce

Il consiglio di Sonia

Per rendere la vostra panna cotta ancora più golosa vi suggeriamo di guarnirla con una salsa di frutta, che si può fare facilmente in casa, come la salsa di fragole, di kiwi, di pere o, ancora meglio a detta di qualcuno, con del caramello. Ai più libidinosi suggerisco una guarnizione di salsa al cioccolato con qualche fiocco di panna montata e contorno di fragole...impossibile resistere!

Altre ricette

I commenti (524)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Donatella ha scritto: giovedì 09 ottobre 2014

    Io ho eseguito la ricetta alla lettera mi è' venuta ottima, anche x quanto riguarda lo stacco dagli stampi perfetto. Grazie Sonia

  • Alberto ha scritto: domenica 05 ottobre 2014

    Ciao Sonia e ciao a tutto lo staff di giallo zafferano siete davvero bravi e le ricette sono spiegate bene e sono facili da realizzare... volevo sapere se potevo sostituire lo zucchero a velo con quello seno lato e se metterne la stessa quantità. buona giornata e ancora GRANDIIIIIII

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 06 ottobre 2014

    @Alberto : Ciao Alberto! per una migliore riuscuta ti consiglio lo zucchero a velo, che risulta fine.

  • melania ha scritto: lunedì 29 settembre 2014

    ho seguito la ricetta alla lettera ed è venuta buonissima e per niente troppo dolce… ho fatto anche quella al caffè ed è stata tanto gradita… grazie sonia ????

  • PAOLA ha scritto: martedì 23 settembre 2014

    ciao anche io come molti ho trovato la panna troppo dolce e a metà preparazione per rimediare ho aggiunto cacao amarissimo e latte. Nonostante tutto è ancora troppo dolce quindi penso che la dose consigliata sia veramente fuori logica. Forse visto anche che i commenti, (che io purtroppo ho letto troppo tardi), virano per la maggior parte in questa direzione, bisognerebbe davvero valutare di correggere la ricetta. Io ho versato la panna in stampini usa e getta di alluminio rivestiti di pellicola ma non si son sformati bene.

  • Irene ha scritto: martedì 16 settembre 2014

    @Nellina: sì puoi fare così! Viene ancora meglio perché si compatta di più ed è molto più buona smiley

  • Nellina ha scritto: lunedì 15 settembre 2014

    La posso preparare la sera x il grano dopo? Oppure sono troppe ore in frigo?

  • Angela ha scritto: venerdì 05 settembre 2014

    A me è venuta esattamente come la tua, mi hanno consigliato di ricoprire gli stampini con la pelliccola facendo dei forellini x far freddare la panna in modo omogeneo, ma non ho ancora avuto modo di provarci

  • cristiana ha scritto: venerdì 29 agosto 2014

    com'è che a me viene sempre a due strati, quello sotto gelatinoso e quello sopra con la giusta consistenza della panna cotta? premetto che porto il liquido (panna e latte), con lo zucchero e la vaniglia al bollore (non lo faccio bollire), aggiungo la colla strizzata il più possibile e faccio raffreddare mescolando di tanto in tanto. metto negli stampi poco prima di mettere in frigo. dove sbaglio?

  • melania ha scritto: giovedì 21 agosto 2014

    grazie tanto sonia… perchè domani la devo preparare e avevo questo dubbio dello zucchero.. ti farò sapere com'è andata… con le tue ricette non ho mai sbagliato sempre un successone ????

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 20 agosto 2014

    @melanua: Ciao! devi usare lo zucchero a velo smiley

10 di 524 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento