Passata di pomodoro

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    60 min
  • Preparazione:
    60 min
  • Costo:
    Molto Basso

Piattoni al pomodoro

Passata di pomodoro

La passata di pomodoro è una delle conserve più preparate, specialmente nelle regioni del meridione d’Italia, dove il suo largo uso quotidiano, ne ha fatto la regina delle conserve. La sua preparazione è molto semplice, e per la riuscita ottimale, basta osservare alcune piccole ma importanti regole.

Ingredienti
Pomodori tipo san marzano 2 kg
Basilico foglie q.b.

Preparazione

Passata di pomodoro
Per preparare la passata di pomodoro, iniziate controllandoli uno ad uno, eliminando quelli marci, macchiati o ammaccati. Eliminate i piccioli e lavateli molto bene (1), quindi metteteli a sgocciolare.Tagliate in due metà ogni pomodoro e eliminate i semi (2-3).
Passata di pomodoro
Poneteli in una grande pentola capiente e lasciateli appassire a fuoco basso coprendoli con un coperchio, girandoli di tanto in tanto (4-5), finchè si saranno afflosciati e spappolati. A questo punto passateli con il passaverdura (o con la macchina elettrica apposita), facendo convergere il sugo in una pentola d’acciaio più piccola (6).

Passata di pomodoro
Se la passata di pomodoro vi sembra della densità giusta, imbottigliatela. Altrimenti filtratela con un colino a maglie strette per eliminare l'acqua in eccesso o fatela addensare sul fuoco fino a raggiungere la  consistenza desiderata (7). Nel frattempo sterilizzate i vasetti facendoli bollire in abbondante acqua per 30 minuti (8). Per saperne di più sulla sterilizzazione dei vasetti clicca qui. Mettete all'interno di ogni vasetto sterilizzato qualche foglia di basilico (9).
Passata di pomodoro
Versate all’interno dei vasetti sterilizzati la passata di pomodoro aiutandovi con un imbuto (10), avendo cura di lasciare 2-3 cm di spazio dal bordo del vasetto. Terminate con qualche altra foglia di basilico e chiudete bene i vasetti (11). A questo punto mettete i vasetti in una pentola capiente, sistemando sul fondo e tra i vasetti dei canovacci che ne impediranno la rottura durante la cottura (12). Ricoprite i vasetti di passata di pomodoro di acqua calda, lasciate bollire per 30 minuti dall'inizio del primo bollore. Lasciateli raffreddare nella loro acqua di cottura e, una volta freddi, asciugateli verificate che il sottovuoto sia stato fatto correttamente: se, premendo il tappo, NON sentirete il "clik clak" il sottovuoto si sarà formato correttamente. In caso contario cambiate il tappo e ripetete l'operazione. Riponete la passata di pomodoro in un luogo fresco e al riparo dalla luce.


Conservazione

La passata di pomodoro, se il sottovuoto è avvenuto correttamente, può essere conservata al massimo per un anno in un luogo fresco e al riparo dalla luce.

Consiglio

Per preparare la conserva di passata di pomodoro per tutto l’anno, acquistate pomodori non ammaccati, ma sodi, ben rossi e maturi; il periodo migliore per acquistarli è luglio- agosto. Potete scegliere tra i pomodori ramati, a grappolo e tondi , oppure i San Marzano, o i romani, dalla forma allungata, tipo perini.

Curiosità

Un altro metodo usato nel meridione per conservare la passata senza bollirla nel pentolone, è quello chiamato “con la febbre”.Questo sistema consiste nel riempire le bottiglie di passata tenendola sempre bollente sul fuoco; bisogna preparare delle cassette di legno o plastica foderate con delle coperte di lana nelle quali a mano a mano si metteranno le varie bottiglie o vasetti riempiti di passata di pomodoro e, una volta che le cassette saranno piene, i contenitori verranno avvolti nelle coperte, e lasciati così fino al loro completo raffreddamento.L’unica differenza nel confezionare la passata di pomodoro in questo modo è che bisognerà salare (secondo i vostri gusti) la passata prima di chiuderla nei contenitori. La durata della passata “con la febbre”, sarà inferiore all’anno (6-8 mesi).

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 104 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


104
Francesca ha scritto: Venerdì 29 Agosto 2014  |  Rispondi »
Chiedo un'informazione.. E' possibile fare il sottovuoto anche per la passata capovolgendo il barattolo? (io con le marmellate faccio cosi' le ivaso bollenti per creare il sottovuoto e vengono benone!!) Grazie
103
Giusy ha scritto: Martedì 26 Agosto 2014  |  Rispondi »
Ciao Deborah,
il tuo ricordo è giusto è semplicemente salsa a crudo, nella mia famiglia usiamo farla in questo modo, anche se ti devo dire che la passata di pomodoro cotta cioè il procedimento che ci ha illustrato Sonia è più buona, lo so bene perchè nella famiglia di mio marito usano farla in questo modo. Inoltre, la salsa si può congelare, se si prima si fa un soffritto e poi passate il tutto con un mixer la salsa risulterà più arancione e meno rosso e alla fine è un sugo pronto.
102
emma ha scritto: Domenica 17 Agosto 2014  |  Rispondi »
È possibile congelare la passata?
101
Skalzo ha scritto: Mercoledì 13 Agosto 2014  |  Rispondi »
Per la serie “non si butta via niente” mia moglie quest'anno ha avuto una luminosa quanto gustosa idea: dopo aver fatto la conserva ha recuperato le bucce dei pomodori, ha aggiunto abbondante olio, sale, peperoncino, origano e ha frullato il tutto a lungo. Ne è risultato un intingolo cremoso che si può utilizzare per condire la pasta, spalmato su tramezzini o come accompagnamento a carni, pesci e verdure.
Provare per credere.
Naturalmente potete variare gli ingredienti a vostra scelta e a vostro gusto.
Lei l’ha chiamata “il resto del perino”
100
Giuseppe ha scritto: Mercoledì 23 Luglio 2014  |  Rispondi »
beh, nell'area occidentale della Sicilia, la "salsa" di pomodoro si prepara così: dopo aver selezionato e lavato accuratamente i pomodori (c.d. "siccagni", cioè non coltivati nelle serre) vengono bolliti per circa 30 minuti e dopo la scolatura vengono passati con la macchina elettrica. Successivamente, dopo aver aggiunto un pizzico di zucchero (per l'acidità del pomodoro), sale e delle foglie di basilico fresco, la salsa viene cotta per circa 20-30 minuti prima di essere imbottigliata. A seguire i recipienti (bottiglie, vasetti, ecc.) vengono riposti in un pentolone colmo d'acqua per la sterilizzazione che dura circa 30-40 minuti e una volta che l'acqua si è raffreddata le bottiglie vengono asciugate e riposte nelle dispense al buio. Così facendo, la salsa di conserva per circa un anno e mezzo ed è sempre ottima.
99
giulya ha scritto: Lunedì 21 Luglio 2014  |  Rispondi »
ciao Sonia! quando faccio cuocere i pomodori in padella posso fare prima un soffritto con la cipolla??si conservano ugualmente??
98
Sonia-Gz ha scritto: Venerdì 04 Luglio 2014  |  Rispondi »
@Mati: Ciao, ti consiglierei di toglierla per avere una bella passata liscia!
97
Mati ha scritto: Venerdì 04 Luglio 2014  |  Rispondi »
ciao Sonia ma è indispensabile togliere la buccia ai pomodori?
96
Annalisa ha scritto: Martedì 25 Marzo 2014  |  Rispondi »
Ciao Sonia,vorrei sapere se congelando la passata senza sterilizzare i vasetti esiste la possibilità di non aver eliminato il botulino.
95
deb ha scritto: Mercoledì 29 Gennaio 2014  |  Rispondi »
vorrei un chiarimento...a casa mia ricordo ke tagliavamo i pomodori a pezzetti, li passavamo nella macchina x sepsrare la buccia dalla polpa 2/3 volte, poi li imvottigliavamo nelle bottiglie di birra chiuse con l appostito strumento e mio padre faceva bollire queste bottiglie in grosse pentole....non ricordo ke il pomodoro fosse cotto prima...ricordo male??è possibile una cosa dek genere??e se si qual è la differenza se il pomodoro è cotto prima?? grazie
10 di 104 commenti visualizzati

Lascia un Commento