Pasta frolla

/5
Pasta frolla
933 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Costo: basso
  • Nota: + almeno 30 minuti di riposo in frigorifero; i tempi di cottura invece variano in base al tipo di preparazione scelta

Presentazione

Pasta frolla

Nipoti a pranzo? Amiche per il té o regalino dolce per la propria metà? Qualunque sia il motivo per cui aprite frigo e dispensa per preparare crostate o biscotti vi sveilamo in questa ricetta come realizzare la pasta frolla, una delle basi della pasticceria con cui realizzare queste ricette in maniera impeccabilmente golosa! Esistono diverse varianti della frolla in base alla proporzione degli ingredienti liquidi e secchi o al metodo di lavorazione. Conoscete la pasta frolla montata? Si comincia montando con le fruste burro morbido e zucchero, poi si aggiunge il resto. Ma esiste anche il metodo "sabbiato" lavorando al mixer gli ingredienti per ottenere una consistenza sablè, proprio quella che vi presentiamo oggi.
L'occorrente per preparare la pasta frolla è facilmente reperibile: uova, burro, zucchero e farina.. e ovviamente la nostra ricetta da seguire passo passo, sper realizzare un'ottima pasta frolla fatta in casa! Non potrete farne più a meno per i vostri dolci da servire a merenda o a colazione!

Ingredienti per 1 kg di frolla

Uova ( 2 medie fredde di frigo) 110 g
Farina 00 500 g
Zucchero a velo 200 g
Burro freddo di frigo 250 g
Scorza di limone non trattato 1
Preparazione

Come preparare la Pasta frolla

Pasta frolla

Per preparare la pasta frolla con il metodo della sabbiatura cominciate versando la farina in un mixer (se volete potete utilizzare la planetaria allo stesso modo, sarà sufficiente utilizzare la foglia) insieme al burro freddo ridotto a pezzetti (1). Unite un pizzico di sale (2); azionate le lame a più riprese fino ad ottenere un composto sabbioso (3) Utilizzare il mixer ad intermittenza farà si che l'impasto non si scaldi eccessivamente.

Pasta frolla

Spegnete le lame e unite lo zucchero a velo (4) insieme all’uovo leggermente sbattuto (5) e poi grattugiate la scorza di un limone non trattato facendo attenzione a prelevare soltanto la parte gialla e non quella bianca che è amara (6).

Pasta frolla

Azionate nuovamente il robot per pochi istanti, stavolta abbassando la velocità così le lame misceleranno l’impasto senza frullare (7). Non appena il composto si sarà amalgamato (8) trasferitelo sulla spianatoia (9).

Pasta frolla

Compattate velocemente con le mani, così non si svilupperà il glutine, (10), giusto il tempo di ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola trasparente lasciandolo riposare in frigorifero per almeno mezzora (anche se più la frolla sta in frigo più il glutine si rilasserà e il burro avrà tempo per raffreddarsi, 10-12 ore sarebbe ancora meglio) (11). Trascorso questo tempo riprendete la frolla che potrete utilizzare nelle varie ricette di crostate e biscotti. Per tirare bene la frolla sarà sufficiente sistemarla su un piano da lavoro leggermente infarinato (in alternativa tra due fogli di carta forno) e batterla per qualche istante con il matterello, così da restituire plasticità e un po’ di calore (12). La vostra pasta frolla è pronta: buone ricette!

Conservazione

La pasta frolla si conserva in frigorifero tranquillamente anche per una settimana, avvolta in pellicola.
In congelatore invece, ben avvolta in un sacchetto gelo, resiste per 2-3 mesi!

Qualche informazione prima di iniziare...

La struttura della pasta frolla è versatile, in base al risultato che si vuole ottenere. Qualche esempio?
1) Al posto delle uova che rendono l'impasto più compatto, potete utilizzare solo i tuorli: renderanno la frolla più friabile.
2) Lo zucchero a velo conferisce una consistenza fine; quello semolato invece donerà un effetto alveolato all'impasto cotto.
3) Si può aggiungere anche un po’ di miele (con queste dosi basteranno 10-20 grammi): la frolla acquisterà un bel colorito dorato.
4) Aggiungendo un pizzico di lievito per dolci otterrete una frolla più morbida e friabile.

Come aromatizzare...

La pasta frolla si presta benissimo ad essere aromatizzata come meglio si preferisce. In aggiunta, o in sostituzione, al limone si può utilizzare la scorza d’arancia. Oppure i semi di una bacca di vaniglia o altre spezie dolci, come la cannella.

Se la frolla si sbriciola?

Se la pasta frolla dovesse sbriciolarsi, niente panico: potete riprenderla aggiungendo un pizzico di burro o di uova, a seconda di quello che manca di più nella ricetta.

Consigli sulla cottura...

Non c'è una regola fissa e il consiglio è quello di seguire la ricetta specifica che si sta realizzando.

Però per le crostate, in generale, si preferisce di solito una temperatura tra i 150-170°. Per i biscotti o cottura alla cieca o in bianco delle crostate, circa 180° possono andar bene!

Leggi tutti i commenti ( 933 )

I commenti (933)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Danielalombardi79 ha scritto: mercoledì 29 marzo 2017

    Salve, dovendo preparare più crostate con diverse farciture avevo pensato di cucinare la sera prima la frolla ed il giorno dopo concentrarmi sulle varie farciture, sarebbe fattibile e nel caso come dovrei conservare la frolla già cotta e pronta per essere farcita senza perdere quel lato friabile, che avrebbe infornata il giorno stesso. Grazie mille

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 30 marzo 2017

    @Danielalombardi79:Ciao, puoi conservare le basi delle crostate sotto una campana di vetro.

  • tamara ha scritto: venerdì 17 marzo 2017

    Ciao! per avere una frolla integrale, basta sostituire la farina 00 con quella integrale? o ci sono altri accorgimenti?! grazie mile smiley

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 17 marzo 2017

    @tamara:Ciao, prova la ricetta della pasta frolla integrale del nostro blog "Ricette che passione".

Leggi tutti i commenti ( 933 ) Scrivi un commento

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto delle Condizioni d'uso e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy