Penne all'Arrabbiata

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    10 min
  • Preparazione:
    15 min
  • Dosi per:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso
Penne all Arrabbiata

Le penne all’arrabbiata fanno parte della tradizione culinaria Romana, che ci regala un altro piatto fatto proprio, nonostante sia stato preparato in molte altre regioni italiane; una specialità semplice dai sapori decisi.

Le penne all’arrabbiata sono una preparazione riscoperta recentemente, spesso usata come spuntino notturno in occasione di raduni fra amici perché di facile e veloce realizzazione; questo piatto infatti incontra il favore di tutti, uomini e donne.

Ingredienti
Pasta penne rigate - 400 gr.
Aglio 2 spicchi
Olio extravergine di oliva - 4 cucchiai
Pecorino romano grattugiato 100 gr
Peperoncino intero 2 (o macinato q.b.)
Prezzemolo tritato 3-4 cucchiai
Pomodori maturi (o pelati) 400 gr

Preparazione

Penne all Arrabbiata
Per preparare le penne all'arrabbiata, iniziate a preparare il sugo. Lavate i pomodori ed eliminate il picciolo bianco in centro (1). Sbollentateli per qualche minuto in acqua bollente (2), per facilitare la spellatura dei pomodori, e scolateli (3).
Penne all Arrabbiata
Togliete la pelle dai pomodori (4) e tagliateli, eliminando i semi, a cubetti (5). In una padella riscaldate l'olio e rosolate bene i due spicchi d'aglio (interi o schiacciati a seconda dei vostri gusti) e  aggiungete il peperoncino sminuzzato (6) (fate attenzione poiché il soffritto di aglio può portare a cattivi risultati se la cottura è troppo lunga o a fuoco troppo forte).
Penne all Arrabbiata
A questo punto aggiungete i pomodori e cuocete la salsa per 5 minuti (7), finchè i pomodori non saranno morbidi, infine aggiustate di sale. Intanto cuocete le penne in acqua bollente e salata secondo i minuti di cottura indicati sulla confezione (8). Scolatela e aggiungetela direttamente nella padella con la salsa (9).
Penne all Arrabbiata
Aggiungete una generosa manciata di prezzemolo fresco tritato (10) e saltate le penne per un minuto ancora (11). Se i pomodori dovessero essere poco maturi, aggiungete un paio di cucchiai di passata di pomodoro. Servite le penne all'arrabbiata in un piatto fondo con una bella spolverata di pecorino grattugiato.

Conservazione

Conservate le penne all'arrabbiata, chiuse in un contenitore ermetico e poste in frigorifero, per due giorni al massimo.

Curiosità

Le penne all’arrabbiata non appartengono ad un lontano passato; probabilmente sono state create, nei primi anni del secolo scorso, dalla fantasia di un famoso oste che voleva creare una variante dei già famosi bucatini all'amatriciana

I consigli di Sonia

E' quasi indispensabile utilizzare penne rigate, che permettono al sugo di attaccardsi meglio, e cotte al dente. Se non aveste in casa il peperoncino intero, stando attenti alle dosi potete sostituirlo con quello frantumato grosso misto a paprika.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 109 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


109
serena ha scritto: Sabato 31 Maggio 2014  |  Rispondi »
Buonissima! Per una persona, un peperoncino spezzato in due e due spicchi d'aglio. Tolti appena prima di aggiungere la salsa. Alla fine a parte ho mescolato un po' di burro, parmigiano e prezzemolo con la pasta e aggiunto il sugo a poco a poco. Grazie a questa app sto imparando a cucinare smiley
108
Sonia-Gz ha scritto: Mercoledì 05 Marzo 2014  |  Rispondi »
@Andrea: Ciao, la ricetta a cui ti riferisci è l'Amatriciana.
107
Andrea ha scritto: Mercoledì 05 Marzo 2014  |  Rispondi »
@Monica: ma manca il guanciale o sbaglio?
106
Dario ha scritto: Venerdì 27 Dicembre 2013  |  Rispondi »
Soffriggete leggermente due spicchi d'aglio in un po' d'olio extravergine (l'aglio deve imbiondire e non bruciare!!), appena imbiondisce consiglio di toglierlo e mettere nella padella i pelati sminuzzati a mano con un paio di peperoncini piccanti, secchi e sbriciolati. Quando il pFate cuocere la salsa per circa 20 minuti, allungandola con un po' d'acqua se troppo densa. Cuocete le penne rigate in abbondante acqua salata e scolatele molto al dente. Saltatela in padella con il sugo ed una bella manciata di prezzemolo tritato. Servite a tavola senza alcuna grattugiata di formaggio che nella pasta all'arrabbiata è rigorosamente vietato!!!!!
105
marri ha scritto: Venerdì 15 Novembre 2013  |  Rispondi »
La "pelle" del pomodoro si chiamerebbe buccia
104
Monica ha scritto: Martedì 08 Ottobre 2013  |  Rispondi »
Da Romana Doc le penne all'arrabbiata col pecorino non si possono né vedere e né sentire
103
Beck ha scritto: Lunedì 07 Ottobre 2013  |  Rispondi »
@Lorenzo: per i pelati sono totalmente d'accordo , per il peperoncino idem, ma per la grattugiata di pecorino tentenno , proprio niente niente??
102
Lorenzo ha scritto: Venerdì 27 Settembre 2013  |  Rispondi »
Il pecorino nelle penne all'arrabbiata è una vera bestemmia.
Per esperienza ho provato di tutto ma le penne all'arrabbiata richiedono rigorosamente il pomodoro pelato.
Ricetta.

Quando l'acqua bolle buttate mezzo chilo di penne, di qualità e che non scuociono subito.
Fate soffriggere in un tegame largo e sul fornello più potente a fuoco basso per pochissimo tempo due tre spicchi di aglio schiacciati e non sgusciati in mezzo bicchiere di olio aggiungendo quando l'olio è già caldo il peperoncino (che io preferisco spaccato a metà e non tritato). Dopo un minuto alzare la fiamma al massimo e quando l'olio è caldo (non bruciato) aggiungere il pelato precedentemente tagliato e l'acqua con cui avete sciacquato il barattolo del pelato. Sempre con la fiamma al massimo attendere che la salsa inizi il primo bollore, circa un minuto dopo, quindi spegnere il fuoco.
A questo punto la pasta dovrebbe essere cotta, scolatela MOOOOLTO al dente e unitela alla salsa ancora calda o precedentemente riscaldata saltandola al massimo per un minuto. Spegnere il fuoco ed aggiungere un bel mazzo di prezzemolo che va tagliato grossolanamente con un coltello direttamente sul tegame. Girare e servire.

Ecco i passaggi cruciali:
Aglio: tritato non si digerisce bene e poi chi non lo ama non po può più togliere. Intero e con la buccia si digerisce benissimo e si può sempre scansare
Soffritto: soffritto è diverso da olio bruciato!
Peperoncino: se si chiama arrabbiata ci sarà un motivo! questo è l'unico piatto dove il molto piccante è permesso Olio: extra vergine obbligatoriamente. Il medico sconsiglia il soffritto e al massimo ne permette un cucchiaino: lasciate perdere l'arrabbiata!
Pomodoro: Anche se avete a disposizione i migliori pomodori freschi del mondo (come nel mio caso) per l'arrabbiata ci vuole un buon pelato punto e basta. Il pelato va versato in un piatto e schiacciato con una forchetta o meglio tagliato con un coltello e bisogna aggiungerci l'acqua con cui si risciacqua il barattolo. non usate un pelato economico ma il migliore che trovate al supermercato. Per la cottura avete letto bene: buttatelo nell'olio bollente, appena riprende il bollore spegnere il fuoco. E' un piatto fresco e non serve certo un sugo cotto. Ripeto il pomodoro deve essere solo scaldato e non cotto.
Saltare la pasta: in questo caso più che saltare si tratta di amalgamare bene pasta e salsa quindi non eccedere il minuto perchè altrimenti l'amido della pasta rende la salsa troppo cremosa e in questo piatto non va bene.
Prezzemolosmileyrezzemolo e basilico andrebbero strappati a mano al momento in quanto rilasciano il loro aroma in questo momento. Se è già tritato non sa più di molto. Non dico di strapparlo a mano ma che ci vuole a tritarlo con un coltello all'ultimo momento sul tegame? E poi dove si è mai visto che il prezzemolo debba cuocere? Mai e ripeto MAI far cuocere il prezzemolo in questa ricetta , se proprio si vuole farlo appassire mettetelo nella salsa dopo aver spento il fuoco mentre aspettate che la pasta sia cotta.

Di prezzemolo ce ne vuole tanto anche perche se la pasta è davvero arrabbiata il sapore che dovreste sentire è questo :

- la croccantezza della pasta al dente
- un dannatamente piacevole ma forte sapore piccante
- un leggero profumo di aglio
- un rinfrescante profumo e sapore di prezzemolo che ci farà esultare di gioia
- un confortevole sapore dolce del pomodoro che unito all'olio sembrano voler rinfrancare la bocca delle pene provocate dal terribbile peperoncino


Il sale è a vostro gusto, ma sappiate che questo piatto non ne richiede molto.

Servire assolutamente in piatti piani e ricordarsi che quelli fondi servono solo per le zuppe e non per la
pasta.

Bollire la pasta in almeno 4 litri di acqua

Provate, e non rimarrete delusi

Lorenzo (questa ricetta l'ho già postata su un sito di peperoncini e mi hanno confermato la bontàsmiley
101
maryjhane ha scritto: Lunedì 19 Agosto 2013  |  Rispondi »
penso di prepararla oggi ..in casa piace a tutti sara' un successo!!
100
rino ha scritto: Sabato 17 Agosto 2013  |  Rispondi »
Credimi ,per esperienza di 45 anni di cucina, la pasta rigata assorbe molto meglio il condimento rendendo più saporito il piatto.
10 di 109 commenti visualizzati

Lascia un Commento