Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Antipasti
Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi
44 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 25 min
  • Cottura: 4 min
  • Dosi per: 2 pezzi
  • Costo: basso
  • Nota: + il tempo per lasciar asciugare i peperoncini e il tempo di bollitura dei barattoli pieni

Presentazione

Solitamente siamo abituati a vedere i peperoncini nella loro classica forma conica, leggermente allungata e con il tipico colore rosso acceso. La Calabria però ha la fortuna di poter vantare una particolarissima qualità di peperoncino, quello tondo dal colore un po’ più tenue, sempre della famiglia dei peperoncini piccanti ma decisamente meno degli altri "fratelli" e "cugini" piccantissimi! Per questo motivo viene impiegato per preparare una buonissima conserva che regna sovrana, quasi al pari della 'nduja sul pane, come regina degli antipasti. Si tratta dei peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi. Delle chicche golosissime da gustare, anche tutte in un boccone, delle quali è impossibile non innamorarsi. Siete tutti pronti per preparare insieme a noi questi peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi? Iniziamo!

Ingredienti per 2 barattoli da 1000 ml l'uno
Peperoncini tondi piccanti 500 g
Acciughe sott'olio 20 g
Capperi sott'aceto 20 g
Tonno sott'olio sgocciolato 100 g
Olio extravergine d'oliva q.b.
Per la cottura dei peperoncini
Aceto di vino bianco 250 g
Vino bianco 250 g
Alloro 2 foglie
Pepe nero in grani 9
Origano 1 cucchiaino
Ginepro 3 bacche
Chiodi di garofano 3
Sale fino q.b.

Preparazione

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Per preparare i peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi cominciate dalla pulizia. Per comodità utilizzate dei guanti da cucina usa e getta, se non li usate fate moltissima attenzione a non strofinarvi gli occhi e cominciate sciacquando i peperoncini per bene (1). Poi asciugateli (2) e privateli della parte superiore dove c’è il picciolo (3).

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Poi, con uno scavino, andate a prelevare l’interno dei peperoncini (4), quindi polpa e semini, così da ripulirli completamente (5). Nel frattempo versate vino bianco e aceto in un pentolino (6),

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

unite tutte le spezie (alloro, ginepro, chiodi di garofano) (7), regolate di sale e, non appena il fondo sarà in ebollizione (8), immergete i peperoncini lasciandoli sbollentare per 3-4 minuti a fuoco medio (9).

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Scolate i peperoncini su un canovaccio asciutto e pulitissimo (10), posizionateli con l’apertura rivolta verso il basso (11) e lasciateli sgocciolare per almeno 4-5 ore (dovranno essere completamente asciutti, quindi se il tempo indicato non fosse sufficiente lasciateli pure tutta la notte). Nel frattempo dedicatevi alla sanificazione dei barattoli, seguendo le indicazioni del Ministero della Salute come indicato nel box in fondo alla ricetta. Infine passate alla preparazione del ripieno: scolate il tonno (12).

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

sminuzzate grossolanamente le alici e i capperi (13); trasferite il tonno in un mixer insieme al trito di alici e capperi (14). Frullate giusto per qualche istante in modo da ottenere una purea cremosa e abbastanza liscia (15).

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Versate in una sac-à-poche il ripieno e poi cominciate a riempire tutti i peperoncini (16). Una volta che saranno tutti pronti adagiateli delicatamente in un barattolo di vetro sanificato, facendo attenzione a lasciare almeno un paio di centimetri di spazio dal bordo: sistemate i peperoncini con l’apertura rivolta verso l’alto (17). Dopodiché riempite con l'olio, lasciando circa 1 centimetro dal bordo (18).

Peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi

Chiudete con il tappo stringendo bene ma senza eccessiva forza (19) e passate alla seconda fase di bollitura. Sistemate i barattoli all’interno di una pentola capiente con all’interno un cestello, e riempite con abbondante acqua (20). Da quando bolliranno dovrete contare 30-40 minuti. Quindi lasciate raffreddare completamente in acqua; scolate i barattoli, asciugateli (21). Fate la prova di riuscita del sottovuoto pressando al centro del tappo. Se non fa alcun rumore di "click-clack" il sottovuoto è avvenuto correttamente. Altrimenti si consiglia di non consumare. I vostri peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi sono pronti per essere utilizzati o conservati.

Conservazione

Da chiusi, i barattoli coi peperoncini piccanti ripieni di tonno, alici e capperi si conservano per circa 3 mesi. Una volta aperti è consigliabile consumarli il prima possibile (2-3 giorni al massimo) avendo cura di tenerli in frigorifero, per prolungarne il tempo di conservazione.

Consiglio

Questo è un caposaldo della cucina calabre quindi vi suggeriamo di gustarlo così come descritto! Ma ci piace anche darvi qualche piccolissima variante: provate ad aggiungere qualche oliva nera denocciolata all’impasto da frullare oppure aromatizzate l’olio, prima della sanificazione con delle lamelle d’aglio o del prezzemolo.

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (44)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Adriana ha scritto: martedì 23 agosto 2016

    Io preferisco dimezzare i tempi di cottura x evitare che diventino molli oppure non sbollentarli ma tenerli in aceto e vino salati tutta la notte e poi una volta pronti sterilizzarli.

  • Alessandro ha scritto: sabato 20 agosto 2016

    Ragazzi non riesco a capire come fare la santificazione dei barattoli.... Chi mi spiega in parole povere ???? devo solo lasciar bollire ???? Grazie a tutti

  • Marco ha scritto: mercoledì 17 agosto 2016

    Ho bisogno di un consiglio, mi sto spaccando la testa su un quesito. Ho seguito la ricetta passo passo con molto zelo. I peperoncini sottolio prodotti 1 mese fa risultano con coperchio perfettamente sottovuoto e presenta poche piccole bollicine visibili sulle pareti interne. Le bollicine sono presenti fin dall'inizio nonostante i barattoli siano stati battuti più volte. All'apertura il tappo ha fatto il rumore richiesto, odore gradevole e poche bollicine sono salite. Com'è possibile eliminarle? Ho notato che anche nei sottoli industriale sono presenti. Se pressi il prodotto in questione rischi di disfare tutto.... Grazie mille

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 18 agosto 2016

    @Marco: Ciao Marco, ti consigliamo sempre di far riferimento come indicato nella ricetta alle linee guida del Ministero della Salute anche per eventuali alterazioni nelle conserve, quindi per un consumo sicuro. Noi abbiamo indicato il procedimento migliore facendo riferimento a linee guida ufficiali pubblicate dal Ministero; è bene controllare sempre dopo 10-15 giorni alla vista se compaiono delle alterazioni (si vedono anche senza aprire il barattolo) e, se confermate all'apertura, è preferibile non consumare.

  • vale90 ha scritto: mercoledì 17 agosto 2016

    @checca76 : da provare sicuramente!

  • checca76 ha scritto: martedì 16 agosto 2016

    @vale90: e poi io mischia tonno e carne simmenthal

  • checca76 ha scritto: martedì 16 agosto 2016

    @vale90: no sono pugliese

  • vale90 ha scritto: domenica 14 agosto 2016

    @checca76 : allora n sono l unica!mi fa' piacere! sei calabrese anke tu?

  • Gochi ha scritto: domenica 14 agosto 2016

    @Redazione Giallozafferano: il problema è seguire nel modo corretto le procedure, sicuramente le linee guida sono sicure, il rischio sorge nel "fai da te". Io avrei paura di sbagliare...da ansiosa quale sono! smiley

  • Nicoletta ha scritto: domenica 14 agosto 2016

    @bilancia: io sono in fase di asciugatura del peperoncino .... Quindi ho ancora del tempo x cambiare procedimento in corso d opera .. Quindi tu non li fai sterilizzare in acqua una volta riempiti i vasi????? E metti l olio di girasole al posto dell'extra vergine ???

  • valentinaaaaa ha scritto: domenica 14 agosto 2016

    @vale90: grazie, proveró anche la tua ricetta! smiley

10 di 44 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy