Pizzelle fritte

Antipasti
Pizzelle fritte
138 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso
  • Nota: più il tempo di lievitazione, circa 3 ore

Presentazione

Pizzelle fritte

Le pizzelle fritte appartengono alla tradizione napoletana, sono dei piccoli dischi di pasta che anziché essere cotti nel forno, vengono fritti e conditi con il sugo di pomodoro e insaporiti con una spruzzata di formaggio grattugiato, che può essere grana, provolone o mozzarella.
Le pizzelle fritte possono essere considerate uno sfizioso antipasto,da servire calde, ma anche fredde non perdono la loro bontà. Oltre ad essere condite con pomodoro e formaggio, le pizzelle fritte possono essere accompagnate da salumi o formaggi di vario tipo.
La storia delle pizzelle fritte è legata a Napoli, si dice infatti che queste pizzelle venissero vendute in particolare nei “bassi”, ovvero le piccole abitazioni dove vivevano le famiglie più povere della città che non  potevano permettersi altro. Il soprannome delle pizzelle fritte era infatti "a ogge a otte” ovvero “la mangio oggi e la pago tra otto giorni”, perché i  pizzaioli erano soliti fare credito a questa povera gente.
La tradizione vuole anche che fossero le mogli dei pizzaioli a preparare le pizzelle fritte, utilizzando gli impasti della pizza preparata dai mariti, in questo modo arrotondavano i magri incassi della settimana.
Se andate a Napoli non lasciatevi scappare l’occasione di gustare le pizzelle fritte per strada, appena fatte dai tanti ambulanti e pizzerie che le vendono da asporto. Non considerate le pizzelle fritte un fast-food perché queste delizie vantano anche una carriera cinematografica. Infatti, il grande regista Vittorio De Sica dedicò alle pizzelle fritte un episodio del film “L’oro di Napoli”. Con lo stesso impasto realizzate anche un altro classico napoletano: la pizza margherita.

Per 12 pizzelle
Zucchero 1 cucchiaino
Farina tipo 0 250 gr
Farina tipo 00 250 gr
Lievito di birra disidratato 3,5 gr (o fresco 10 gr)
Olio di oliva extravergine 20 ml
Sale 10 g
Acqua 300 ml
Per la salsa di pomodoro
Cipolle 1
Aglio 1 spicchio
Sale q.b.
Origano 1 cucchiaino
Pomodori pelati 400 gr
Parmigiano reggiano grattugiato q.b.
Basilico fresco qualche fogliolina
Olio di oliva q.b.
Per friggere
Olio di semi per friggere q.b.

Preparazione

Pizzelle fritte

Per realizzare le pizzelle fritte iniziate dall’impasto di base: versate l’acqua in una ciotola, aggiungete il sale (1) e mescolate con un cucchiaio per scioglierlo, versate poi anche l’olio (2) e mescolate ancora l’emulsione. In un’ altra ciotola capiente setacciate la farina, unite il lievito di birra disidratato e lo zucchero. Versate parte dell’emulsione di acqua salata e olio al centro della farina (3)

Pizzelle fritte

iniziate ad impastare con le mani (4) o una forchetta. Tenete vicino a voi un po’ di farina e la restante acqua, che integrerete nell’impasto mano a mano, fino a raggiungere la consistenza desiderata, che deve essere morbida ed elastica. Continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido ma consistente (5), con il quale formerete una palla che andrete ad adagiare in una capiente ciotola (6) adeguatamente spolverizzata di farina sul fondo. Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e riponetela in un luogo tiepido e lontano da correnti d’aria, come il forno spento di casa vostra. Attendete che l‘impasto abbia raddoppiato il proprio volume (circa un paio di ore).

Pizzelle fritte

Nel frattempo preparate il sugo che vi servirà per condire le pizzelle fritte. In una padella versate un filo di olio (7) mettete a soffriggere l’ aglio e la cipolla tritata finemente (8), poi aggiungete i pomodori pelati (9)

Pizzelle fritte

lasciate cuocere per una ventina di minuti per far restringere la salsa, a fine cottura aromatizzate con l’origano (10). Riprendete l’impasto lievitato (11), ricavate 12 pezzetti da 60 gr (12)

Pizzelle fritte

lavorateli per creare delle palline lisce (13), trasferitele su una leccarda rivestita con carta da forno ben distanziate tra di loro (14) ricopritele con la pellicola trasparente e fate lievitare per un’ora per far raddoppiare il volume. Trascorso il tempo necessario, schiacciate le palline dal centro, i bordi dovranno essere leggermente più spessi rispetto al centro in modo da ottenere una forma concava (15).

Pizzelle fritte

A questo punto potete passare alla frittura delle pizzelle: friggete in abbondante olio di semi, per una frittura ottimale la temperatura dell’olio dovrà essere di circa 170-180 gradi. Fate dorare le pizzelle su entrambi i lati (16) , scolatele (17) e ponetele su un vassoio rivestito con carta assorbente (18).

Pizzelle fritte

Condite con un paio di cucchiai di sugo di pomodoro (19) e per ultimo cospargete con del parmigiano grattugiato (20) e qualche fogliolina di basilico. Le vostre pizzelle fritte sono pronte (21), gustatele calde!

Conservazione

Consumate le pizzelle fritte appena pronte. E’ possibile congelare le pizzelle crude prima dell’ultima lievitazione.

Il consiglio di Sonia

Le pizzelle fritte sono degli stuzzichini prelibati, se volete renderle ancora più gustose aggiungete qualche oliva o acciuga o una spolverata di ricotta salata grattugiata.

Altre ricette

I commenti (138)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • emanuela ha scritto: sabato 16 maggio 2015

    Carissima Sonia ho.fatto un figurone..sono buonissime..comectutte le tue ricette.

  • Luigi ha scritto: domenica 03 maggio 2015

    CIao Sonia, da napoletano all'estero ti devo ringraziare. Qui non sanno nemmeno cos'è una pizza fritta, e con te sono riuscito a farle anche qui. Mi hai salvato la vita e il gusto smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 04 maggio 2015

    @Luigi: Ciao Luigi! Che bello che ci segui anche dall'estero smiley

  • grazia ha scritto: mercoledì 08 aprile 2015

    @Sonia-Gz: scusami Sonia, mi sono confusa è di grano tenero. a presto!!!

  • grazia ha scritto: mercoledì 08 aprile 2015

    @Sonia-Gz: Ciao Sonia, innanzitutto volevo dirti che sono una tua grande ammiratrice smiley , volevo chiederti, farina 0 sarebbe quella di semola di grano duro? grazie in anticipo della risposta!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 13 aprile 2015

    @grazia: Ciao Grazia, ti ringrazio, sono contenta di saperlo smiley no la farina 0 è sempre una farina di grano tenero ma che viene macinata meno della 00! Un abbraccio, ciao!

  • Giorgio ha scritto: martedì 03 marzo 2015

    Ciao, prego specificare che la pellicola trasparente che copre le palline di pasta deve essere unta d'olio altrimenti rimane attaccata.

  • Giovanna ha scritto: domenica 01 marzo 2015

    Sono in Inghilterra. Va bene una qualsiasi farina?Compro solo un pacco??

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 04 marzo 2015

    @Giovanna :ciao Giovanna, meglio una farina 0 

  • teresa ha scritto: giovedì 26 febbraio 2015

    E se volessi usare il lievito madre che dose dovrei usare?? E i tempi di lievitazione quali dovrebbero essere??

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 18 marzo 2015

    @teresa: Ciao Teresa, la dose di lievito madre è il 30% dell'impasto totale, mentre per i tempi dipendono dal tuo lievito!

  • Ilenia ha scritto: sabato 14 febbraio 2015

    Grazie per questa splendida ricetta..ho fatto un figurone con i miei amicismiley

  • anna ha scritto: martedì 20 gennaio 2015

    Ciao Sonia volevo sapere se con la stessa ricetta si possono fare al forno grazie anna

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 20 gennaio 2015

    @anna:Ciao! la ricetta originale prevede che siano fritte, se vuoi farle al forno puoi guardare la pasta per la pizza.

  • sonia ha scritto: venerdì 16 gennaio 2015

    Ciao Sonia è possibile friggere le pizze nella friggitrice?.grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 19 gennaio 2015

    @sonia:Ciao Sonia! puoi provare!

10 di 138 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento