Pizzoccheri alla valtellinese

Primi piatti
Pizzoccheri alla valtellinese
301 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Pizzoccheri alla valtellinese

I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese, conosciuti un po' ovunque e molto apprezzati soprattutto nei mesi freddi.
Il nome, pizzoccheri, sembra derivare dalla radice pit o piz col significato di pezzetto o ancora dalla parola pinzare col significato di schiacciare, in riferimento alla forma schiacciata della pasta.
Altre ipotesi farebbero risalire la parola pizzoccheri dal longobardo bizzo, ovvero boccone, ma questa ipotesi etimologica sembra da scartare completamente.
Nonostante un tempo venissero fatti a mano, al giorno d'oggi i pizzoccheri sono venduti sotto forma di pasta secca già imbustati e pronti alla cottura e sono realizzati con un tipo di farina particolare: la farina di grano saraceno.

Ingredienti per i pizzoccheri
Acqua 250 ml
Farina di grano saraceno 400 g
Sale fino 2 pizzichi
Farina 00 100 g
ingredienti per il condimento
Burro 100 g
Grana padano 150 g
Patate 350 g
Aglio 1 spicchio
Pepe nero q.b.
Valtellina Casera 250 g
Bietole 250 g

Preparazione

Pizzoccheri alla valtellinese

Per prima cosa, per preparare i pizzoccheri alla valtellinese, preparate i pizzoccheri: in una ciotola, mescolate le due farine (1), aggiungete l'acqua (2) e impastate fino ad ottenere un panetto compatto (3). Poi avvolgete l'impasto nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare per almeno trenta minuti in un luogo fresco.

Pizzoccheri alla valtellinese

Trasferitevi su una spianatoia e stendete la sfoglia con un mattarello (4), fino a uno spessore di 2-3 millimetri da cui dovrete ricavare delle fasce di 7-8 cm di larghezza (5). Sovrapponete le fasce ottenute alternandole con una spolverata di farina per fare in modo che non si attacchino tra loro, e tagliatele nel senso della lunghezza ottenendo delle tagliatelle larghe circa 5 millimetri (6). Lasciatele riposare su un piano infarinato cospargendole di farina.

Pizzoccheri alla valtellinese

Passate poi alla preparazione del condimento: mondate le coste e praticate un taglio a V lungo le venature delle foglie, quindi staccate il gambo  (per un approfondimento su come pulire le coste cliccate qui). Siccome il gambo contiene delle parti filamentose, staccatele usando un coltello dalla lama liscia e dividetelo in bastoncini della larghezza di 1 cm in modo che si cuociano più velocemente (7). Quindi lavate gambi e foglie sotto l’acqua corrente. Sbucciate e tagliate in tocchetti le patate (8). A questo punto lessate le verdure in acqua bollente salata (9), lasciate cuocere per 5 minuti.

Pizzoccheri alla valtellinese

Poi unite anche i pizzoccheri (10). Dopo 10 minuti di cottura scolate i pizzoccheri con una schiumarola e versatene una parte in una teglia calda, cospargete con il Grana grattugiato e Valtellina Casera a scaglie (11), e proseguite alternando i pizzoccheri al formaggio. Fate sciogliere il burro insieme all’aglio fino a quando questo non si sarà colorito, eliminate l’aglio e fate colare il burro fuso sui pizzoccheri (12). Servite i pizzoccheri caldi con una spolverata di pepe macinato fresco.

Conservazione

Consigliamo di consumare i pizzoccheri al momento ma se volete potete conservarli in frigorifero, chiusi in un contenitore ermetico, per un giorno al massimo.

Curiosità

Il Valtellina Casera è un formaggio semigrasso prodotto esclusivamente in Valtellina e protetto da un marchio di tipicità: Valtellina Casera.
Per assaporare i veri pizzoccheri dovete assolutamente utilizzare questo formaggio ma, se non lo avete a disposizione potete utilizzare anche della fontina anche se il risultato non è sicuramente lo stesso.

Consiglio

Chi volesse arricchire questa ricetta rimanendo nell'alveo della tradizione potrebbe aumentare le dosi di patate e delle coste, proponendo un piatto più ricco. Potete usare inoltre la verza al posto delle bietole. Chi, invece, avesse voglia di sperimentare potrebbe condire i pizzoccheri con un ottimo ragù fatto in casa o un sugo "montanaro" a base di funghi e panna. Poco ortodosso, lo so, ma da vera golosa ho già l'acquolina in bocca!

Leggi tutti i commenti ( 301 )

Ricette correlate

Crepes di grano saraceno

Primi piatti

Le crepes di grano saraceno (gallettes de sarrasin) sono specialità bretoni, di farina di grano saraceno farcite poi con ripieni…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 3 min
Crepes di grano saraceno

Crepes con roquefort e noci

Primi piatti

Le crepes con roquefort e noci sono originali e sofisticate crepes a base di grano saraceno, farcite saporito e morbido roquefort e…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 12 min
Crepes con roquefort e noci

Pansoti

Primi piatti

I Pansoti sono dei tipici tortelli Liguri molto conosciuti e molto semplici da preparare con il ripieno a base di ricotta e verdure.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 90 min
  • Cottura: 35 min
Pansoti

Tortelli di zucca burro e salvia

Primi piatti

I tortelli di zucca sono un primo piatto tipico di Mantova, con un ripieno agrodolce di zucca e mostarda, e conditi con burro fuso e salvia.

  • Difficoltà: elevata
  • Preparazione: 150 min
  • Cottura: 25 min
Tortelli di zucca burro e salvia

Strangozzi alla spoletina

Primi piatti

Gli strangozzi alla Spoletina sono delle tipiche fettuccine umbre, di origine umile ed antica, che vengono condite con pomodoro e…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 90 min
  • Cottura: 20 min
Strangozzi alla spoletina

Tortelli di zucca

Primi piatti

I tortelli di zucca sono una ricetta tradizionale natalizia, tipica di Mantova. Fagottini di pasta all'uovo ripieni di zucca e…

  • Difficoltà: elevata
  • Preparazione: 150 min
  • Cottura: 20 min
Tortelli di zucca

Culurgionis d'Ogliastra

Primi piatti

I culurgionis d'ogliastra è un formato di pasta tipico della bella Sardegna. Pasta fresca fatta a mano che viene farcita con un…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 7 min
Culurgionis d'Ogliastra

Altre ricette correlate

I commenti (301)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Ilaria ha scritto: domenica 04 dicembre 2016

    Cosa si puó usare al posto Dell Casera

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: domenica 04 dicembre 2016

    @Ilaria: Ciao, puoi usare il bitto o il formaggio latteria.

  • sara ha scritto: martedì 08 novembre 2016

    La ricetta dei pizzoccheri senza glutine che mi avete consigliato utilizza pizzoccheri industriali, se volessi prepararli io?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 08 novembre 2016

    @sara: Ciao Sara! Puoi provare quest'altra ricetta: pizzoccheri senza glutine dal blog "Odori&sapori"!

Leggi tutti i commenti ( 301 ) Scrivi un commento

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto delle Condizioni d'uso e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy

Antipasti
Ricette al forno
Finger Food
Torte salate
Primi
Pasta
Paste sfiziose
Riso e cereali
Secondi
Facili e veloci
Pesce
Carne
Dessert
Biscotti
Pasticceria
Torte