Polipetti Affogati

Secondi piatti
Polipetti Affogati
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 50 min
  • Dosi per: 4 persone
28 Aggiungi al tuo ricettario

Presentazione

I purpetielli affugati, detto alla napoletana, sono un piatto tipico della cucina Campana, in particolar modo di quella napoletana dove sembra siano stati "scoperti".
Pare che una volta, per le strade dei rioni napoletani , si trovassero addirittura dei venditori di brodo di polpo, che usavano vendere questa pietanza alla plebe per placare il loro appetito.
Giuseppe Marotta, in un suo libro, chiama il polpo il chewingum dei poveri a causa dei lunghi tempi di masticazione dovuti alla sua coriaceità .

Polipetti Affogati
Ingredienti
Sale q.b.
Aglio 1 spicchio
Peperoncino a seconda dei gusti
Pepe una spolverata
Prezzemolo abbondante
Olio 7 cucchiai
Molluschi 8 polipetti da 100 g l'uno
Pomodori pelati 400 gr

Preparazione

Per prima cosa pulite i polipetti rovesciandone la sacca e svuoltandola e privandoli degli occhi e del becco.
Lavateli per bene e metteteli in un tegame con i pomodori, l'olio, il sale e il pepe; a questo punto coprite il tegame con un foglio di carta oleata o ancora meglio con un foglio di carta stagnola e metteteci sopra il coperchio.
Cuocete a fuoco basso per circa 30 minuti senza mai togliere il coperchio ma scuotendo di tanto in tanto il tegame.
Passati 30 minuti aggiungete l'aglio e il prezzemolo tritato e fate cuocere ancora per un quarto d'ora fino a che il sugo sia ben denso e di un bel colore scuro.
Servite nel recipiente di cottura oppure utilizzate questo gustosissimo sugo per condire i famosi vermicelli...da leccarsi i baffi!

Curiosità

Il segreto per gustare questi deliziosi polipetti affogati, ce lo tramanda un antico detto napoletano : " ‘ o purpo se coce dint'all'acqua soja" infatti il polipo, cocendo, cede i liquidi che lo insaporiscono durante la cottura.
Le inchieste del commissario Salvo Montalbano, protagonista dei romanzi e dei racconti gialli di Andrea Camilleri, sono costantemente intersecate alle allusioni culinarie : in molti dei suoi romanzi Camilleri fa gustare al commissario più famoso d'Italia i nostri purpetielli affugati.

Il consiglio di Sonia

Indizi per riconoscere il vero polipetto verace: 1. due file di ventose parallele sui tentacoli; 2. sacca maculata di marrone con sfumature rosate e 3. non pesa più di 100 grammi. Diffidate dalle imitazioni! Il vero polipetto presenta un’altra caratteristica, non piacevole al palato: è stopposo. Per ovviare a questo problema, i pescatori usano sbatterli sulle rocce per renderli più teneri. Se a casa non avete una roccia a disposizione, potete compiere la stessa operazione sul lavandino.

Altre ricette

I commenti (28)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Svieta ha scritto: martedì 22 ottobre 2013

    Se i polipetti non sono tanti si possono aggiungere le patate a tocchetti per abbondare il piatto...almeno io lo faccio così...vengono buoni...

  • lorena ha scritto: sabato 31 agosto 2013

    buonissima. . ormai farà parte del mio menù ... grazie

  • albeto ha scritto: martedì 27 agosto 2013

    Se ciongelate i polpi noon ci sara' biogno di rovinarvi le mascelle ALBERTO DALLA SICILIA

  • serena ha scritto: giovedì 07 marzo 2013

    direi fantastica!!!!!grazie per questa ottima ricetta

  • mantenerlo ha scritto: sabato 23 febbraio 2013

    ottimo.....li abbiamo mangiati in un locale in Calabria, adesso ci proviamo noi .

  • Massimo ha scritto: domenica 30 dicembre 2012

    O bror e purp (Il brodo di polipo) lo trovi ancora a Porta Capuana tutt'oggi. Grazie della gustosa ricetta Massimo

  • mario ha scritto: venerdì 02 novembre 2012

    Preparato x l amore mio secondo la guida di giallo Zafferano mm ha commenti semplicemente. Perfetto

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 01 agosto 2012

    @frank: se preferisci puoi fare così!

  • frank ha scritto: mercoledì 01 agosto 2012

    Mi lascia perplesso l'aglio durante la cottura. Per quanto ne so io (poco perché cucino poco: ho cercato la ricetta in mancanza di mia moglie, al mare smiley ), l'aglio si fa sempre soffriggere nell'olio fino ad imbiondirlo, poi si toglie.

  • paolo ha scritto: sabato 07 luglio 2012

    non, si dice.... se passate dai vicoli ancora li vendono!!

10 di 28 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento