Pollo alla diavola

Pollo alla diavola
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    60 min
  • Preparazione:
    10 min
  • Dosi per:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Pollo alla diavola alla birra con patate e cipolline

pollo_diav195_ric.jpg


Il termine pollo alla diavola ha un’origine incerta e non si può certo dire che abbia un significato ben preciso, così come la sua preparazione non ha un metodo esatto.

Molte sono le teorie proposte: alcuni pensano che il termine alla diavola derivi dal fatto che il pollo viene cotto con forti fiamme (che ricordano quelle dell'inferno, dimora del diavolo!), altri sostengono che si chiami così per via del forte peperoncino usato per cospargerlo o perché sovente veniva servito con salsa “diable”…

L’unica certezza è che il pollo va tagliato lungo la schiena ed appiattito (anche se io preferisco aprirlo lungo il petto), poi va rosolato da entrambe le parti girandolo continuamente con olio, peperoncino e sale; potrete usare anche delle erbe aromatiche in polvere per insaporirlo ulteriormente.

Ingredienti
Pollo 1 pollastro giovane di circa 1 kg
Olio extravergine di oiva 6 cucchiai
Sale q.b.
Peperoncino di Caienna a piacere (non esagerate)
Aromi per arrosto in polvere q.b. (facoltativo)

Preparazione


pollo_diav_1_ric.jpg










Tagliate e scartate le zampe e il collo del pollo; togliete le eventuali piccole piume residue, poi lavatelo, asciugatelo: ora, secondo le regole, dovreste tagliarlo da cima a fondo lungo la schiena, ma io personalmente preferisco tagliarlo lungo il petto, perchè trovo che il pollo si rosoli molto più uniformemente e a fine cottura mantenga una forma migliore. Ovviamente sono solo mie opinioni, cmq vi farò vedere le fotografie di tutte e due le preparazioni finali.

pollo_diav_2_ric.jpg








Apritelo ed appiattitelo per bene schiacciandolo sul piano di lavoro, dopodichè massaggiatelo tutto con del sale e poi con 2 cucchiai di olio di oliva nel quale avrete aggiunto del peperoncino in polvere (non esagerate), e volendo anche degli aromi in polvere per arrosto.

pollo_diav_3_ric.jpg








Ora potete passare alla cottura, adagiando il pollo in un tegame antiaderente (o su di una gratella, oppure una piastra, a scelta), dove avrete messo il resto dell’olio di oliva; il tegame deve essere abbastanza capiente per contenere il pollo ben appiattito. Fate dorare il pollo con la parte spaccata all’ingiù, ponendo al di sopra di esso un coperchio più piccolo del tegame; sopra al coperchio sistemate un peso qualsiasi che tenga ben appiattito il pollo durante la cottura (io ho usato un pesante vaso pieno di conserva).

pollo_diav_4_ric.jpg









Lasciate dorare il pollo nella posizione in cui si trova per circa 5 minuti a fuoco vivace ma non altissimo, poi giratelo dall’altra parte e ripetete la stessa operazione; fate questo per 4-5 volte, fino a che il pollo non sarà cotto; la cottura dipende dalla grossezza del pollo e dalla consistenza delle sue carni, ma diciamo che per un pollastro di circa 1 kg ci vorranno circa 60 minuti. Nell'ultima sequenza di fotografie vedete il risultato finale del pollo aperto sul petto (taglio da me scelto) oppure, a seguire, quello aperto sulla schiena (come da manuale): a voi la scelta.
Appena il pollo sarà ben rosolato e cotto spegnete il fuoco e servitelo immediatamente.

Consiglio


Per insaporire il pollo alla diavola potete usare sia del peperoncino di Cajenna che quello rosso piccante comune; del pepe nero macinato oppure della Paprika o altro. L’importante è non esagerare, al fine di non creare una pietanza dove l'abuso della spezia copra il gusto della carne e rischi di rendere quasi immangiabile il piatto.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 10 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


10
Oreste ha scritto: Venerdì 07 Marzo 2014  |  Rispondi »
Dolcissima Sonia
Condivido appieno che il pollo va aperto dal petto e poi schiacciato(io lo faccio a suon di pugni a mo di martello.
Anche perche',non tutti sanno tagliare bene la vertebra.
Un saluto da HK
9
giulia ha scritto: Venerdì 21 Giugno 2013  |  Rispondi »
delizioso! questa sera lo rifaccio ma usando solo alette e cosce, la cottura sarà quasi certamente meno problematica smiley
8
mipe ha scritto: Giovedì 20 Settembre 2012  |  Rispondi »
Oggi a cena faro' questa ricetta. x me che adoro il peperoncino e' l'ideale...
7
Elide ha scritto: Mercoledì 19 Settembre 2012  |  Rispondi »
Davvero buono, l'ho fatto ancora poche volte ma ogni volta che lo preparo è sempre un successo.
6
Sonia-Gz ha scritto: Mercoledì 23 Maggio 2012  |  Rispondi »
@Viola: Se vuoi puoi mettere un foglio di carta da forno nella teglia dove farai il pollo! smiley
5
Viola ha scritto: Mercoledì 23 Maggio 2012  |  Rispondi »
volevo fare questa ricetta ma do un dubbio....durante la cottura ,non essendoci vino o quant'altro non si attacca alla teglia????Grazie a chi mi risponderà
4
silvialeopardi ha scritto: Lunedì 30 Aprile 2012  |  Rispondi »
questa ricetta la preparo x stasera vi faro0








questa ricetta la preparo x cena vi faccio sapere il risultato









3
valter ha scritto: Giovedì 12 Gennaio 2012  |  Rispondi »
ho provato questa ricetta e' stata ottima e suculenta grazie
2
U Sicilianu ha scritto: Sabato 05 Novembre 2011  |  Rispondi »
Ho provato questa ricetta questa sera era buonissima !! la rifarò spesso !! grazie smiley
1
Abdula ha scritto: Domenica 06 Settembre 2009  |  Rispondi »
molto buono...io marochina e aprezare molto vostr cucina.. io stiamre voi italiani.. grazie di tutto
10 di 10 commenti visualizzati

Lascia un Commento