Polpette al sugo

Secondi piatti
Polpette al sugo
157 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + 1 ora di riposo

Presentazione

Le polpette al sugo sono una pietanza preparata, con piccole varianti, in tutto il nostro paese ed oltre ad essere proposte come secondo piatto, possono anche essere impiegate come condimento per vari formati di pasta o addirittura per arricchire le teglie di pasta al forno.

Ingredienti
Carne bovina (o suina) tritata 500 gr
Pane mollica di pagnotta (tipo pugliese) 100 gr
Pepe macinato a piacere
Sale q.b.
Prezzemolo tritato 2 cucchiai
Aglio 3 spicchi
Noce moscata grattugiata 1 pizzico
Uova 3
Pecorino grattugiato 50 gr
Parmigiano reggiano grattugiato 50 gr
Basilico 4-5 foglie
Pomodori passata 1 lt
Olio extravergine di oliva 5 cucchiai
Cipolle 1

Preparazione

Polpette al sugo

Per prima cosa per preparare le polpette al sugo, togliete la crosta ad un pezzo di pagnotta e tagliate 100 gr di mollica a quadrotti, che porrete in un mixer e ridurrete in briciole.
Mettete in una ciotola la carne trita (bovina o suina, come preferite), potete aggiungere anche della salsiccia privata della pelle esterna (1-2) e aggiungete il pane tritato finemente (3),

Polpette al sugo

aggiungete il parmigiano, il pecorino, il prezzemolo, le uova, il sale, il pepe e la noce moscata (4). Impastate di nuovo gli ingredienti con le mani dopodiché lasciate riposare il composto per circa un'ora al fresco. Nel frattempo preparate il sugo. In una casseruola capiente ponete l'olio, la cipolla e l'aglio tritati finemente, lasciatela stufare, serviranno circa 15 minuti, quando la cipolla sarà diventata trasparente versate il sugo di pomodoro, aggiustate di sale e portate dolcemente a bollore.

Polpette al sugo

Continuate formando le polpette. Prelevate circa 10 gr di impasto e modellatelo con i palmi delle mani (7) per dargli una forma tondeggiante, e procedete in questo modo fino a terminare il composto (8).
Non appena il sugo di pomodoro bollirà, aggiungete delicatamente al suo interno (9) le polpette muovendo delicatamente il tegame per farle assestare.
Lasciate consumare per circa 20/30 minuti a fuoco basso, fino a che il sugo si sarà addensato e 5 minuti prima di spegnere il fuoco buttateci dentro le foglie di basilico: a cottura avvenuta, spegnete il fuoco e servite le polpette al sugo ancora calde.

Conservazione

Conservate le polpette al sugo, chiuse in un contenitore ermetico e poste in frigorifero, per due giorni al massimo.

Come fare la passata di pomodoro

Leggi la scheda completa: Come fare la passata di pomodoro

Il consiglio di Sonia

Una variante molto diffusa consiste nel friggere le polpette a parte nell'olio, e solo dopo unirle alla passata di pomodoro bollente: a voi la scelta.

Altre ricette

I commenti (157)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • giada ha scritto: martedì 03 marzo 2015

    Scuste e per chi è intollerante all'uovo? può semplicemente ometterlo?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 04 marzo 2015

    @giada: Ciao Giada mi dispiace ma non penso sia possibile, l'uovo serve a legare l'impasto. Senza questo in cottura si sfalderebbero

  • giuly ha scritto: sabato 28 febbraio 2015

    E se ci condissi gli spaghetti???

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 02 marzo 2015

    @giuly: Certamente, è' un'ottima idea! Guarda anche la ricetta di spaghetti con le polpettine!

  • Vale ha scritto: giovedì 26 febbraio 2015

    Le adoro le polpette al sugo ma preferisco lasciarla intera la cipolla come gli spicchi d aglio riesce a dare sapore lo stesso senza preoccuparti dell alito dopo cena ????????????

  • carla ha scritto: giovedì 05 febbraio 2015

    io ci metto anche della ricotta nell'impasto delle polpettine

  • Eva ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    Io al posto di pane ci metto patate lessate. Buonissimi

  • Vittorio ha scritto: lunedì 08 dicembre 2014

    Mah, volendo ci potete mettere al centro anche una cozza!, ed impanare la polpetta con della polvere di cemento a presa rapida che sicuramente rimangono....intatte. Ma dai la cannella, pure, tua nonna 50 anni fa usava la cannella? Esotica la nonnina!!! smiley Con rispetto. saluti e baci a tutti

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 09 dicembre 2014

    @Vittorio:Ciao Vittorio! GialloZafferano propone sempre delle varianti di ricetta, ideate anche a seconda del gusto personale per quanto riguarda i condimenti. prova a farle, ti stupiranno smiley

  • tommaso ha scritto: mercoledì 03 dicembre 2014

    @katia: prova a sostituire il pane comune con del pane a cassetta bagnato con il latte

  • Elisa ha scritto: sabato 08 novembre 2014

    Avete mai provato ad aggiungere un po' di cannella all'impasto?? Sembra strano, ma da' un sapore davvero particolare!!assolutamente da provare!!le nonne non sbagliano mai smiley

  • katia ha scritto: mercoledì 05 novembre 2014

    il sapore buonissimo ma sono un po' dure cosa posso modificare per renderle più morbide? Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    @katia: Ciao, per ottenere delle polpette morbide bisogna dosare la quantità di uova, pangrattato e formaggio grattugiato in modo che il composto risulti morbido ma omogeneo e compatto. Senza pangrattato verrebbe troppo asciutto, non assorbirebbe il sugo in cottura. Troppo pangrattato e formaggio rendono le polpette troppo compatte! Prova a regolare questi ultimi ingredienti in base al tuo gusto personale.

  • Barbara ha scritto: giovedì 23 ottobre 2014

    Mia mamma le prepara con la medesima ricetta. La sua unica variazione e che la mollica di pane la bagna con il latte. Dice che così rimangono più morbide! Cosa mi consigli?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 23 ottobre 2014

    @Barbara:ogni mamma ha la sua ricetta! Sono sicura che anche quelle della tua saranno deliziose  e morbide.

10 di 157 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento