Scampi alla busara

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    20 min
  • Preparazione:
    10 min
  • Dosi per:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Tartare di scampi

Scampi alla busara

Chi ha detto che cucinare il pesce è difficile? Con questa ricetta, Cristina del blog Kitchen Cri ci mostra come preparare in 30 minuti un secondo piatto di pesce, semplice ma ricco di gusto: gli scampi alla busara, un saporito guazzetto di scampi con pomodoro, aglio, peperoncino e prezzemolo.
Gli scampi alla busara sono un piatto conteso tra le regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia; in realtà è un piatto tipico della città di Trieste, che molto probabilmente lo ha ereditato dalle influenze dalmata-istriane. Il significato del termine busara o buzara non è ancora molto chiaro: secondo alcuni la busara era una pentola in ferro usata per preparare i pasti a bordo dei pescherecci; secondo altri deriva da "busiara" che in dialetto significa bugia o imbroglio e si riferisce al fatto che la ricetta prevede che gli scampi siano "imbrogliati" , cioè coperti, nascosti, con il pomodoro; infine altri ancora segnalano che busara stia a significare zuppa.
Gli scampi alla busara si preparano con pochi ingredienti e richiedono di essere mangiati assolutamente con le mani, almeno in Friuli Venezia Giulia! Scoprite anche voi la ricetta degli scampi alla busara e come dice la nostra Cristina: "se me vien a mi…te vien anca a ti!"

Ingredienti
Scampi 1 kg
Aglio 1 spicchio
Peperoncino fresco intero 1
Pomodori pelati 300 gr
Vino bianco 50 ml
Pangrattato 20 gr
Prezzemolo tritato 2 cucchiai
Olio di oliva extravergine q.b.
Sale q.b.

Preparazione

Scampi alla busara
Per preparare gli scampi alla busara, per prima cosa lavate bene gli scampi sotto l’acqua corrente fredda (1). Con un coltello affilato o con le forbici praticate un taglio verticale sul dorso (2) oppure sulla pancia, in modo da facilitare l'estrazione della polpa una volta cotti. Se preferite, potete anche lasciarli interi. In una padella capiente fate inbiondire in olio d'oliva extravergine uno spicchio d'aglio (3);
Scampi alla busara
unite anche il peperoncino fresco intero (4). Potete infilzare sia l'aglio che il peperoncino con uno stuzzicadente, per facilitarne poi l'eliminazione a fine cottura. Quando l'aglio sarà imbiondito, aggiungete il pangrattato (5), che servirà per addensare la polpa di pomodoro, e mescolate velocemente per non farlo bruciare. Subito dopo, aggiungete gli scampi (6), meglio non sovrapporli per uniformare la cottura, e
Scampi alla busara
sfumate con il vino bianco (7). Lasciate evaporare per un paio di minuti quindi salate e unite i pomodori pelati tagliati a pezzetti (8), date una mescolata (9) e
Scampi alla busara
coprite con un coperchio la padella (10). Lasciate cuocere così per 15 minuti circa. Intanto tritate finemente il prezzemolo (11) e, a cottura ultimata, spolverizzatelo sugli scampi (12).
Scampi alla busara
Prima di servire gli scampi alla busara, eliminate il peperoncino e lo spicchio d'aglio (13-14): ecco pronti i vostri scampi alla busara (15)!

Conservazione

Potete conservare gli scampi alla busara in frigorifero, coperti con la pellicola e consumarli il giorno dopo al massimo.
Potete congelare gli scampi crudi, solo se freschi, e scongelarli il giorno prima di utilizzarli in frigorifero.

I consigli di Sonia

Se detestate l'aglio eliminatelo, ma non sostituitelo con la cipolla: un vero triestino non lo farebbe mai! E in effetti non avrebbe tutti i torti: il piatto è già dolce grazie agli scampi, perché sdolcinarlo con la cipolla? Potete, invece, sostituire senza paura di venire messi all'indice da Trieste e dintorni la polpa di pomodoro: per esempio con dei pomodori ramati (vi consiglio di sbollentarli prima di pelarli, ci metterete un attimo).

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 24 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


24
raf ha scritto: Domenica 20 Aprile 2014  |  Rispondi »
se posso dare qualche consiglio da cuoco quale sono...15 min per gli scampi sono troppi!per ottenere una cottura ottimale e soprattutto avere un sughetto saporito(e non degli scampi al sugo di pomodoro) bisogna:

-soffriggerel aglio e il peperoncino
-aggiungere gli scampi facendoli cuocere 1 minuto per lato
-sfumare con abbondate vino...o meglio ancora con cognac(o brandy...anche vodka bianca va bene)
-dopo 2 min togliere tutti gli scampi e appena sara evaporato l alcol aggiungere il pangrattato(il segreto e qui...il pangrattato prende il gusto degli scampi e lo porta nel sugo)
-far abbrustolire 30 sec il pane poi aggiungere il pomodoro sale pepe e lasciarlo cuocere una decina scarsa di minuti(dipende da quanto pangrattato avete messo in ogni caso finche non sara bello denso)
-rimettete gli scampi nel sugo fate cuocere a fuoco vivo altri 2-3 min aggiungere il prezzemolo e servire

provate e sentirete la differenza smiley
23
alberto ha scritto: Sabato 08 Marzo 2014  |  Rispondi »
grazie
22
Claudia(Friuli) ha scritto: Sabato 01 Febbraio 2014  |  Rispondi »
Io sono friulana, ma sinceramente avevo sempre mangiato gli scampi alla Busera solo al ristorante e principalmente in Croazia. Questa sera ha seguito questa ricetta ed ho avuto un successo stre-pi-to-so!!! Appena messi gli scampi ed il pomodoro ho aggiunto un po' d'acqua xchè mi sembravano un po' asciutti, ma evidentemente nn serviva, infatti gli ultimi 3 minuti ho fatto andare il tutto senza coperchio x ridurre un po' il sughetto. Grazie Sonia!!!!
21
lin ha scritto: Mercoledì 24 Luglio 2013  |  Rispondi »
Alla busara, per lo più perchè in molte trattorie dell'epoca (50-60 anni fa) si usava "insaporire" le "canocie" assieme agli scampi, e quindi servire a chi poteva permetterselo, il piatto in se, e a chi no.. comunque una prelibatezza. Ciao!
20
Elisa ha scritto: Lunedì 20 Maggio 2013  |  Rispondi »
Pexerello, è anche una ricetta tipica triestina ma le sue origini sono istriane e dalmate. come qualcuno ha giá scritto, viene fatta sia in rosso che in bianco. In rosso viene quasi sempre utilizza come condimento per tagliatelle. Il vino da abbinarci è il Malvasia istriano, in mancanza un Friulano (come viene detto nella video ricetta) andrá benissimo.
19
samantha ha scritto: Domenica 19 Maggio 2013  |  Rispondi »
@paxerello: e' una ricetta che viene dalla croazia/dlovenia ecc..
18
paxerello ha scritto: Sabato 18 Maggio 2013  |  Rispondi »
@Elisa: che cosa è una ricetta dalmato istriana?????????
17
Elisa ha scritto: Venerdì 17 Maggio 2013  |  Rispondi »
È una ricetta dalmato/istriana!
16
Iesa ha scritto: Giovedì 16 Maggio 2013  |  Rispondi »
Io l'ho mangiata in Croazia....buonissima....L'ho riproposta ai miei amici e da pugliesi che sono han voluto la pasta (spaghetti formato speciale).....e si sono leccati i baffi..... e fatto una mega "scarpetta". Da riproporre sicuramente in una calda giornata su di un terrazzo con vista mare..... La mia versione prevede altri frutti di mare.....(vongole e cozze, è più rosso, nonchè una bella manciata di pangrattato che rende il sugo molto denso. Effettivamente la versione qui proposta l'ho mangiata nel nord della croazia, invece quella più sugosa nel sud!!!
15
Paolo Bigazzi ha scritto: Giovedì 16 Maggio 2013  |  Rispondi »
A Trieste ed in Istria esistono due Busare: Rossa e Bianca. Cambia solo il pomodoro. Paolo.
10 di 24 commenti visualizzati

Lascia un Commento