Speciale Menu della domenica

Come fare il soffritto

Come fare il soffritto
22 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 15 min
  • Costo: molto basso

Presentazione

Come fare il soffritto

Il soffritto è una preparazione che in cucina viene usata come base per cucinare numerosi piatti di carne, pesce o verdure.
Per preparare un soffritto a regola d’arte bastano pochi ingredienti: una cipolla, una carota e una costa di sedano tagliati a cubetti e fatti stufare in pentola con olio extravergine d’oliva.
Il segreto di un buon soffritto è la cottura a fuoco basso che permette alle verdure di rilasciare il loro sapore e diventare morbide.
Con il soffritto potrete preparare dal ragù agli arrosti, dal minestrone ai calamari in umido.

Ingredienti
Carote 1 media
Cipolle bianca 1 media
Sedano 1 costa
Olio di oliva extravergine q.b.
Vino bianco o acqua (facoltativo) 50ml

Preparazione

Come fare il soffritto

Per preparare il soffritto vi serviranno un pelapatate e un coltellino. Iniziate a pulire la cipolla: sbucciatela (1) e dividetela a metà. Quindi poggiale la parte piatta di una metà su di un tagliere e iniziate a tagliare la prima metà in fette nel senso della lunghezza e poi nel senso della larghezza,  per ottenete dei cubetti (3).

Come fare il soffritto

Passate alla carota: eliminate le estremità della carota con un coltellino e con un pelapatate, sbucciate la carota e lavatela sotto l’acqua corrente (4). Tagliate la carota a fette molto sottili per il senso della lunghezza (5), diividetele ulteriormente a metà e tagliatele infine nel senso trasversale per ottenere dei cubetti (6).

Come fare il soffritto

Infine la costa di sedano: lavate bene la costa sotto l’acqua corrente ed eliminate le foglie esterne, quelle laterali e sulla sommità. Eliminate la membrana filamentosa esterna con il pelapatate (7). Dividete la costa a metà e tagliatela in tante striscioline (8) e poi riducete a cubetti piccoli le striscioline (9).

Come fare il soffritto

Mettete in una padella l’olio extravergine d’oliva (10) fate scaldare e poi aggiungete il trito di cipolla, carote e sedano (11). Giratelo per far rosolare le verdure da tutti i lati e lasciate cuocere per almeno 15 minuti o finché la cipolla sia diventata completamente trasparente. Per accellerare la cottura potete anche sfumare dopo 5 minuti con del vino bianco o dell'acqua (12). Il vostro soffritto è pronto!

Conservazione

Il soffritto si può congelare, se ne preparate una discreta quantità asciugatelo bene utilizzando un canovaccio pulito e riponetelo in un sacchetto adatto per la congelazione.

Altre ricette

I commenti (22)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Elio ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    Mi sembra facile ma per un imbranato come me non so come finira.buon anno a tutti.

  • Alfredo ha scritto: mercoledì 28 ottobre 2015

    Per essere più precisi, si può sapere, in temni di peso, la proporzione tra carota, sedano e cipolla? Grazie!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    @Alfredo: Ciao Alfredo, dipende molto dalla ricetta che utilizzi, in questo caso stiamo dando un'idea sul come va fatto il soffritto smiley un saluto!

  • Luciano ha scritto: martedì 05 maggio 2015

    Il sistema spiegato (non come insieme di verdure ma come cottura) è dannoso e ordi aggiungere all'olio acqua,o vino o anche latte per un ottimo "soffritto"amai abbandonato dalla maggioranza degli chef. L'olio cotto danneggia l'organismo.

  • Francesca ha scritto: giovedì 26 marzo 2015

    Salve, vorrei sapere, perché la carota va lavata mentre la cipolla no? Grazie.

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 03 aprile 2015

    @Francesca: Ciao Francesca, perché la cipolla ha una parte sfogliata che non è commestibile; mentre la buccia della carota è edibile (se piace e se l'amaro non disturba) smiley un saluto!

  • Elisa ha scritto: venerdì 13 giugno 2014

    Io di solito metto tutti e tre gli ingredienti nel tritatutto, quindi non va bene?!

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 28 gennaio 2014

    @melime: Esatto, oppure puoi farne un pò di più e congelarlo in piccoli contenitori per scongelarlo all'occorrenza.

  • melime ha scritto: lunedì 27 gennaio 2014

    se cucino per una persona metto una manciata di cipolle, carote e sedano?

  • Gianna ha scritto: martedì 10 dicembre 2013

    Ciao, Sonia, ovviamente sono d'accordo sugli ingredienti che sono quelli per preparare la base del ragù, un po' meno sulla preparazione e in specifico il taglio delle verdure che a mio parere deve essere fatto in modo che le verdure diventino quasi una crema e non cubetti. Mia nonna e mia madre hanno sempre usato per questa operazione la mezzaluna, ed è così che avviene qui in Emilia.

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 29 ottobre 2013

    @maurizio: va bene per un ragù per 6 persone.

  • maurizio ha scritto: lunedì 28 ottobre 2013

    Grazie per la risposta! Ne approfitto per porgerti un'altra domanda riguardante sempre il soffritto. Utilizzando le dosi indicate posso utilizzare questo soffritto per preparare del ragù di carne per quante persone?

10 di 22 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento