Spaghetti alle vongole

Primi piatti
Spaghetti alle vongole
200 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + il tempo di ammollo delle vongole

Presentazione

Spaghetti alle vongole

Gli spaghetti con le vongole sono uno dei piatti più famosi ed apprezzati della tradizione culinaria Napoletana, dove sono più conosciuti come "vermicelli con le vongole". Anche se ormai gli spaghetti alle vongole vengono preparati in ogni angolo del mondo, è impossibile per chi si reca a Napoli non provare questo piatto delizioso, magari gustandoli in riva al mare. Le vongole migliori da utilizzare per gli spaghetti sono le veraci, pescate nei nostri mari, dal frutto polposo e molto saporito!

Ingredienti
Spaghetti 400 g
Vongole 1 kg
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo 1 mazzetto
Olio di oliva extravergine q.b.
Pepe macinato q.b.
Sale grosso q.b.

Preparazione

Spaghetti alle vongole

Per preparare gli spaghetti alle vongole, controllate che non contengano sabbia: picchiettatele una ad una su un tagliere dalla parte dell'apertura(1). Se uscirà della sabbia scura significa che la vongola sarà piena di sabbia e sarà quindi da buttare. Eliminate anche quelle che presentano il guscio rotto. Poi ponete le vongole in un colapasta poggiato su una ciotola e sciacquatele più volte (2) sotto acqua corrente: terminate quando nella ciotola non si vedrà più sabbia. Versate un filo d'olio in una pentola capiente (3) e uno spicchio di aglio sbucciato e fatelo rosolare qualche istante.

Spaghetti alle vongole

Scolate bene le vongole e versatele nel tegame (4): coprite con il coperchio (5) e accendete il fuoco vivace: in questo modo le valve si apriranno con il calore. Dovrete spegnere il fuoco immediatamente dopo la completa apertura (6), per non compromettere la tenerezza del frutto di mare con una cottura troppo prolungata.

Spaghetti alle vongole

Scolate le vongole (7) e conservate il liquido di cottura che si sarà formato. Sgusciatene metà (8) (potete anche decidere di saltare questo passaggio). Poi portate a bollore abbondante acqua e salate a piacere (9)

Spaghetti alle vongole

quindi cuocete gli spaghetti (10), dovrete scolarli a metà cottura (potete scegliere uno spaghetto dalle dimensioni più grandi e dalla superficie porosa per rendere il piatto più cremoso). Mentre la pasta cuoce, tritate finemente il ciuffo di prezzemolo (11); poi in un'ampia padella versate un filo 'olio e uno spicchio di aglio intero (facoltativo), quindi versate il liquido di cottura delle vongole filtrato (12) e fatelo addensare qualche minuto

Spaghetti alle vongole

poi unite parte del prezzemolo tritato (13) e gli spaghetti scolati a metà cottura (14) (conservate dell'acqua di cottura). Proseguite la cottura degli spaghetti in padella, come per la pasta risottata e unite le vongole sgusciate (15)

Spaghetti alle vongole

poi unite quelle intere (16) e il restante prezzemolo (17); se necessario potete aggiungere qualche mestolo di acqua di cottura. Spegnete il fuoco e servite gli spaghetti alle vongole ben caldi (18)!

Conservazione

Consigliamo di mangiare gli spaghetti alle vongole appena fatti, ma se lo desiderate potete conservarli in frigorifero per un giorno al massimo, chiusi con un contenitore ermetico.
Se non consumate subito le vongole, potete conservarle in frigorifero in una ciotola piena di acqua o avvolte in un panno inumidito.

Curiosità

La tradizione degli spaghetti alle vongole ha anche delle varianti, in particolare a Napoli ci sono due modi per prepararli con o senza pomodoro. In ogni famiglia, poi, ci sono i sostenitori di una o l'altra ricetta, in ogni caso in entrambi i casi è un peccato non assaggiarli.

Il consiglio di Sonia

Le vongole più indicate per la preparazione di questo piatto sarebbero quelle veraci che però, sono state soppiantate quasi ovunque da quelle asiatiche, dal gusto meno deciso. Se volete preservare il sapore mediterraneo di questo piatto, potete sostituire le veraci con le telline: data la dimensione ridotta, impiegherete molto più tempo per assaporarle, ma il risultato sarà memorabile.

Altre ricette

I commenti (200)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 05 settembre 2014

    @Francesca: per questa ricetta puoi usare entrambe.

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 05 settembre 2014

    @Francesca: per questa ricetta puoi usare entrambe.

  • Francesca ha scritto: venerdì 05 settembre 2014

    La proverò oggi stesso! Che differenza c'è tra le vongole veraci e le vongole rigate? Sei una cuoca fantastica!

  • Alessandro ha scritto: giovedì 04 settembre 2014

    @Sonia-Gz: grazie della risposta,come sempre " in medio stat virtus"! smiley oggi mi cimenterò nella preparazione del piatto,speriamo bene! smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 03 settembre 2014

    @Alessandro: Ciao puoi far andare la fiamma media!

  • asia ha scritto: mercoledì 03 settembre 2014

    @davide: Non è vero la farina addensa!!! Al contrario la pasta rilascerebbe la giusta quantità d'amido per addensarle solo quando si scuocerebbe!!!

  • asia ha scritto: mercoledì 03 settembre 2014

    @Gianco 32: cosa c'entrano le cozze con le vongole? O sa di vongole o di cozze. BOCCIATO.

  • Alessandro ha scritto: martedì 02 settembre 2014

    avevo postato un commento,ma nn lo trovo... la domanda era: una volta messi gli spaghetti scolati al dente in padella x farli "risottare",quanto deve essere la fiamma? alta,bassa o al minimo che garantisce al liquido lasciato dalle vongole di continuare a "bollire"? un saluto

  • Alessandro ha scritto: martedì 02 settembre 2014

    Cara Sonia prima di tutto complimenti,sei bravissima e rendi facile a noi profani della cucina cimentarci tra i fornelli! Volevo chiederti una cosa riguardo la "risottatura" degli spaghetti alle vongole:una volta aggiunti gli spaghetti al liquido delle vongole(che nel video fai vedere bisogna scaldarlo fino a che bolle) il fuoco come deve rimanere? Vivace,basso o forte quanto basta a far continuare a "bollire" il sughetto lasciato dalle vongole? Fammi sapere,un abbraccio!

  • michela ha scritto: lunedì 01 settembre 2014

    scusa non ti offendere ma da buon campana lo spsghetto e vongole non si fa cosi sei molto lontana la cosa assurda e che hai sgusciato le vongole la vongola va mangiata estraendola dal guscio con la bocca scusami

10 di 200 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento