Spaghetti con la bottarga

Primi piatti
Spaghetti con la bottarga
78 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 25 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: elevato

Presentazione

Spaghetti con la bottarga

Come trasformare un semplice primo piatto in una ricetta gustosa e originale? Gli spaghetti con la bottarga sono esattamente il piatto su cui far affidamento. Una preparazione piuttosto semplice, di quelle che il sugo si prepara mentre cuoce la pasta, ma in grado comunque di conferire un gran sapore alla portata. Gli spaghetti con la bottarga quindi vengono impreziositi proprio dalla presenza di questa eccellenza italiana proveniente dalla Sardegna. La bottarga è un alimento pregiatissimo, costituito dalle uova di muggine (cefalo) o di tonno, particolarmente abbondanti nelle nostre acque, sottoposte a un lungo procedimento di salatura ed essiccamento. È un prodotto unico al mondo e al tempo stesso un piccolo “lusso” culinario da riservare per un pranzo o una cena speciale. Ecco perché lasciarvi scappare un piatto come gli spaghetti con la bottarga sarebbe un vero peccato!

Ingredienti
Spaghetti N°5 320 g
Bottarga di muggine a pezzo intero 25 g
Olio extravergine 40 g
Scalogno 35 g
Limoni la scorza di 1
per la panure
Pangrattato 40 g
Olio extravergine 20 g
Vai alle ricette con Spaghetti N°5

Spaghetti N°5

I nuovi Spaghetti N°5 Barilla sono ancora più buoni. Il segreto? Una nuova combinazione di grani duri eccellenti e trafile ridisegnate nei minimi dettagli, con la cura e la passione di chi fa pasta da oltre cent’anni.

Scopri tutte le ricette

Preparazione

Spaghetti con la bottarga

Per prima cosa cominciate pelando un limone con il pelapatate, in questo modo ricaverete soltanto la parte gialla (1): dalle zeste ricavate delle listarelle (2). Passate poi a mondare e tritare finemente lo scalogno: ve ne serviranno 35 g. Passate a preparare la panure versando l’olio extravergine di oliva in padella insieme al pangrattato (3)

Spaghetti con la bottarga

e lasciate dorare per qualche minuto (4). Non appena saranno ben dorate mettete da parte (5). A questo punto mettete sul fuoco una pentola con l’acqua per la pasta e lasciate che raggiunga il bollore. Quando bollirà non salate troppo, perchè la bottarga è già molto saporita di per se'. Intanto in un tegame versate l’olio e unite lo scalogno tritato (6), lasciate insaporire a fiamma dolce per 2-3 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che si bruci.

Spaghetti con la bottarga

Poi fate insaporire anche le scorze di limone per pochi istanti (7). Prelevate un mestolo d’acqua calda, versatelo nel tegame con il condimento e continuate la cottura per altri 10 minuti (8). A questo punto tuffate la pasta nell’acqua bollente salata appena(9)

Spaghetti con la bottarga

A metà cottura scolate gli spaghetti direttamente nel tegame con il condimento, tenendo l'acqua di cottura da parte (10): vi servirà per risottare la pasta nel tegame e completare la cottura, aggiungendo acqua al bisogno (11). Intanto con un coltellino, eliminate il rivestimento esterno della bottarga e quando la pasta sarà a cottura, andate a grattugiarla direttamente nel tegame utilizzando una grattugia a maglie larghe (12).

Spaghetti con la bottarga

Aggiungete la panure, tenendone da parte un po’ per decorare i singoli piatti (13), infine mescolate e spegnete il fuoco (14). I vostri spaghetti con la bottarga sono pronti (15), buon appetito!

Conservazione

Si consiglia di consumare subito questo piatto.

Si sconsiglia la congelazione.

La bottarga si può conservare per diverse settimane nella parte meno fredda del firgorifero, avvolta in carta alluminio.

Consiglio

Se al posto della panure volete provare qualcosa di più stuzzicante, provate a scottare in padella della granella di mandorle!

I commenti (78)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Filippo ha scritto: domenica 21 agosto 2016

    Pan grattato no! Se volete che diventi più saporita perché il sale era troppo poco aggiungete un cucchiaino o due di colatura di alici(originaria di Salerno), esaltazione dei sapori è al massimo.

  • gianco 32 ha scritto: venerdì 19 agosto 2016

    Anche se meno saporita va bene quella in polvere: io aggiungo anche con olio e aglio due filetti d'acciuga

  • Manzi ha scritto: mercoledì 17 agosto 2016

    Non condivido il limone e il pangrattato, mentre aggiungo alla fine del pecorino. Si esalta così l elemento principe :la bottarga di muggine.

  • Vianka ha scritto: mercoledì 17 agosto 2016

    Grazie è veramente FAVULOSAAAAAA sono rimasti senza parole.

  • Rita ha scritto: domenica 14 agosto 2016

    Ottimo piatto la mia famiglia mi ha fatto i complimenti grazie alla vostra ricetta

  • Paolo ha scritto: sabato 06 agosto 2016

    Assolutamene d'accordo con Fabio dal Molin, Alberto e Tonino Candia. Per me Giallozafferano è il miglio sito di ricette e questa la considero l'eccezione che conferma la regola ... Però davvero, cambiate il titolo, aggiungetevi un "a modo mio" o "pasta, pane, limone e bottarga". Vero che non fate riferimento esplicito alla ricetta sarda, ma dire "pasta alla bottarga" è come scrivere "pasta al pesto" ... un marchio. Poi c'è chi nel pesto ci mette il prezzomolo ... ma almeno siate intellettualmente onesti. Grazie per tutto quanto il resto.

  • fabio ha scritto: giovedì 04 agosto 2016

    Buongiorno a tutti. La ricetta originale prevede spaghetti, aglio, olio, bottarga. La panure fa da rinforzo al piatto cioè lo rende più corposo ma lo sconsiglio perché copre il sapore della bottarga. I ogni caso sia la bottarga a scaglie cioè intera o quella granulare vanno bene entrambe. Per mio gusto preferisco la granulare perché si amalgama meglio in preparazione. Poi la cucina e saper unire ingredienti per rendere unico un piatto. Ma ricordate che non bisogna mai coprire il sapore di ciò che richiama il piatto stesso in questo caso la bottarga. La cucina è polivalente e si possono variare l'uso degli ingredienti aggiungendo o togliendo ma rispettando l'ingrediente principe del piatto ciò la bottarga...io sono Fabio dal molin Se poi volete passate nel mio ristorante... Proverete.

  • Alberto ha scritto: mercoledì 03 agosto 2016

    Ma come si fa a mettere il limone e il pan grattato nella pasta alla bottarga ?? Ve la siete inventata di sana pianta ! La ricetta originale sarda non lo prevede !!! questa è pasta alla bottarga e limone. Diciamolo chiaramente ! L' arte in cucina rispetta le tradizioni !

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 03 agosto 2016

    @Alberto: Ciao Alberto, come potrai leggere dal titolo e nella presentazione, non si fa mai riferimento alla ricetta tipica sarda. Piuttosto si tratta di un suggerimento che noi di GialloZafferano abbiamo voluto dare per impiegare questo prodotto tipico della Sardegna smiley un saluto!

  • grazia ha scritto: lunedì 01 agosto 2016

    Ho provato la ricetta. ..mi sono tenuta leggera col sale nella acqua della pasta..forse un po troppo difatti è risultata un po sciapa..ad ogni modo è piaciuta ...piacevole la scorza di limone che ha dato un tocco di freschezza

  • tonino candia ha scritto: martedì 26 luglio 2016

    io ho avuto 3 ristoranti a Cagliari di livello medio alto sono stato stato premiato dell'accademia nazionale della cucina ma uno spaghetto alla bottarga così non l'ho mai sentito nemmeno da altri colleghi limone pane grattugiato non ho parole poi se si parla di un piatto rivisitato cambia tutto grazie

10 di 78 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy