La qualità degli ingredienti fa la differenza in ogni ricetta

Spaghetti poveri

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Possono semplici ingredienti combinati insieme sprigionare sapori unici e gustosi? Nel caso degli spaghetti poveri, si! Un primo piatto preparato con un condimento veloce a base di olive taggiasche, capperi, peperoncino in cui i filietti di acciughe si sciolgono completamente, creando una salsa dal sapore spiccato. Gli spaghetti vengono saltati brevemente in padella con l'aggiunta del pangrattato che conferisce una piacevole nota croccante e permette di trattenere meglio il condimento. Il risultato è un piatto facile da preparare, molto saporito e invitante: ideale per chi ama i gusti decisi, per un pranzo o una cena in allegria, quando la voglia di qualcosa di sfizioso è tanta ma il tempo per cucinare è poco. E potrete scegliere di dare un tocco in più ai vostri spaghetti poveri aggiungendo al condimento dei pomodorini confit o dei cubetti di pomodori secchi, secondo il vostro gusto!

Leggi anche: Tortelli poveri »

Spaghetti N°5

Il segreto della bontà della pasta Barilla? Un impegno costante per la qualità. Una selezione di grani duri eccellenti e accuratamente miscelati, per garantire una pasta buona e sempre al dente.
www.guardatustesso.it

Scopri tutte le ricette

Preparazione

Per preparare gli spaghetti poveri iniziate mettendo sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata, dove cuocerete la pasta. Poi pensate al soffritto: tritate finemente la cipolla rossa (1) e lo spicchio d'aglio (2). Poi prendete una padella capiente, versateci l'olio extravergine di oliva fino quasi a ricoprire il fondo e aggiungete la cipolla (3) e l'aglio appena tritati.

Lasciate soffriggere per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto perché il soffritto non si attacchi al fondo della padella (4). Quando l'acqua sarà giunta a bollore, buttate la pasta e lasciatela cuocere per il tempo indicato sulla confezione (5). Sciacquate bene i capperi sotto acqua corrente per liberarli del sale in eccesso e tritateli grossolanamente (6),

quindi aggiungeteli al soffritto (7), mescolate e unite anche le acciughe (8). Private i peperoncini dei semi, poi tritateli grossolanamente (9)

e uniteli in padella (10). Lasciate cuocere a fuoco dolce mescolando spesso, fino a quando le acciughe non si saranno sciolte. Se necessario allungate con un mestolo di acqua di cottura della pasta. Passate a tostare il pangrattato: prendete una padella, versateci un giro d'olio e poi unite il pangrattato (11). Fatelo tostare mescolando fino a quando non risulterà dorato (12): a quel punto toglietelo dal fuoco e trasferitelo in una ciotolina.

Tornate al condimento, che ormai sarà pronto: aggiungete le olive taggiasche (13) tritate il prezzemolo (14) e unitelo nella padella (15) mescolando per amalgamare bene il tutto.

Scolate la pasta al dente, tenendo da parte un po' di acqua di cottura, e versatela nella padella con il condimento (16). Mescolate e fate saltare gli spaghetti per un minuto (17), poi unite il pangrattato (18).

Aggiungete una mestolata di acqua di cottura (19) e mescolate bene (20) prima di impiattare (21). I vostri spaghetti poveri sono pronti per essere gustati!

Conservazione

Si consiglia di consumare gli spaghetti poveri appena preparati, per gustare al meglio la croccantezza del pangrattato. Se però dovessero avanzarvene potete conservarli in frigorifero, in un contenitore ermetico per un giorno.

Consiglio

Un sugo saporito e un profumino invitante: gli spaghetti poveri sono una vera tentazione! Se sentite il bisogno di completarli con un tocco personale, aggiungete dei pinoli tostati oppure provate a tagliare la crosta del parmigiano a cubetti e aggiungeteli in padella!

Leggi tutti i commenti ( 53 )

I commenti (53)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

Leggi tutti i commenti ( 53 ) Scrivi un commento

Ultime ricette

Ho voglia di

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.