Spaghetti ubriachi

Primi piatti
Giallozafferano - Barilla La qualità degli ingredienti fa la differenza in ogni ricetta
Spaghetti ubriachi
45 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: molto basso

Presentazione

Spaghetti ubriachi

La cucina è fatta di interpretazioni ma soprattutto di fantasia, e a noi di Giallo Zafferano piace molto provare differenti abbinamenti e creare ricette sfiziose che si prestano ogni volta ad essere usati in contesti diversi. Gli spaghetti ubriachi, per esempio, si adattano ad una serata divertente come una cena tra amici, ai quali vogliamo proporre un primo piatto insolito, di quelli che si preparano nel tempo in cui cuoce la pasta. Il gusto è decisamente intenso, e tanto più è buono il vino, nel nostro caso un corposo merlot, tanto più saranno buoni gli spaghetti ubriachi. Stappate una bottiglia e cuocete la pasta, che tra poco si va a tavola!

Ingredienti
Spaghetti 400 g
Porri 100 g
Burro 30 g
Noce moscata grattugiata 2 g
Vino rosso Merlot 250 ml
Zucchero 5 g
Sale 3 g
Pepe nero macinato 2 g
Pecorino romano di cui 50 gr grattuggiato + 20 gr a scaglie 70 g
Vai alle ricette con Spaghetti

Spaghetti

I nuovi Spaghetti N°5 Barilla sono ancora più buoni. Il segreto? Una nuova combinazione di grani duri eccellenti e trafile ridisegnate nei minimi dettagli, con la cura e la passione di chi fa pasta da oltre cent’anni.

Scopri tutte le ricette

Preparazione

Spaghetti ubriachi

Per preparare gli spaghetti ubriachi iniziate mondando il porro: togliete le foglie esterne più coriacee (1), dopodiché incidete lungo il porro eliminando il primo strato, per assicurarvi che eventuali impurità e residui di terreno restino attaccati (2) e infine affettate finemente (3).

Spaghetti ubriachi

In una padella lasciate fondere il burro (4), poi aggiungete il porro sminuzzato lasciandolo appassire a fiamma media (5) e dopo pochi minuti sfumate versando il vino rosso (6).

Spaghetti ubriachi

Aggiustate con zucchero (7) sale, pepe nero e noce moscata grattugiata (8) e lasciate cuocere ancore per qualche minuto a fiamma viva, in questo modo otterrete un composto leggermente asciutto (9).

Spaghetti ubriachi

Quando avrete ottenuto una consistenza giusta, quindi non troppo liquida né troppo asciutta, versate il composto in un mixer (10) e  frullate fino ad ottenere una crema omogenea che poi verserete in padella (11). Intanto cuocete gli spaghetti al dente (12)

Spaghetti ubriachi

e quando saranno pronti scolateli grossolanamente (13), in questo modo aggiungerete un po’ di acqua di cottura che vi servirà per continuare qualche istante la cottura in padella, così facendo la pasta assorbirà ancora più sapore; dopo pochi istanti spegnete la fiamma e aggiungete i 50 grammi di pecorino grattugiato (14) e dopo aver mantecato per bene servite gli spaghetti ubriachi decorando con gli ultimi 20 grammi di pecorino in scaglie (15).

Conservazione

Potete conservare gli spaghetti ubriachi in frigorifero per massimo un giorno tenendola in un contenitore ermeticamente chiuso.

Il consiglio di Sonia

Se volete, potete sostituire il vino Merlot, con altri vini ugualmente corposi come il Barbera, il Barolo, il Brunello di Montalcino, il Chianti, o il Barbaresco. Potrete utilizzare anche formati di pasta corta. Amanti delle decorazioni? Tenete da parte qualche anello di porro, scottatelo qualche minuto in acqua bollente e decorate così il piatto!

Pasta Lunga Barilla Pasta Lunga Barilla Scopri tutte le ricette

I commenti (45)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Stefano ha scritto: lunedì 10 marzo 2014

    Ricetta davvero particolare, sono molto incuriosito dal sapore, da provare assolutamente. Grazie per la condivisione.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 10 marzo 2014

    @ainoha,smiley : sono ottime varianti, buona cucina!

  • ainoha,:) ha scritto: lunedì 10 marzo 2014

    si betty lo stavo pensando anche io...ma io farei:soffriggere il porro con pancetta e poi metterci il vino...Senza farlo bollire,,poi qualche scaglia di tartufo nero o bianco,pecorino et voila'!A Sonia vorrei chiederle se va bene il cannonau e se il tartufo va bene e vorrei ringraziarla perche' in questo periodo difficile la cucina per me e' molto lontana,mi manca tanto ma con te,non perdo piu' speranza...La seguo notte e giorno,GRAZIE

  • annamaria ha scritto: domenica 02 marzo 2014

    buoni.. io consiglierei di frullare solo i porri ripassarli in padella con la giunta del vino rosso, quasi a fine cottura degli spagetti versarli nella padella dove avete fatto evaporare l alcol del vino con la giunta di un mescolo di cottura della pasta appena sono cotti al dente impiattate , questa procedura serve dare più sapore ha lo spaghetto .saluti smiley

  • Elena ha scritto: domenica 17 novembre 2013

    qualcuno ha provato a sostituire il vino rosso con un buon prosecco frizzante? il risultato è ugualmente apprezzabile?

  • Matteo ha scritto: sabato 16 novembre 2013

    Buona, ma il sugo per 400 grammi di pasta l'ho trovato un po' troppo debole... Consiglio di usare almeno due porri, e abbondare con tutto il resto, tranne che col formaggio, che a mio parere copre troppo (io stupidamente ne ho messo una tonnellata smiley ). Gusti personali! smiley Ottima l'idea peró smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 01 novembre 2013

    @davide: Ciao, mi spiace non abbia incontrato il tuo gusto.

  • davide ha scritto: giovedì 31 ottobre 2013

    orribile! abbiamo seguito le dosi ma é veramente pessima! colore odore e gusto orripi!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 06 maggio 2013

    @Ilaria: va benissimo per le tagliatell! smiley

  • Ilaria ha scritto: giovedì 02 maggio 2013

    Questo tipo di condimento può essere adatto anche con le tagliatelle fatte in casa, o lo assorbirebbero troppo smiley?

10 di 45 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento