Stollen

Stollen
  • Difficoltà:
    Media
  • Cottura:
    70 min
  • Preparazione:
    50 min
  • Dosi per:
    12 persone
  • Costo:
    Basso
  • Nota Aggiuntiva: Più due ore per la lievitazione
Stollen

Lo stollen è un dolce tedesco che si prepara in tutta la Germania a Natale. Simile al nostro panettone, lo stollen è una pasta lievitata dolce, profumata da diverse spezie e arricchita con frutta candita, secca e mandorle tostate, dalla consistenza morbida simile al pane, ricoperta da una spolverata di zucchero a velo.
Lo Stollen è preparato in tutta la Germania, in diverse varianti, ma la sua origine è da rintracciare nella città di Dresda in cui si hanno notizie di questo dolce nel 1474. Il Dresdner Stollen (Stollen di Dresda) è coperto da indicazione geografica protetta e solo 150 fornai di Dresda producono la versione ufficiale.
La ricetta delle stollen che vi presentiamo richiede un po’ di pazienza nella preparazione e l’aggiunta di un bastoncino di marzapane al centro: sarà perfetto per le vostre serate natalizie o come goloso dono da regalare ad amici e parenti.

Ingredienti
Farina manitoba 700 gr (più q.b. per la spianatoia)
Latte 250 ml
Lievito di birra disidratato 1 bustina (o fresco 1 cubetto)
Miele 1 cucchiaino
Zucchero 200 gr
Burro 300 gr
Uova medie 2
Mandorle spellate 100 gr
Rum scuro aromatico 50 ml più 50 ml per l'ammollo
Uvetta 150 gr
Arance candita 150 gr
Limoni scorza grattugiata di 1
Zenzero fresco grattugiato 15 gr
Cardamomo in polvere mezzo cucchiaino (oppure 2 bacche pestate)
Vaniglia 1 bacca
Sale 12 gr
Marzapane 200 gr (facoltativo)
per la ricopertura
Burro fuso 50 gr
Zucchero a velo 50 gr

Preparazione

Stollen
Per preparare lo stollen iniziate a tagliare l'arancia candita in fette e riducetela a cubetti (1-2). Mettetela in ammollo insieme all'uvetta in una ciotola con dell’acqua tiepida, in modo che sia tutto ricoperto a filo e un bicchierino di rum (3).
Stollen
Nel frattempo disponete le mandorle spellate su di una teglia da forno e fatele tostare nel forno, fino a quando non saranno diventate croccanti ma non troppo colorate (4). Se avete delle mandorle con la buccia, fatele scottare per 5 minuti in acqua bollente e poi eliminate la buccia che in questo modo verrà via facilmente. Quando le mandorle saranno fredde, tritatele grossolanamente (5) e mettele da parte Grattugiate la scorza del limone e lo zenzero in una ciotola e tenetele da parte (6).
Stollen
Sciogliete il lievito (potete utilizzare anche un cubetto di lievito di birra fresco sbriciolato) in poco latte tiepido (preso dalla dose totale della ricetta) e unitevi anche un cucchiaino di miele (7-8). Disponete la farina in una ciotola e praticate una conca al centro, in cui verserete il lievito (9).
Stollen
Mescolate con un cucchiaino, incorporando al lievito poca farina, fino ad ottenere un composto simile ad una pastella, che lascerete così al centro senza impastare (10). Coprite il tutto con la pellicola (11) e lasciate lievitare per almeno mezz’ora in un luogo tiepido, fino a che il composto non raddoppierà il suo volume iniziale (12).
Stollen
Nel frattempo che la pastella lievita, tagliate in due una bacca di vaniglia e grattate i suoi semini interni con la lama di un coltellino (13). Ponete la bacca aperta e i semini in infusione, all’interno di una ciotola, contenente il restante latte che avrete intiepidito (14). Poi fate fondere il burro e lasciatelo raffreddare; infine scolate l’uvetta e l’arancia candita, tamponatele con della carta da cucina per asciugarle, passatele nella farina (15) e poi in un setaccio per eliminarne l’eccesso.
Stollen
A questo punto in una ciotola, sbattete le due uova e unite il latte nel quale avevate messo in infusione la vaniglia (eliminando preventivamente la bacca) (16). Unite il sale e il cardamomo (18) e infine
Stollen
la scorza del limone e lo zenzero grattugiati (19) . Versate il composto di lievito e di farina nella tazza di una planetaria (o in una ciotola capiente se impastate a mano) e azionate la macchina munita di foglia (velocità bassa). Versate all’interno della tazza il composto di uova e latte (20) e poi il rum (21) e lo zucchero.
Stollen
In ultimo unite il burro fuso tiepido poco alla volta (22). Non appena gli ingredienti si saranno inglobati, togliete la foglia e mettete il gancio, quindi impastate per circa 10 minuti fino a che l’impasto non sarà omogeneo e attaccato completamente al gancio. Unite le mandorle tritate (fredde) poi l’uvetta e l’arancia candita infarinate (23) e impastate per un paio di minuti. Mettete l’impasto su di una spianatoia, dategli forma tonda (24). 
Stollen
Quindi ponetelo in una ciotola capiente, coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per un’ora in un posto tiepido (25). Intanto prendete il marzapane e dategli forma cilindrica (26). Trascorso il tempo della lievitazione, mettete l’impasto su di una spianatoia, dategli forma rettangolare e con il matterello schiacciate nel centro, allungando un po’ l’impasto in modo da ottenere sui lati più lunghi un rigonfiamento più spesso dell’altro (27).
Stollen
Ripiegate i lati più corti verso l’interno per ripristinare la forma rettangolare dell’impasto (28). Mettete nella conca ottenuta, verso il rigonfiamento più grande, il bastoncino di marzapane, quindi richiudete il lato più sottile su quello più grosso (30) e
Stollen
pressate con il matterello in centro, per sigillare bene e conferire la classica forma allo stollen (31). Modellate un po' con le mani in modo da dare allo stollen una forma regolare (32) e ponetelo su di una leccarda foderata con carta forno. Infornate in forno statico già caldo a 180° per circa 60-70 minuti, fino a che lo stollen non risulterà ambrato (33).
Stollen
Una volta estratto dal forno, spennellato immediatamente con il burro fuso (34) e cospargetelo con abbondante zucchero a velo setacciato (35), quindi lasciatelo raffreddare su di una gratella. Avvolgetelo quindi nella carta di alluminio e lasciate riposare lo stollen in un luogo fresco (ma non in frigorifero) per un paio di giorni prima di consumarlo, in modo che assorba umidità e raggiunga la consistenza classica. Buono Stollen e buon Natale a tutti!!

Conservazione

Dopo i due giorni di riposo, conservate lo stollen sotto una campana di vetro per una settimana.

Consiglio

Se non trovate il cardamomo potete usare in alternativa cannella e noce moscata.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 23 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


23
linda ha scritto: Venerdì 27 Dicembre 2013  |  Rispondi »
buonissimo .... Grazie
22
marta ha scritto: Mercoledì 18 Dicembre 2013  |  Rispondi »
È molto buono
21
giovanna ha scritto: Mercoledì 18 Dicembre 2013  |  Rispondi »
@Jasmine: perchè e molto duro!
20
Noemi ha scritto: Mercoledì 16 Gennaio 2013  |  Rispondi »
cara Sonia aspetto ancora con ansia delle ricette Vegane....confido in te..
19
Sonia-Gz ha scritto: Venerdì 04 Gennaio 2013  |  Rispondi »
@fabiola: è la consistenza dollo stollen: un pane dolce e farcito! per contrastare la poca umidità del dolce accompagnalocon una pallina di crema pasticcera!
18
fabiola ha scritto: Mercoledì 02 Gennaio 2013  |  Rispondi »
buonasera..ho provato la ricetta..ho lasciato riposare il dolce x 2gg ma benchè il sapore fosse ottimo..la consistenza era troppo asciutta.. se qualcuno l'ha fatto mi puo dare qualke consiglio?
17
Sabrina ha scritto: Venerdì 21 Dicembre 2012  |  Rispondi »
Ciao! Sfornato lo stollen stamattina, ora è bello bello incartato a riposare... lo mangeremo a Natale! Dall'aspetto e dal profumo che ha invaso casa deve essere eccezionale! Grazie per la ricetta! smiley
16
Gemma ha scritto: Domenica 16 Dicembre 2012  |  Rispondi »
Bellissima ricetta! Potreste fare una ricetta della Repubblica Ceca? Hanno dolci buonissimi, e anche i piatti di carne sono eccezionali!
15
Giulia ha scritto: Domenica 16 Dicembre 2012  |  Rispondi »
Stollen è di origine tedesca: http://en.wikipedia.org/wiki/Stollen
Dove, a Dresna, è stato prodotto da record, del peso di 3 tonnellate: http://www.calciomercato.it/news/188473/Varie-dolce-record-in-Germania-lo-stollen-pesa-tre-tonnellate.html

In Olanda ne hanno creato una loro variante, niente di più.
14
Paola Gottardi ha scritto: Domenica 16 Dicembre 2012  |  Rispondi »
Abito in Germania da 21 anni. Lo stollen è proprio tedesco, è il vanto delle supercasalinghe tedesche che lo preparano all'inizio dell'Avvento e poi lo nascondono nei posti più strani perchè nessuno se lo sbafi prima di Natale!
10 di 23 commenti visualizzati

Lascia un Commento