Tagliatelle

Primi piatti
Giallozafferano - Barilla La qualità degli ingredienti fa la differenza in ogni ricetta
Tagliatelle
70 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

Le tagliatelle rappresentano uno dei formati di pasta più conosciuti e più gustosi che la tradizione gastronomica italiana abbia a sua disposizione. La tradizione vuole che questa prelibatezza sia tipica della città di Bologna dove le tagliatelle vengono preparate solitamente con l’immancabile ragù alla bolognese, anche se possono essere accompagnate da diversi condimenti come sugo di pomodoro fresco, tartufi, funghi, frutti di mare, e molto altro ancora.Nonostante sia una ricetta tipicamente Emiliana, le tagliatelle sono molto diffuse anche in regioni come le Marche ed il Veneto. La Confraternita del Tortellino unitamente all'Accademia Italiana della Cucina, Il 16 aprile 1972 depositarono alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna l'autentica ricetta e misura dell'originale Tagliatella di Bologna.Alla tagliatella vennero assegnate delle precise misure, che corrispondevano, a cottura avvenuta, a 8 mm di larghezza, mentre da crude dovevano corrispondere a circa 7 mm (ovvero pari alla 12.270 parte della Torre degli Asinelli).Per quanto riguarda lo spessore, non è stato stabilito precisamente, anche se gli esperti hanno sentenziato che si debba aggirare tra i 6 e gli 8 decimi di millimetro.

Ingredienti
Farina 00 300 g
Uova 3
Vai alle ricette con Farina 00

Farina 00

La Farina Barilla tipo 00 è indicata per ogni tua creazione in cucina che non richiede particolari modalità di impasto o lunghi tempi di lievitazione.
Ideale per pasta sfoglia, frolle, dolcetti, biscotti, besciamella, pastelle per fritture e creme.

Scopri tutte le ricette

Per l'impasto (e per tirare la sfoglia con la macchinetta)

Tagliatelle

Per preparare le tagliatelle, iniziate setacciando la farina in una ciotola (1), aggiungete le uova (2). Quindi lavorate gli ingredienti con le mani (3)

Tagliatelle

fino ad ottenere un impasto omogeneo (4). Continuate a lavorare l'impasto su un ripiano leggermente infarinato per almeno 10-15 minuti (5) fino ad ottenere una consistenza liscia ed elastica. Poi formate una palla e avvolgetela nella pellicola trasparente (6).

Tagliatelle

Lasciate riposare l'impasto a temperatura ambiente per almeno 30 minuti (7). Quindi dividetelo in due parti (8) per stenderlo più facilmente. Infarinate accuratamente una parte (9)

Tagliatelle

Passate il mezzo panetto nella macchina per tirare la sfoglia (10), ripetendo l'operazione più volte (11) fino ad otterenere una sfoglia molto sottile (12).

Tagliatelle

All'ultimo passaggio, impostate la macchina per ottenere le tagliatelle (13), quindi ripetete le operazioni anche per l'altro mezzo panetto di pasta all'uovo. A mano a mano che realizzate le tagliatelle, infarinatele leggermente e stendetele sull'apposito stendipasta. Se preferite potete cuocerle subito, altrimenti potrete farle seccare per qualche ora prima della cottura (14-15).

Tirare la sfoglia a mano

Tagliatelle

Per realizzare le tagliatelle a mano lavorate l'impasto come descritto nei passaggi dall'1 al 9. Poi stendete la metà del panetto con un mattarello piuttosto lungo (1-2) (per stendere l'impasto potete consultare la Scuola di cucina: come tirare la sfoglia). Ad ogni passaggio arrotolate la sfoglia sul mattarello e srotolatela dall'altro verso; continuate così a stenderla accuratamente fino ad ottenere una sfoglia sottile (3).

Tagliatelle

Una volta ottenuto uno spessore di pochi millimetri, cospargete la superficie di farina (4), fate riposare la sfoglia per qualche minuto, poi arrotolatela in maniera molto stretta (5) per creare un rotolo (6).

Tagliatelle

Tagliate il rotolo di pasta a fettine di circa mezzo cm di spessore (7). Allargate le tagliatelle e realizzate la classica forma a nidi (8); quindi disponetele su una gratella cosparse di farina (9) oppure su un canovaccio pulito per farle asciugare qualche ora prima di cuocerle.

Conservazione

Potete congelare le tagliatelle da crude. Per la congelazione riponete su un vassoio i nidi di pasta ben distanziati e poi metteteli in congelatore per farli indurire un paio d’ore. Quando saranno ben induriti, metteteli in sacchetti gelo e riponeteli nuovamente in congelatore. Quando li dovrete utilizzare lessateli direttamente da congelati in acqua bollente e procedete come da ricetta.

Curiosità

Secondo la leggenda, pare che le tagliatelle sarebbero state inventate nel 1487 da un cuoco bolognese, tale mastro Zefirano, in occasione delle nozze tra Lucrezia Borgiaed il Duca di Ferrara Alfonso I d’Este. Pare che mastro Zefirano si sia ispirato ai biondi capelli della sposa.

Il consiglio di Sonia

Stendere la sfoglia è tutto fuorché semplice: per velocizzare l’operazione (e guadagnarvi l’eterna gratitudine della vostra schiena) munitevi di macchinetta! Infine, un segreto per la cottura perfetta: un filo d’olio nell’acqua salata, provare per credere!

Farine Barilla Farine Barilla Scopri tutte le ricette

I commenti (70)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Emanuela ha scritto: venerdì 05 febbraio 2016

    Io le ho fatte alla maniera Umbra spianate con il mattarello erano deliziose, ma perchè durante la cottura alcune si sono spezzate?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 05 febbraio 2016

    @Emanuela: Ciao Emanuela, ci dispiace! Può darsi che le hai tirate talmente sottili che non hanno resistito alla cottura. Un saluto!

  • Rosy ha scritto: mercoledì 03 febbraio 2016

    Ciao perché mi diventano scure se le impasyo la sera prima ?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: sabato 06 febbraio 2016

    @Rosy: Ciao, dove le fai riposare? In frigorifero? Solitamente è preferibile non mettere la pasta fresca in frigorifero, se non la usi immediatamente è preferibile congelarla.

  • Francesca ha scritto: mercoledì 06 gennaio 2016

    Quanto deve pesare un nido di norma? E come si fanno?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 07 gennaio 2016

    @Francesca : Ciao Francesca, per il peso non c'è un'indicazione precisa, puoi farli quindi della quantità che preferisci. Mentre per fare il nido ti basterà avvolgere l'impasto attorno alle dita, come mostrato nel passaggio 8. Un saluto!

  • Anita ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    Salve a tutti,per vari motivi vorrei realizzare la pasta fresca in casa con farine diverse.Tipo kamut,integrale etc mi consigliate quelle più adatte?anche per altre tipologia di pasta.Grazie

  • Giuseppina ha scritto: martedì 22 dicembre 2015

    Volevo sapere quanti giorni si possono tenere in frigorifero.?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 23 dicembre 2015

    @Giuseppinasmileyuoi conservare le tagliatelle crude in frigorifero, coperte con un canovaccio per 1 giorno al massimo.

  • Jessica ha scritto: martedì 03 novembre 2015

    È stato un successone, perfette e squisite!

  • nicola ha scritto: sabato 26 settembre 2015

    si può usare la semola

  • Rosa Maria ha scritto: domenica 13 settembre 2015

    Ciao, vorrei sapere qual è la dose per 2 persone. Grazie ancora

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 21 settembre 2015

    @Rosa Maria : Ciao Rosa Maria! Dovresti ridurre a metà le dosi indicate in fotoricetta smiley

  • Elisa ha scritto: sabato 12 settembre 2015

    Ho fatto per la prima volta le tagliatelle...che dire...è stato un successone!grazie Sonia!

  • magda ha scritto: giovedì 03 settembre 2015

    io ho usato la planetaria x fare l'impasto ed ho seguito le tue dosi con la farina rimacinaata risultato slurppppp

10 di 70 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento