Taralli

Antipasti
Taralli
283 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 100 pezzi
  • Costo: basso

Presentazione

Taralli

I taralli sono una specialità tipica pugliese il cui impasto di base è formato da farina,olio, sale e pepe.

Esistono diverse versioni dei taralli, in quanto questi vengono preparati in molte regioni del sud Italia come la Campania o la Calabria e in ognuna di esse vengono cucinati in modo diverso.

Noi oggi vi presentiamo la ricetta di due diversi tipi di taralli: quelli semplici e quelli al finocchietto.

I taralli sono degli snack da mangiare per merenda graditi dai grandi ma anche dai piu' piccini, nessuno potrà fare a meno di assaggiarli!

per 100 taralli circa
Olio extravergine di oliva 125 gr
Vino bianco secco 200 ml
Sale 10 g
Pepe q.b. o un cucchiaino di semi di finocchietto
Farina tipo 00, 500 gr

Preparazione

Taralli

Per preparare i taralli, cominciate versando in una ciotola la farina e aggiungete l’olio, il sale (1), il pepe (o i semi di finocchietto) (2) e infine il vino bianco (3). Impastate gli ingredienti e quando saranno amalgamati trasferite il tutto su di un piano di lavoro (meglio se su di un’asse di legno) e impastate per almeno 20 minuti fino a che il composto sarà liscio ed elastico; la sua consistenza deve essere più compatta dell’impasto del pane. Mettete l’impasto per i taralli in una ciotola e copritelo con della pellicola, quindi fatelo riposare per almeno mezz’ora al fresco.

Taralli

Trascorso il tempo indicato dividete l’impasto in pezzetti del peso di 7-8 gr l’uno e con il palmo della mano ricavate dei bastoncini del diametro di 1 cm circa lunghi 8 cm. (4) Unite le due estremità del bastoncino per formare un cerchio o una goccia (5) (come più vi piace). Ponete tutti i taralli ottenuti su di un canovaccio pulito e poi portate a bollore un tegame contenente dell’acqua: buttateci dentro una dozzina di taralli (6) .

Taralli

Non appena i taralli verranno a galla (7) scolateli e adagiateli in un vassoio foderato con un canovaccio pulito. (8) Dopo un minuto trsaferite i taralli su di una teglia foderata con carta forno (9)  e infornateli in forno già caldo a 200 ° per circa 30 minuti (o fino a che non saranno appena dorati). Estraete i taralli dal forno, toglieteli dalla teglia e lasciate raffreddare completamente i taralli prima di gustarli.

Conservazione

I taralli possono essere conservati in una scatola di latta per circa una settimana.

Il consiglio di Sonia

Perfetti come cadeau per una cena improvvisa, come spezza - fame o stuzzichino da offrire a chi passa a trovarvi, i taralli sono una sicurezza: si conservano per lunghissimo tempo, in una scatola con il coperchio o chiusi in un sacchetto di plastica.

Altre ricette

I commenti (283)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • paolo ha scritto: domenica 21 dicembre 2014

    ottimi!!! li ho fatti con origano,peperoncino e semi di finocchio nelle tre varianti.....una golositá unica!!!!nelle

  • laura ha scritto: venerdì 19 dicembre 2014

    @Sonia-Gz: proveró senz'altro. grazie e buone feste

  • max thiesi ha scritto: venerdì 19 dicembre 2014

    Salve !! Sto incrociando le dita per la riuscita dei taralli

  • laura ha scritto: giovedì 18 dicembre 2014

    ciao Sonia, So che ci sono i taralli con le patate . È possibile inserire nell'impasto una patata lessata? grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 19 dicembre 2014

    @laura:Ciao laura! Potresti sostituire parte della farina con le patate bollite, ad esempio 250 g di farina e 250 g di patate. In questo caso però ridurrei il vino e aggiungerei il tuorlo di un uovo grande smiley fammi sapere!

  • lolle ha scritto: sabato 06 dicembre 2014

    Ciao Sonia. Devo per forza prima bollirli i taralli? Non potrei infornarli direttamente? Grazie in anticipo smiley

  • Francesco ha scritto: sabato 06 dicembre 2014

    Ciao il forno deve essere statico o ventilato? Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 09 dicembre 2014

    @Francesco: Ciao Francesco! il forno è statico.

  • Angelica ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    Chiao, per cuanto tempo si conservanno il taralli?

  • monica ha scritto: mercoledì 03 dicembre 2014

    Ho provato a fare questi taralli, il sapore è buono ma sono un po gommosi all'interno,dove potrei aver sbagliato?

  • Giusi ha scritto: martedì 02 dicembre 2014

    grazie Sonia. ora che ci penso hai ragione forse ho fatto l'impasto un po duretto. forza e coraggio riproverò dunque..????????. buon blog! Giusi

  • Giusi ha scritto: lunedì 01 dicembre 2014

    ciao Sonia. forse mi son persa qualcosa, ma nn ho più letto consiglio o suggerimento x la durezza dei taralli. vorrei ritentare ma ho un po timore di dover utilizzare i tarallini x fabbricarci un trullo ^_^. a presto e grazie x le belle ricette che arrivano nella mailing list. giusi

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 01 dicembre 2014

    @Giusi:Ciao, l'eccessiva durezza potrebbe dipendere dalla farina che ha assorbito troppo i liquidi della ricetta. L'impasto da maneggiare non deve risultare appiccicoso ma nemmeno troppo asciutto e duro.

10 di 283 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento