Taralli

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    30 min
  • Preparazione:
    60 min
  • Costo:
    Basso

Taralli dolci campani

Taralli

I taralli sono una specialità tipica pugliese il cui impasto di base è formato da farina,olio, sale e pepe.

Esistono diverse versioni dei taralli, in quanto questi vengono preparati in molte regioni del sud Italia come la Campania o la Calabria e in ognuna di esse vengono cucinati in modo diverso.

Noi oggi vi presentiamo la ricetta di due diversi tipi di taralli: quelli semplici e quelli al finocchietto.

I taralli sono degli snack da mangiare per merenda graditi dai grandi ma anche dai piu' piccini, nessuno potrà fare a meno di assaggiarli!

per 100 taralli circa
Olio extravergine di oliva 125 gr
Vino bianco secco 200 ml
Sale 10 gr
Pepe q.b. o un cucchiaino di semi di finocchietto
Farina tipo 00, 500 gr

Preparazione

Taralli
Per preparare i taralli, cominciate versando in una ciotola la farina e aggiungete l’olio, il sale (1), il pepe (o i semi di finocchietto) (2) e infine il vino bianco (3). Impastate gli ingredienti e quando saranno amalgamati trasferite il tutto su di un piano di lavoro (meglio se su di un’asse di legno) e impastate per almeno 20 minuti fino a che il composto sarà liscio ed elastico; la sua consistenza deve essere più compatta dell’impasto del pane. Mettete l’impasto per i taralli in una ciotola e copritelo con della pellicola, quindi fatelo riposare per almeno mezz’ora al fresco.
Taralli
Trascorso il tempo indicato dividete l’impasto in pezzetti del peso di 7-8 gr l’uno e con il palmo della mano ricavate dei bastoncini del diametro di 1 cm circa lunghi 8 cm. (4) Unite le due estremità del bastoncino per formare un cerchio o una goccia (5) (come più vi piace). Ponete tutti i taralli ottenuti su di un canovaccio pulito e poi portate a bollore un tegame contenente dell’acqua: buttateci dentro una dozzina di taralli (6) .
Taralli
Non appena i taralli verranno a galla (7) scolateli e adagiateli in un vassoio foderato con un canovaccio pulito. (8) Dopo un minuto trsaferite i taralli su di una teglia foderata con carta forno (9)  e infornateli in forno già caldo a 200 ° per circa 30 minuti (o fino a che non saranno appena dorati). Estraete i taralli dal forno, toglieteli dalla teglia e lasciate raffreddare completamente i taralli prima di gustarli.

Conservazione

I taralli possono essere conservati in una scatola di latta per circa una settimana.

I consigli di Sonia

Perfetti come cadeau per una cena improvvisa, come spezza - fame o stuzzichino da offrire a chi passa a trovarvi, i taralli sono una sicurezza: si conservano per lunghissimo tempo, in una scatola con il coperchio o chiusi in un sacchetto di plastica.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 248 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


248
Ilaria la mejo ha scritto: Giovedì 31 Luglio 2014  |  Rispondi »
Sono venuti da pauraaaaa buonissimi e mi sono divertita a farli con le mie bimbe un po semplici un po al finocchio e un po al peperoncino x nonna ciccia che ne va matta....
Grazie
247
Matime ha scritto: Lunedì 28 Luglio 2014  |  Rispondi »
Ciao! Ho provato la ricetta ma ho dimezzato le dosi ( lo faccio sempre per provare ricette nuove) in casa si sono arrabbiati dicendo che ne ho fatti pochi ^^' rifarò la ricetta sicuramente, perché il risultato è stato ottimo!!!!
246
Sonia-Gz ha scritto: Martedì 15 Luglio 2014  |  Rispondi »
@sofia<3: Ciao, puoi sostituire con l'acqua, anche se il vino conferisce ai taralli il caratteristico aroma.
245
sofia<3 ha scritto: Martedì 15 Luglio 2014  |  Rispondi »
ciao Sonia, il vino si può sostituire con qualcos'altro?
244
Sonia-Gz ha scritto: Venerdì 04 Luglio 2014  |  Rispondi »
@Elisa: Ciao Elisa, la bollitura serve a dare ai taralli l'aspetto lucido. Prova a vedere il risultato facendoli solo al forno.
243
Elisa ha scritto: Venerdì 04 Luglio 2014  |  Rispondi »
ciao Sonia io devo ancora provare la ricetta;ma ho letto nei commenti che molti hanno saltato il passaggio della bollitura...Mi spieghi a cosa serve questo passaggio?Io li vorrei belli croccanti quindi devo bollirli o li metto direttamente in forno?grazie Elisa
242
jessica ha scritto: Martedì 01 Luglio 2014  |  Rispondi »
sonoòoooooooo fantasticiiiiiiiiiii.... li ho fatti questa mattina e sono venutiiiii una delizia.... ma cheeeee bontà..... wooooow
241
Sally ha scritto: Sabato 28 Giugno 2014  |  Rispondi »
Stamattina li ho fatti e mi sono usciti benissimo....non posso smettere di mangiarli!!!!!ottima ricetta...grazie
240
Marilisa ha scritto: Giovedì 19 Giugno 2014  |  Rispondi »
Ciao Sonia, visto le mie origini pugliesi ho anche scoperto che in alternativa al vino bianco ci mettono il primitivo(vino rosso) l ideale per il mio fidanzato che non può bere il vino bianco per questioni di intolleranza.Una validissima alternativa!!!!! Grazie
239
Carlotta ha scritto: Domenica 25 Maggio 2014  |  Rispondi »
Ciao! Ho provato a farli,ma l'impasto era troppo elastico, praticamente intrattabile! Appena tirato si ritraeva subito. Ho seguito la ricetta alla lettera, l'unicacosa è che l'ho lasciato riposare di più. Sarà stato quello? Grazie!
10 di 248 commenti visualizzati

Lascia un Commento