Tartare di tonno

Antipasti
Tartare di tonno
35 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 10 pezzi
  • Costo: medio

Presentazione

La tartare di tonno è un piatto leggero e semplice a base di tonno fresco di ottima qualità, tagliato in pezzi piccoli e condito con una emulsione di olio profumata dalla scorza e dal succo di arancia.
La tartare di tonno può essere servita da sola oppure in monoporzioni preparando dei gusci di pasta brisè da riempire con paio di cucchiai di tartare.
Un piatto fresco ideale per un antipasto estivo.

Ingredienti per 10 monoporzioni da 8 cm
Tonno fresco in tranci 450 gr
Arance 1 scorza grattugiata e succo
Olio di oliva extravergine 40 gr
Sale q.b.
Pepe q.b.
Pasta brisè 1 rotolo (circa 230 gr)
Finocchietto selvatico 3 rametti

Preparazione

Tartare di tonno

Per preparare la tartare di tonno iniziate a grattugiare la scorza di un'arancia (1), poi tagliatela a metà (2) e spremete il succo (3).

Tartare di tonno

In una ciotola versate l’olio di oliva extravergine (4), il succo dell'arancia (5) e la sua scorza (6).

Tartare di tonno

Tritate finemente il finocchietto (7), tenendone da parte qualche filo per la decorazione finale, unitelo al composto ed emulsionate con la frusta (8). Intanto preparate i gusci di pasta brisè. Aggiustate l’emulsione con un pizzico di pepe e di sale. Preparate i gusci di pasta brisè che serviranno per fare delle monoporzioni di tartare: stendete la pasta brisè (potete usare un rotolo di pasta brisè già fatta), ritagliate 10 cerchi di circa 10 cm di diametro e foderate 10 stampini rotondi del diametro di 8 cm, dopo averli imburrati. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta (9) e cuoceteli in bianco, ricoperti da legumi secchi come peso, seguendo la tecnica della cottura in bianco (che trovate qui), in forno a 180 gradi per 10-15 minuti. Quando saranno dorati tirateli fuori dal forno, lasciateli raffreddare e sformateli.

Tartare di tonno

Prendete i tranci di tonno (10) e asciugateli con carta assorbente dal loro liquido (11). Tagliateli a cubetti piccoli dello spessore di mezzo centimetro (12) e spostateli in una terrina capiente.

Tartare di tonno

Versate su di essi l’emulsione di olio e arancia (13) e mescolate così che il tonno si insaporisca bene.  Quindi riempite le tortine con uno-due cucchiai di tartare di tonno (14) e decorate la vostra tartare con qualche rametto di finocchietto (15).

Conservazione

Potete preparare la tartare di tonno un giorno prima e poi comporre le tortine il giorno dopo.

Consiglio

Al posto del finocchietto potete usare prezzemolo o maggiorana. Potete preparare l’emulsione con il limone invece dell’arancia.

Altre ricette

I commenti (35)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • pasquale_terranova ha scritto: giovedì 11 dicembre 2014

    Il tonno può essere tritato nel tritacarne invece che tagliato a dadini?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 11 dicembre 2014

    @pasquale_terranova:Ciao Pasquale! Ti consiglio di tagliare a mano il tonno per mantenere una consistenza corposa, ma puoi provare a macinarlo smiley

  • Emma Abban ha scritto: martedì 08 aprile 2014

    benissimo! vogliono altri ricette

  • Alessandra (alendo) ha scritto: sabato 25 gennaio 2014

    @Sonia-Gz: vero. Nel pesce azzurro potrebbe esserci l'anisakis, un parassita tipo verme, che se mangiato può continuare a vivere nello stomaco e causare danni agli organi.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 28 ottobre 2013

    @Ila : Ciao, per le preparazioni con pesce crudo raccomandiamo di acquistare pesce freschissimo, pescato entro le 24 ore, meglio se abbattuto: l'abbattitura è un processo per cui l'alimento viene portato alla temperatura di -18° in pochissimo tempo e questo permette di uccidere eventuali batteri e di conservare l'alimento nella sua integrità!

  • Ila ha scritto: giovedì 24 ottobre 2013

    Ciao! vorrei capire come devo trattare il pesce crudo prima di consumarlo. Bisogna congelarlo, per quanto e a quanti gradi? Basta il normale congelatore di casa? Abbattere e congelare è la stessa cosa? Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 21 ottobre 2013

    @marco: sì, ottima variante.

  • marco ha scritto: lunedì 21 ottobre 2013

    Ciao Sonia, Ma questa preparazione può essere usata anche per fare la tartare di ricciola?

  • yayai ha scritto: martedì 17 settembre 2013

    Lo fatto ieri e oggi ho mangiato quello avanzato e........era piu buono quello avanzato!! Incredibile era piu saporito

  • Andrea ha scritto: sabato 20 aprile 2013

    Il tonno da mangiare crudo DEVE essere prima congelato. L'Anisakidosi è una patologia grave. Puó portare alla resezione chirurgica del tratto di intestino infettato. Cercate ANISAKIS su google. I pesci parassitati non sono affatto rari.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 04 aprile 2013

    @Andrea: vanno bene sia l'aneto tritato che la menta!smiley

10 di 35 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento