Tarte tatin

Dolci e Desserts
Tarte tatin
179 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Tarte tatin

La Tarte tatin è un classico dolce della tradizione francese nato all'inizio del secolo grazie all'inventiva delle sorelle Carolina e Stephanie Tatin albergatrici a Loret-Cher, in Francia.
In realtà sembra che, come di solito accade, questa buonissima torta sia nata a causa (sarebbe meglio dire per merito) di uno sbaglio.
Le due sorelle Tatin, avevano nell'albergo due ruoli diversi, mentre la giovane Carolina si occupava di accogliere i clienti, Stephanie, cuoca provetta, si occupava della cucina: in particolar modo era apprezzata la sua buonissima torta di mele.
La leggenda narra che, un giorno in cui l'albergo era pieno di cacciatori che aspettavano di poter pranzare, Stephanie si accorse di non aver preparato la sua torta di mele; senza farsi prendere dal panico corse in cucina, imburrò e cosparse di zucchero una tortiera, ci mise dentro le mele e la infornò. Solo dopo si rese conto di non aver foderato la tortiera con la pasta brisè! Ancora una volta Stephanie prese in pugno la situazione, ricoprì la tortiera con un solo strato di pasta e rimise tutto in forno. La storia finisce, naturalmente, con il lieto fine: infatti terminata la cottura, Stephanie rovesciò la torta su un piatto e la portò in sala dove fu letteralmente divorata. Era nata così la tarte tatin.
Successivamente, visto il discreto successo riscosso, la tarte tatin fu adottata dal celebre ristorante parigino Maxim's che ne fece uno dei suoi cavalli di battaglia.
Oggigiorno è uno dei dolci più amati in Francia ed è immancabile nelle Brasseries e nei ristoranti, dai più modesti ai più lussuosi.

Ingredienti
Mele golden 8
Burro 75 g
Zucchero 200 g
Pasta brise' 350 g

Preparazione

Tarte tatin

Per prima cosa preparate la pasta brisè che servirà come base della torta: troverete la ricetta  cliccando qui. Occupatevi poi delle mele: togliete loro il picciolo, sbucciatele e tagliatele a spicchi, dividendo ogni mela in quattro parti (1) ed eliminando il torsolo centrale. Prendete una casseruola tonda (teglia o padella) e imburratela per bene, disponendo sul fondo dei piccoli ciuffetti di burro (2). Aggiungete lo zucchero (tranne un paio di cucchiai) che dovrà ricoprire interamente il fondo (3).

Tarte tatin

Disponete ora gli spicchi di mele, formando un primo strato che sistemerete con il dorso rivolto verso il fondo della casseruola (4-5). Cospargete le mele con lo zucchero rimasto e continuate con il secondo strato di mele che sistemerete però con il dorso rivolto verso l’alto (6).

Tarte tatin

Mettete quindi la casseruola sul fuoco vivace e lasciate cuocere fino a quando lo zucchero si sarà sciolto e diventato biondo (7); potete verificarne l'aspetto inserendo tra le mele la punta di un coltello. Spegnete quindi il fuoco e lasciate  leggermente intiepidire. Nel frattempo stendete la pasta brisè e disponetela sopra le mele (8), rivoltando i bordi verso il basso come per avvolgere le mele; punzecchiate la pasta brisè qua e là con uno stecchino. Infornate a 220 gradi per 15 minuti: quando la pasta brisè inizierà a gonfiarsi, abbassate il forno a 180 gradi e lasciate cuocere per altri 15 minuti. Terminata la cottura, estraete la tarte tatin dal forno, capovolgetela immediatamente su un piatto o un vassoio (9), attendete che intiepidisca leggermente e... buon appetito!

Curiosità

E' molto importante, secondo la ricetta tradizionale, che per questa torta vengano scelte delle mele abbastanza farinose... parola di Stephanie Tatin.

Il consiglio di Sonia

Pancia mia, fatti capanna! La tarte tatin è un dolce veramente fenonemale, e potrebbe diventarlo ancora di più se servito caldo e guarnito con qualche ciuffetto di panna montata fresca!Chi, invece, volesse sperimentarne una versione più ricca, sappia che può aggiungere altri tipi di frutta, come pere, albicocche o prugne e, in un impeto di originalità, persino un cucchiaino di zenzero.

Altre ricette

I commenti (179)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • ambra ha scritto: giovedì 11 dicembre 2014

    oggi ho preparato la tarte tatin seguendo i consigli di Sonia. Perfetta nell'aspetto!Come la sua, il gusto nn so ancora aspetto stasera insieme ai figli. grz Ambra

  • Manuela ha scritto: domenica 07 dicembre 2014

    A me è venuta un disastro....si è spappolata quando l'ho girata e le mele hanno perso un sacco di liquido...

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 09 dicembre 2014

    @Manuela:Ciao Manuela! La tarte tatin è uno dei dolci più insidiosi che ci sia. raramente viene perfetta e raramente viene allo stesso modo una seconda volta. Prova a rifarla smiley

  • Zara ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    Sonia, come mai cancelli sempre i miei commenti? Va bè, non proprio sempre. Quando scrivo che è buonissimo, gustosissimo e bla, bla no l'ho cancelli. Ma quando scrivo, per esempio, che la Tarte Tatin è troppo zuccherata, c'è troppo burro, resta liquida etc. l'ho cancelli immediatamente. Sono davvero così pericolasa smiley?

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 05 dicembre 2014

    @Zara:Ciao Zara! Tranquilla, non eliminiamo i vostri commenti solo per alcune critiche anzi li apprezziamo molto e ci poniamo nuovi interrogativi su come migliorare smiley La tarte tatin è una ricetta piuttosto zuccherata ma è anche vero che entra in gioco anche il gusto personale; il fatto che rimane liquida dipende dalla cottura: i forni casalinghi non sono perfetti e purtroppo pochi gradi condizionano molto questa fase finale.

  • rosalba ha scritto: martedì 02 dicembre 2014

    Il caramello in qualche punto si indurisce come mai ?,grazie.

  • irene ha scritto: venerdì 28 novembre 2014

    Finalmente la vera tarte Tatin! Complimenti!

  • Marica ha scritto: sabato 22 novembre 2014

    Ho fatto 2 volte questa torta seguendo la tua ricetta alla lettera e mi è venuta perfetta. Col mio forno devo , però , cuocerla un po' di più . Erano perfette ! Secondo me quelle a cui resta liquida , non lasciano intiepidire abbastanza le mele , prima di coprirle con la pasta. Mentre si intiepidiscono, infatti, parte del succo prodotto viene assorbito

  • Eleonora ha scritto: venerdì 21 novembre 2014

    Buonasera, ho appena provato questa ricetta....tutte le mele so sono staccate dalla pasta e c' è un sacco di liquido, ho usato mele golden ma evidentemente ho sbagliato qualcosa

  • Pasquale ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    Ciao Sonia smiley vorrei provare a realizzarla con i cachi mela, dovrei modificare qualcosa nella ricetta? Grazie P

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    @Pasquale:sì puoi provare seguendo la ricetta senza alcuna modifica.

  • Rossana ha scritto: venerdì 14 novembre 2014

    Salve, anch'io vorrei sostituire lo zucchero bianco con quello di canna, in quali proporzioni?

  • Valentina ha scritto: martedì 11 novembre 2014

    scusatemi per le varie ripetizioni del messaggio ma mi è impazzito il telefono...

10 di 179 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento