Tartellette alle pesche e crema

Dolci e Desserts
Tartellette alle pesche e crema
34 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 50 min
  • Costo: basso
  • Nota: + 30 minuti di riposo della pasta frolla in frigorifero

Presentazione

Le tartellette alle pesche e crema sono dei piccoli cestini di fragrante pasta frolla.
Il goloso ripieno è formato da una crema vellutata aromatizzata alla vaniglia, mentre la pesca noce viene lavorata a forma di spiga per decorare in maniera graziosa le tartellette.
Un dessert raffinato con una crema avvolgente che si ottiene facendo sciogliere a fuoco lento lo zucchero con i tuorli, aggiungendo al composto sia il latte che la panna fresca a filo e i semi di vaniglia insieme al baccello per dare un aroma intenso.
Anche i gusci delle tartellette alle pesche e crema vengono profumati alla vaniglia, aggiungendo i semi nell'impasto prima della breve lavorazione a mano della frolla.
Potrete spolverizzare le tartellette alle pesche e crema con lo zucchero a velo o spennellarle con della confettura dopo averle cotte in forno per creare l'effetto lucido!

Ingredienti per la frolla (per 8 tartellette)
Zucchero a velo 50 gr
Burro 150 g
Uova il tuorlo di 1 uovo medio
Farina tipo 00 125 gr
Sale 1 pizzico
Vaniglia i semi di mezza bacca (oppure mezza bustina di vanillina)
Per la crema
Latte 500 ml
Panna fresca liquida 125 ml
Uova 3 tuorli di uova medie
Farina tipo 00 25 gr
Maizena 25 g
Zucchero semolato 125 gr
Limoni la scorza di 1
Vaniglia mezza bacca (oppure mezza bustina di vanillina o estratto di vaniglia)
Per decorare
Pesche noci circa 200 gr

Preparazione

Tartellette alle pesche e crema

Per preparare le tartellette alle pesche e crema, iniziate dalla pasta frolla (potete consultare nel dettaglio il procedimento qui): in un mixer ponete la farina, versate il burro freddo a pezzi (1), lo zucchero a velo (2) e il sale (3).

Tartellette alle pesche e crema

Quindi azionate il mixer fino ad ottenere un composto sabbioso (4). Trasferitelo su una spianatoia o un piano di lavoro freddo. Quindi prendete metà di una bacca di vaniglia, estraete i semi aiutandovi con la punta di un coltellino (5) e aggiungeteli al composto sabbioso (6).

Tartellette alle pesche e crema

Formate la classica fontana e versate al centro il tuorlo (7); impastate brevemente il tutto a mano (8), fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo (9) dandogli la forma di un panetto.

Tartellette alle pesche e crema

Avvolgetelo con la pellicola trasparente (10) e lasciatelo raffreddare in frigorifero per almeno mezz’ora. Nel frattempo preparate la crema: in una pentola capiente versate i tuorli e aggiungete lo zucchero (11), mescolate a fuoco bassissimo con una frusta fino a sciogliere lo zucchero (12).

Tartellette alle pesche e crema

Quindi unite la maizena e la farina setacciandole a mano a mano (13) e mescolate il tutto sempre con la frusta per ottenere un composto omogeneo e senza grumi (14).  A questo punto, aggiungete il latte a temperatura ambiente (15) e la panna a filo, stemperando sempre con una frusta.

Tartellette alle pesche e crema

Prendete l'altra mezza bacca di vaniglia, incidetela con il coltello ed estraete i semi da aggiungere alla crema (16), poi immergete anche il mezzo baccello aperto e diviso in due (17). Ad ultimo grattugiate direttamente nella pentola la scorza del limone non trattato (18).

Tartellette alle pesche e crema

Mescolate continuamente con la frusta e lasciate cuocere la crema a fuoco molto basso per almeno 15 minuti o fino a che la crema non avrà raggiunto una consistenza cremosa e compatta come la crema pasticcera (19).  Poi spegnete il fuoco, fate intiepidire la crema e trasferitela in una sac-à-poche. A questo punto riprendete la pasta frolla dal frigorifero e ponetela su un ripiano di lavoro o una spianatoia infarinata. Stendetela con un mattarello fino a raggiungere lo spessore di mezzo cm (20)  (se la pasta frolla tendesse a rompersi, mettetela tra due fogli di carta da forno leggermente oleati e stendetela sempre con il mattarello). Dopodichè con un coppapasta ricavate 8 dischi di circa 9-10 cm di diametro (21).

Tartellette alle pesche e crema

Adagiate i dischi ottenuti in stampini del diametro di 8 cm precedentemente imburrati e infarinati. Foderate bene ciascuno stampino con la pasta, facendo aderire il fondo e i bordi. Prendete la sac-à-poche con la crema e riempite ciascuno stampino fino al bordo (22); poi poneteli in frigo a raffreddare: in questo modo eviterete che i bordi della frolla collassino verso l’interno durante la cottura. Nel frattempo preparate la decorazione con le pesche: tagliatele in 4 spicchi (23) e poi a metà nel senso della larghezza (24).

Tartellette alle pesche e crema

Iniziate dalla base larga e praticate al centro una piccola incisione obliqua come per formare una V rovesciata (25-26). Lasciando qualche millimetro di spazio, praticate altri tagli sempre a V; ripetete ancora l'operazione arrivando quasi all'estremità del quarto di pesca (27).

Tartellette alle pesche e crema

A questo punto delicatamente con le dita fate scivolare i pezzetti di pesca verso il basso (28); dovreste aver formato una spiga. Ponetela al centro di ogni tortina (29) e infornatele in forno statico preriscaldato a 170° per 45-50 minuti (se forno ventilato a 160° per 40-45 minuti). Tiratele fuori dal forno quando i bordi delle tartellette saranno dorati (30). Sformatele e servite le vostre tartellette alle pesche e crema tiepide!

Conservazione

Le tartellette alle pesche e crema si conservano 3-4 giorni in frigorifero, coperte con pellicola trasparente o chiuse in un contenitore ermetico.
Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

La bellezza è quasi un ingrediente di questo piatto! Se volete esagerare, spennellate le cartellette (una volta cotte) con della confettura alle pesche, o quella che preferite, dopo averla filtrata con un colino a maglie strette: bello e, naturalmente, delizioso!

Altre ricette

I commenti (34)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Claudia ha scritto: giovedì 09 luglio 2015

    buonissime!!!! le ho preparate seguendo perfettamente le dosi!!!! le pesche le ho messe fresche senza forno!!!!! che delizia!!!!! grande Sonia!!!!!

  • Luisa ha scritto: lunedì 19 gennaio 2015

    Questa crema mi dà l'idea di essere deliziosa! Mi piacerebbe utilizzarla per farcire un pan di spagna ma mi chiedo se manterrebbe la consistenza giusta non essendo sottoposta alla seconda cottura in forno. In alternativa c'è una più adatta che abbia questo gusto alla vaniglia?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 21 gennaio 2015

    @Luisa:Ciao Luisa! Puoi usarla tranquillamente per farcire a freddo smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 02 settembre 2014

    @Vero1010: puoi conservare la crema pasticcera in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, coperta da pellicola.

  • Vero1010 ha scritto: martedì 02 settembre 2014

    Sonia un consiglio,la crema pasticciera quanto può durare in frigo?? Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 23 giugno 2014

    @Ilaria: Ciao Ilaria, ti consiglierei di preparare l'impasto delle tartellette e tenerlo in frigorifero avvolto con pellicola trasparente. La crema si puà preparare e coprire con pellicola trasparente, quindi riporre in frigorifero una volta fredda.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 23 giugno 2014

    @Ilaria: Ciao, prova la cottura di una tartelletta con il tuo procedimento per regolarti meglio per le successive!

  • Ilaria ha scritto: lunedì 23 giugno 2014

    Ah Sonia, un'altra domanda: non ho stampini larghi e bassi come i tuoi ma ho quelli per i muffin: anche se le tartellette verranno di forma diversa, cambia qualcosa per la cottura o va bene fare tutto uguale? Grazie di nuovo smiley

  • Ilaria ha scritto: lunedì 23 giugno 2014

    Ciao Sonia! Se volessi preparare tutto in anticipo per poi infornare domani, e considerando che devo fare più infornate perchè non ho molti stampini e voglio fare molte tartellette, come conservo la frolla? E la crema devo per forza prepararla all'ultimo o no? Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 08 maggio 2014

    @mari: Ciao, puoi provare ma tamponale accuratamente per eliminare lo sciroppo di conservazione in eccesso.

  • mari ha scritto: mercoledì 07 maggio 2014

    Ciao, posso usare le pesche sciroppate? grazie...

10 di 34 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento