Trippa alla romana

Secondi piatti
Trippa alla romana
31 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Trippa alla romana

La trippa alla romana è un piatto povero, ma molto sostanzioso della tradizione popolare.
In Italia, molte regioni hanno la propria  ricetta per preparare la trippa, tra le tante versioni le più note sono la trippa alla fiorentina,  alla napoletana, alla bolognese, e  la famosa trippa alla milanese (o busecca). Quella che vi presentiamo in questa ricetta è la trippa alla romana.
Gli ingredienti che  caratterizzano la trippa alla romana sono il pecorino romano e la mentuccia.
La tradizione romana, e laziale in generale, vuole che questi due ingredienti siano inseriti nelle fasi iniziali della cottura della trippa, invece una versione più moderna indica che il pecorino e la mentuccia siano aggiunti al termine della preparazione.

Ingredienti
Trippa 1 kg
Sedano una costa
Carote 1
Cipolle 1
Olio 4/5 cucchiai
Pomodori polpa 400 gr
Vino 1 bicchiere
Pecorino romano 80 gr
Menta romana 2 rametti
Sale q.b.

Preparazione

Trippa alla romana

Per preparare la trippa alla romana comprate la trippa dal vostro macellaio di fiducia già pulita e tagliata a listarelle. Lavatela per bene sotto l'acqua fredda corrente e lasciatela scolare (1). Preparate un trito con la costa del sedano, la carota e la cipolla e fate soffriggere in un tegame insieme ai cucchiai di olio (2) e poi aggiungete la trippa (3).

Trippa alla romana

Lasciate ammorbidire ed asciugare la trippa e poi aggiungete il bicchiere di vino (4) che potrà essere rosso oppure bianco, come preferite. Fate evaporare e poi aggiungete la polpa di pomodoro (5), mescolate bene, lasciate andare per alcuni minuti e poi aggiungete abbondante pepe macinato (6) e aggiustate di sale.

Trippa alla romana

Lasciate cuocere coprendo il tegame con un coperchio (7) e aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di acqua calda o di brodo. Intanto, in una ciotola, preparate il pecorino grattugiato e la mentuccia sminuzzata (8). Quando la trippa sarà cotta, spegnete e il fuoco e aggiungeteci il contenuto della ciotola e fate mantecare. Servite la trippa alla romana guarnendo i piatti con delle foglioline di mentuccia.

Consiglio

La ricetta originale della variante romana prevede l'utilizzo della trippa di vitello a quella di manzo.

Curiosità

La trippa è un piatto molto ricco dal punto di vista nutrizionale, ricco di proteine e con pochi grassi. E' giusto ricordare che la sua scarsa digeribilità molto spesso è dovuta all'abbondanza di condimento e alle spezie che di solito si utilizzano per prepararla. Invece molto alto è il valore del colesterolo.

Altre ricette

I commenti (31)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • trippa il tempo di cottuta ha scritto: martedì 28 ottobre 2014

    ma x quanto tempo la cottura della trippa, dopo aver messo la passata??? grazie Sonia sei la mia preferitaaaaaaaaaa kissssss

  • lanfrancogalli ha scritto: lunedì 01 settembre 2014

    meglio senza mentuccia perche prevale il saporelanfranco

  • tonino ha scritto: giovedì 24 luglio 2014

    provando, vedremo i risultati

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 22 luglio 2014

    @Francesca: Ciao! continua a seguirci smiley

  • Francesca ha scritto: lunedì 21 luglio 2014

    Grazie delle vostre ricette. Buonissime e facili da eseguire. Ciao da Edmonton, Canada

  • Giovanni Cesare ha scritto: giovedì 24 aprile 2014

    OTTIMA NEL SAPORE,MA INSIEME ALLA MENTA NON DEVE ANCARE ABBONDANTE PREZZEMOLO TRITATO, OLIO E LIMONE.

  • silvana ha scritto: domenica 13 aprile 2014

    Grazie per le ricette che ci regalate ogni giorno, Vi seguo e realizzo e mi diverto ad eseguire come dai passaggi a volte indispendabili Ho preparato anche il carpaccio di polipo, una meraviglia!!!! Grazie ! Siete una favola! Grazie Sonia!!!

  • gianni t ha scritto: lunedì 30 settembre 2013

    Conviene sempre fare bollire la trippa per almeno un'ora prima di aggiungerla al soffritto. Schiumarla bene con un colino e tenere il brodo di cottura per eventualmente aggiungerlo durate la cottura del piatto se si asciugasse troppo

  • Robbylazio ha scritto: martedì 11 giugno 2013

    ho fatto la ricetta della ; Sora Lella ; era buonissima , ma dopo 2,5 ore di cottura era ancora un po dura . Va bollita prima ,e quanto !! grazie

  • Valeria ha scritto: sabato 11 maggio 2013

    La trippa contrariamente alla percezione generale è di per sé povera di grassi (4%) e con un ridotto contenuto calorico (meno di 100 calorie all'etto). Ovviamente per questa squisita ricetta bisogna tenere in conto anche tutti gli altri ingredienti ma non è poi così demoniaca!!

10 di 31 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento