Speciale Vellutate per tutte le stagioni

Vellutata di cavolfiore

Primi piatti
Vellutata di cavolfiore
90 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

La vellutata di cavolfiore è un primo piatto sfizioso, leggero e nutriente; facile e veloce da preparare.
Il cavolfiore è un ortaggio tipico della stagione invernale, che si presta ad essere preparato in tantissimi modi ed è ideale per la realizzazione di zuppe sfiziose o vellutate. La vellutata di cavolfiore è una piatto rustico preparato con ingredienti semplici e genuini, che conferiscono alla preparazione un sapore tutto particolare. La vellutata di cavolfiore è ideale servita ben calda con un filo di olio extravergine di oliva a crudo e dei crostini di pane tostato.

Ingredienti
Patate farinose 740 gr
Pepe q.b.
Sale q.b.
Olio di oliva extravergine 3 cucchiai
Erba cipollina 1 ciuffo
Aglio 2 spicchi
Burro 30 g
Porri 110 g
Acqua 1 l
Cavolfiore di Fano 740 gr

Preparazione

Vellutata di cavolfiore

Per realizzare la vellutata di cavolfiore iniziate preparando tutti gli ingredienti: lavate, pelate e tagliate a tocchetti le patate (1-2), poi private il porro della parte verde e affettate a rondelle sottili la parte bianca (3).

Vellutata di cavolfiore

Lavate e mondate il cavolfiore; tagliate, con l’aiuto di un coltello, l’estremità inferiore della testa ed eliminate le foglie più dure, quindi staccate le cimette dal gambo (4). Fate sciogliere il burro con due cucchiai di olio in un pentolino (5), poi unite due spicchi di aglio schiacciato (potete usare uno schiaccia aglio) (6).

Vellutata di cavolfiore

Quando l’aglio sarà imbiondito aggiungete il porro (7), il cavolfiore (8) e le patate (9),

Vellutata di cavolfiore

quindi insaporite con del pepe nero macinato (10). Aggiungete un litro di acqua (11) e lasciate cuocere a fuoco medio per 10 minuti, mescolando di tanto in tanto (12),

Vellutata di cavolfiore

poi coprite con un coperchio e continuate la cottura per altri 20 minuti, a fuoco lento (13). Una volta cotte le verdure, frullate il tutto con il mixer (14). Tritate l’erba cipollina e cospargetela sulla vellutata, aggiustate di sale, poi mescolate per amalgamare bene tutti gli ingredienti (15). La vellutata di cavolfiori è pronta: servitela ben calda, accompagnata eventualmente da crostini di pane tostato, un filo d’olio extravergine e parmigiano grattugiato.

Conservazione

Consigliamo di consumare subito la vellutata di cavolfiore, ma se lo desiderate potete conservarla in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico, per un giorno.

La vellutata di cavolfiore, una volta pronta, può essere congelata chiusa in un contenitore ermetico.

Consiglio

Il Cavolfiore di Fano è particolarmente adatto a questa preparazione, ma se non lo trovate, potete sostituirlo con un cavolfiore bianco di altra provenienza.

Se prefirite ottenere una consistenza più cremosa  e un sapore più delicato potete aggiungere un po' di panna fresca a fine cottura, una volta frullati tutti gli ingredienti (per quattro persone consigliamo di aggiungere massimo 200 ml di panna fresca ).

Altre ricette

I commenti (90)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Maria Rosa ha scritto: venerdì 08 gennaio 2016

    Buonissima, adatta in queste giornate fredde, la faró spesso.....

  • tiziana ha scritto: martedì 05 gennaio 2016

    ciao, il sapore e l'odore della zuppa è molto forte? io non amo il cavolfiore, ma sono consapevole delle sue proprietà nutritive e vorrei inserirla nella mia alimentazione.

  • steno ha scritto: martedì 05 gennaio 2016

    buongiorno; chiedevo: se il cavolfiore pesa 760 grammi invece di 740, è grave? non vorrei che mi saltasse tutta la preparazione. grazie steno

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 05 gennaio 2016

    @steno: Ciao, non preoccuparti in alcune ricete, come questa, il peso è indicativo. 20 grammi in meno non comprometteranno la tua ricetta smiley un saluto!

  • Daniela ha scritto: lunedì 21 dicembre 2015

    l'ho fatta più di una volta buonissima!... solo l'ultima volta ne è avanzata un po' e ho provato a seguire il consiglio e l'ho congelata, il risultato purtroppo pessimo smiley una volta scongelata gli ingredienti si sono tutti separati era acquosa e grumosa... sconsiglio il congelamento!!!

  • Paul ha scritto: sabato 12 dicembre 2015

    Non l'ho preparata solo una volta....ne vado matto!

  • Tina ha scritto: mercoledì 11 novembre 2015

    Buongiorno! Si può congelare questa vellutata e poi scongelare e riscandare più in là?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 11 novembre 2015

    @Tina: Ciao Tina, certo puoi congelarla e poi lasciarla scongelare a temperatura ambiente per qualche ora oppure in frigorifero tutta la notte, dopodiché riscaldala prima di servirla smiley

  • Luca ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    ottima ricetta. La mia moglie ha fatto il tris smiley

  • gaia ha scritto: martedì 27 ottobre 2015

    non ho il porro. posso mettere la cipolla o è meglio niente?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 27 ottobre 2015

    @gaia: Ciao, potresti ometterlo o utilizzare della cipolla se preferisci! smiley

  • Laura ha scritto: lunedì 26 ottobre 2015

    Questa ricetta è perfetta! La vellutata è venuta una bontà, deliziosa come quella di broccoli (fatta la settimana scorsa)!!

  • Raffaela ha scritto: domenica 25 ottobre 2015

    E possibile fare una vellutata senza patate né pubblicate qualcuna nn ne posso mangiare le patate

10 di 90 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento