Vin brule' (Mulled wine)

Bevande
Vin brule' (Mulled wine)
106 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 5 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Vin brule' (Mulled wine)

Il vin brûlé (o mulled wine), che significa vino bruciato, è una deliziosa e aromatica bevanda, che va servita calda; preparata con vino rosso corposo, spezie, agrumi e zucchero, è corroborante, riscaldante e disinfettante, per questo viene adottata come cura contro il raffreddore, ed è molto usata nelle zone montane, dove il freddo è più accentuato.

Il vin brûlé è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo: la sua preparazione è semplice e veloce e nonostante nei supermercati vengano vendute delle confezioni di spezie già pronte per l’uso, non è assolutamente difficile prepararlo in casa secondo i vostri personali gusti.

Ingredienti
Vino rosso corposo 1 litro
Cannella 2 stecche
Zucchero 200 g
Chiodi di garofano 8
Limoni non trattati 1
Arance non trattate 1
Noce moscata 1/2 grattugiata al momento
Anice stellato 1

Preparazione

Vin brule' (Mulled wine)

Per preparare il vin brûlé preparate tutte le spezie che vi serviranno per la preparazione, quindi tagliate sottilmente la scorza del limone e dell’arancia, senza prendere anche la parte bianca, che renderebbe amara la preparazione (2). In un tegame di acciaio dai bordi non troppo alti, versate lo zucchero (3),

Vin brule' (Mulled wine)

unite la scorza degli agrumi, le spezie (4-5) e in ultimo versate il vino rosso corposo (6).

Vin brule' (Mulled wine)

Ponete la pentola sul fuoco e portate lentamente a ebollizione: fate bollire a fuoco basso per 5 minuti mescolando fino al completo scioglimento dello zucchero (7); a questo punto avvicinate una fiamma alla superficie del vino, facendo molta attenzione a non scottarvi: l’alcol contenuto nel vino prenderà fuoco, e voi dovete lasciarlo fiammeggiare fino al completo spegnimento (8).
Quando il fuoco si sarà spento, filtrate il vin brûlé con un colino a maglie fittissime e servitelo fumante. Buon vin brûlé a tutti!

Conservazione

Potete conservare il vin brûlé in frigorifero per 2-3 giorni al massimo. Al momento di servirlo riscaldatelo in un pentolino.

Curiosita'

Pare che il vin brulè sia una bevanda molto antica, e che la sua nascita sia da attribuire ai frati, esperti conoscitori di erbe e spezie, che nei conventi si dedicavano anche alla preparazione del vino.
Per loro fu facile intuire gli effetti benefici che questa bevanda poteva avere contro il raffreddore; un farmaco naturale e delizioso, che era conosciuto fin dal Medioevo.

Il consiglio di Sonia

Suggeriamo di servire il vin brûlé in contenitori di ceramica o di vetro temprato: un normale bicchiere potrebbe non reggere l'eccessivo calore e incrinarsi, o addirittura spaccarsi. E' invece assolutamente da evitare l'uso di pentole antiaderenti nella fase di cottura e bollitura.

Altre ricette

I commenti (106)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Agnese ha scritto: sabato 23 gennaio 2016

    Mentre cercavo varie ricette per l'Hot wine ho trovato questa che è identica alla vostra non solo per gli ingredienti ma anche per le parole. Ve la segnalo: http://www.irlandando.it/cultura/cucina/ricette/bevande/ricetta-mulled-wine/

  • Chiara ha scritto: martedì 19 gennaio 2016

    Preparato domenica scorsa, buonissimo! Confermo pure io che lo zucchero è un po' troppo altrimenti il risultato diventa troppo dolce. Consiglio anche una spolverata di zenzero!

  • Giovanni ha scritto: sabato 16 gennaio 2016

    Buonasera Ma se non avessi anice stellata????cosa potrei utilizzare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 21 gennaio 2016

    @Giovanni: ciao Giovanni, puoi ometterlo semplicemente o aggiungere una delle spezie che preferisci! 

  • giusseppe ha scritto: martedì 29 dicembre 2015

    ok..forse era troppo dolce per via dei 200g di zucchero.ma dicevano vino corposo...avete messo un buon vino corposo

  • Valentino ha scritto: lunedì 28 dicembre 2015

    Ciao a tutti, ricetta veramente ottima!! Consiglio a mio parere di mettere meno zucchero (circa 150 grammi x dose) e per flambare alzare la fiamma l'ultimo minuto, togliere il coperchio e con un accendino infiammare.

  • anna ha scritto: domenica 27 dicembre 2015

    A cottura ultimata non mi si e' creata la fiamma...??????....aspettavo questo momento coreografico.....comunque sia e' ottimo.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 28 dicembre 2015

    @anna: Ciao Anna, hai avvicinato una fiamma alla superficie del vino per infiammarla come da indicazioni?

  • Daniel ha scritto: sabato 26 dicembre 2015

    salve a tutti, anchio dopo lunghi studi e ricerche mi sono creato la mia ricetta personale ,mantenendomi sulla tradizione medievale e sostituendo l'anice stellato con un ingrediente segreto è venuto da dio , soddisfando il palato e l'apprezzamento dei convittuali della serata, però ho un quesito da porre , nella preparazione quando ormai è pronto ho filtrato tutto il preparato in una termos con rubinetto dosatore per facilitare la distribuzione smiley filtrando quindi con un colino,poi mi rimangono tutte le spezie che ho messo nella pentola , mi piacerebbe sapere se si potebbero riutilizzare o conseravare ? è un peccato buttarle e tanta roba ! qualche consiglio al riguardo?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 31 dicembre 2015

    @Daniel: Ciao Daniel, poiché le spezie sono state a macerare nel vino sarebbe difficile riutilizzarle senza che queste conferiscano ulteriore sapore alle preparazioni. Perciò ti suggeriamo due alternative, la prima è quella di preparare un buon arrosto e riutilizzare così le spezie oppure di lasciarle asciugare per bene e di lasciare nel barattolo dello zucchero, così da profumarlo e renderlo irresistibile! Speriamo di averti ispirato smiley un saluto e buon anno!

  • Monica ha scritto: mercoledì 23 dicembre 2015

    sono un'altra Monica. premesso che le bottiglie di vino in genere sono da 750 ml, ma quello non é un problema, ho messo 150 gr di miele anziché 200 gr (di zucchero) e va bene cosí altrimenti viene troppo dolce per me. purtroppo non é venuta nessuna fiamma, evidentemente l'alcool era tutto evaporato. é venuto buono, mi piace molto. la prossima volta lo farei un pochino meno dolce e con un po' piú d'arancia.

  • Monica ha scritto: mercoledì 09 dicembre 2015

    Vorrei sapere se aggiungendo un po' di vino clinto faccio bene...

  • Flavio ha scritto: sabato 05 dicembre 2015

    Condivido il commento di Erika: il brulé è venuto benissimo, la ricetta è ottima, ma per quanto riguarda lo zucchero anche secondo me ne basterebbe la metà perché davvero si sente tanto. L'ho appena preparato.

10 di 106 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento