Vin brule' (Mulled wine)

Dolci e Desserts
Vin brule' (Mulled wine)
69 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 5 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Vin brule' (Mulled wine)

Il vin brûlé (o mulled wine), che significa vino bruciato, è una deliziosa e aromatica bevanda, che va servita calda; preparata con vino rosso corposo, spezie, agrumi e zucchero, è corroborante, riscaldante e disinfettante, per questo viene adottata come cura contro il raffreddore, ed è molto usata nelle zone montane, dove il freddo è più accentuato.

Il vin brûlé è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo: la sua preparazione è semplice e veloce e nonostante nei supermercati vengano vendute delle confezioni di spezie già pronte per l’uso, non è assolutamente difficile prepararlo in casa secondo i vostri personali gusti.

Ingredienti
Vino rosso corposo 1 litro
Cannella 2 stecche
Zucchero 200 g
Chiodi di garofano 8
Limoni non trattati 1
Arance non trattate 1
Noce moscata 1/2 grattugiata al momento
Anice stellato 1

Preparazione

Vin brule' (Mulled wine)

Per preparare il vin brûlé preparate tutte le spezie che vi serviranno per la preparazione, quindi tagliate sottilmente la scorza del limone e dell’arancia, senza prendere anche la parte bianca, che renderebbe amara la preparazione (2). In un tegame di acciaio dai bordi non troppo alti, versate lo zucchero (3),

Vin brule' (Mulled wine)

unite la scorza degli agrumi, le spezie (4-5) e in ultimo versate il vino rosso corposo (6).

Vin brule' (Mulled wine)

Ponete la pentola sul fuoco e portate lentamente a ebollizione: fate bollire a fuoco basso per 5 minuti mescolando fino al completo scioglimento dello zucchero (7); a questo punto avvicinate una fiamma alla superficie del vino, facendo molta attenzione a non scottarvi: l’alcol contenuto nel vino prenderà fuoco, e voi dovete lasciarlo fiammeggiare fino al completo spegnimento (8).
Quando il fuoco si sarà spento, filtrate il vin brûlé con un colino a maglie fittissime e servitelo fumante. Buon vin brûlé a tutti!

Conservazione

Potete conservare il vin brûlé in frigorifero per 2-3 giorni al massimo. Al momento di servirlo riscaldatelo in un pentolino.

Curiosita'

Pare che il vin brulè sia una bevanda molto antica, e che la sua nascita sia da attribuire ai frati, esperti conoscitori di erbe e spezie, che nei conventi si dedicavano anche alla preparazione del vino.
Per loro fu facile intuire gli effetti benefici che questa bevanda poteva avere contro il raffreddore; un farmaco naturale e delizioso, che era conosciuto fin dal Medioevo.

Il consiglio di Sonia

Suggeriamo di servire il vin brûlé in contenitori di ceramica o di vetro temprato: un normale bicchiere potrebbe non reggere l'eccessivo calore e incrinarsi, o addirittura spaccarsi. E' invece assolutamente da evitare l'uso di pentole antiaderenti nella fase di cottura e bollitura.

I commenti (69)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Aldo Filippo Gontero ha scritto: sabato 13 dicembre 2014

    Ho dimenticato: io metto al posto dello zucchero il miele quando il vino è gia ben caldo

  • Aldo Filippo Gontero ha scritto: sabato 13 dicembre 2014

    In alta val Susa non viene ne bollito, ne fiammato. Ma tenuto sotto una lieve fiammella e sempre pronto - Meglio tegami alto in terra cotta o paiolo I mie vecchi non mettevano arancio e anice perchè non c'erano

  • Bididibodidibu ha scritto: venerdì 12 dicembre 2014

    In Trentino non si fiammeggia assolutamente ed il vino non va fatto bollire ma tenuto sotto gli 80 gradi. Sopra gli 83 infatti l'alcool evapora, le spezie alterano il loro sapore e lo zucchero può liberare sostanze cancerogene

  • Anna Velonà' ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    Veramente ottimo

  • annarella monni ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    Posso usare lo zucchero di canna e quanto e la cannella va bene quella in polvere quanto aspetto risposta per fare il vin brulé grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    @annarella monni:Ciao Annarella! Certo, puoi usare lo zucchero di canna nella stessa dose. Per la cannella è necessaria la stecca, in quanto la polvere lascia comunque sapore ma non si scioglie, galleggerebbe tutta in superficie smiley

  • maria ha scritto: martedì 09 dicembre 2014

    Il bin brule' l'ho bevuto ad Asiago in questi primi giorni di freddo ed e' squisito provatelo tutti vi riscalda e da carica Maria

  • mariella ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    ciao sonia io devo fare una sagra, insieme al vin brule' cosa si puo' abbinare dammi un'idea (tipo dolci, quali, castagne oppure tarallcci oppure..........)

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 05 dicembre 2014

    @mariella:Ciao Mariella! Questi biscotti hanno in comune parte delle spezie che si gustano nel vin brulè smiley gingerbread

  • lalli ha scritto: sabato 15 novembre 2014

    per quanto tempo si puo' conservare il vin brulee?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    @lalli: Ciao! sarebbe meglio consumarlo subito ben caldo; eventualmente lo puoi fare e conservare con tutte le spezie in infusione per un paio di giorni non di più e riscaldarlo per bene prima di consumarlo.

  • fabiana ha scritto: sabato 01 novembre 2014

    Ciao, devo mettere o no l'anice stellato? tra gli ingredenti è presente ma nella video ricetta no. grazie

  • davide ha scritto: mercoledì 22 ottobre 2014

    Vin brulè è perfetto anche con del tavernello,lambrusco anche se gasato poi in cottura viene disperso,vino vecchio marsalato ancora meglio,rende il tutto più aromatico,la dose perfetta di zucchero è 100g ogni 0,75l di vino,per quanto

10 di 69 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento