Vitello tonnato

Antipasti
Vitello tonnato
279 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 120 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

Vitello tonnato

Il vitello tonnato, o vitel tonè, contrariamente a quello che molti pensano, è un piatto italianissimo tipico della cucina Piemontese.

Sono molte le città piemontesi che vantano di aver "dato i natali" a questo antipasto: tra tutte ricordiamo sicuramente Alba e Garessio, dove sembra si possa mangiare il più buon vitello tonnato d'Italia.

Come per molte altre ricette, è sempre Pellegrino Artusi che nell'800 ci parla per la prima volta di questo gustosissimo antipasto citandolo nel suo libro "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene".

Ingredienti
Vitello (tondino, magatello o girello) 600 g
Uova sode 3
Aceto balsamico q.b.
Carote 1
Sedano 1 costa
Cipolle 1
Acciughe sott'olio 6
Aglio 2 spicchi
Pepe nero q.b.
Vino bianco 500 ml
Rosmarino 1 rametto
Alloro 5 foglie
Brodo vegetale q.b.
Capperi 15
Tonno sott'olio sgocciolato 100 g
Chiodi di garofano 4
Olio extravergine d'oliva 40 g
Sale 1 pizzico

Preparazione

Vitello tonnato

Per prima cosa mettete la carne (tondino, girello o magatello) in un tegame con la carota, l'aglio, il sedano, la cipolla, il rosmarino, l'alloro, i chiodi di garofano, due cucchiai di olio e un pizzico di sale (1) in modo che si arricchisca di aromi e spezie. Bagnate la carne col vino bianco (2)  per farle acquistare maggiore sapore, quindi aggiungete a filo dell'acqua (3) (o se preferite brodo).

Vitello tonnato

Lasciate cuocere la carne a fuoco dolce per circa 1 ora e mezza o due (4); a cottura avvenuta (5) spegnete il fuoco e lasciatela raffreddare insieme al suo fondo.

Vitello tonnato

Preparate la salsa tonnata mettendo in una ciotola il tonno sbriciolato e le uova sode tritate (6), i capperi, le acciughe (7)  diluendo il tutto con un po' d'olio (operazione che potete eseguire con l'aiuto di un frullatore) e un po' di brodo di cottura della carne (8); in questo modo otterrete una salsa cremosa e morbida (9).

Vitello tonnato

Una volta cotta la carne, tagliatela a fettine non troppo spesse (10) e disponetele sul piatto da portata (11). Prima di stendere la salsa sulla carne (11) ricordate (se vi piace) di aggiungere un goccio di aceto balsamico che darà sicuramente un tocco in più a livello di impatto gustativo. Guarnite il vitello tonnato con qualche cappero (12) e servite.

Conservazione

Potete conservare il vitello tonnato in frigorifero, chiuso in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni al massimo.
Conservate la salsa tonnata, anch’essa in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico per 3 giorni al massimo.

Curiosità

Se volete assaggiare un ottimo vitello tonnato, preparato secondo tradizione, e non solo... potete fare un salto a Saluzzo, in Piemonte vicino Cuneo, per l'annuale sagra degli antipasti, giunta alla sua seconda edizione, che si tiene tra luglio e agosto.

Consiglio

Se volete che le fettine siano molto sottili, affettate la carne già fredda con un'affettatrice. Ricordate di servire dopo qualche ora, per permettere alla carne di insaporirsi.

Altre ricette

I commenti (279)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • norisa ha scritto: domenica 24 luglio 2016

    Io la carne la metto quando già bolle l'acqua e poi la lascio raffreddare bel brodo. alla salsa descritta sopra aggiungo anche 2 cucchiai di maionese... Viene più morbida e gustosa

  • gloria gabriel ha scritto: mercoledì 20 luglio 2016

    Si può congelare la carne cotta e tagliata e la salsa già pronta??Grazie!!!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 20 luglio 2016

    @gloria gabriel:Ciao Gloria, puoi congelare la carne una volta cotta ma ti consigliamo di preparare la salsa al momento per una migliore resa in termini di sapore.

  • Manuela TN ha scritto: sabato 09 luglio 2016

    Una domanda: mettendo la carne in acqua fredda e portarla poi a bollore, non si perdono le sostanze nutritive che vanno, invece, ad arricchire il brodo? Un complimento per le ottime ricette e per i Vs preziosi consigli.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 12 luglio 2016

    @Manuela TN: Ciao Manuela, sicuramente questa preparazione lascerà un ottimo brodo che potrai riutilizzare per cuocere la pasta oppure per condire altre preparazioni. Il vitello viene cotto in questo modo per rendere la carne cotta al punto giusto! Un saluto!

  • Arcangela ha scritto: domenica 26 giugno 2016

    Su un chilo e 600 grammi quando uova de usare e tonno grazie arcdngela

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 27 giugno 2016

    @Arcangela: Ciao! Ti consigliamo di moltiplicare tutti gli ingredienti per 2,5! 

  • Vale ha scritto: giovedì 12 maggio 2016

    ciao secondo voi se assieme al tonno aggiungo un po' di bottarga può starci bene o lo rende troppo forte??

  • Kayra ha scritto: lunedì 18 aprile 2016

    @massimo Hai scritto cuocere con la Q!!! Spero che tu ti sia sbagliato per questa volta e basta!

  • sandra ha scritto: sabato 02 aprile 2016

    ma il brodo si può usare cn i tortellini? grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    @sandra:Certo Sandra, saranno molto più saporiti smiley

  • Immacolata ha scritto: giovedì 31 marzo 2016

    Caio, c'è chi dice che la carne va tolta e avvolta nella pellicola una volta che è cotta, altrimenti diventa troppo secca se lasciata raffreddare nella sua acqua. Qual'è il passaggio giusto? Grazie

  • flavia ha scritto: venerdì 25 marzo 2016

    Salve, io volevo sapere se devo frullare pure le verdure insieme alle uova tonno ecc. Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 25 marzo 2016

    @flavia: Ciao Flavia, certo se preferisci va bene! un saluto!

  • massimo ha scritto: sabato 19 marzo 2016

    Se lo avvolgo nella pellicola e poi lo metto a quocere.va bene?

10 di 279 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI