Speciale Street food, cucina e gusto on the road!

Zeppole di San Giuseppe fritte

Dolci e Desserts
Zeppole di San Giuseppe fritte
376 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Zeppole di San Giuseppe fritte

Le zeppole di San Giuseppe fritte sono un dolce tipico della cucina Italiana e derivano da una tradizione antica risalente addirittura all’epoca romana. Secondo la tradizione dell’epoca, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera e, per questo motivo, i romani gli diedero il simpatico appellativo di “frittellaro”.

Proprio per questo motivo, in tutta Italia, le zeppole sono i dolci tipici della festa del papà, preparati per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe. Ogni città, provincia o regione ha ovviamente la sua variante delle zeppole ma l’elemento fondamentale che accomuna e contraddistingue questi dolci è che devono essere fritti in abbondante olio, proprio come tradizione vuole. Negli ultimi anni, però, ha preso piede anche una variante al forno delle zeppole che risultano così essere un po’ più leggere e meno caloriche rispetto alle classiche frittelle.
Le zeppole di San Giuseppe fritte sono un dolce intramontabile, apprezzato sempre da tutti!

Ingredienti per circa 8 zeppole
Uova medie 3
Burro 70 g
Zucchero 40 g
Limoni la scorza grattugiata di 1
Acqua 250 ml
Farina 00 150 gr
Sale 2 g
per la crema pasticcera
Uova 3 tuorli
Farina o maizena 25 gr
Vaniglia mezza bacca (o mezza bustina di vanillina)
Zucchero 75 g
Latte 250 ml
per friggere e per guarnire
Ciliegie candite (o amarene sciroppate) 8
Olio di semi per friggere q.b.

Preparazione

Zeppole di San Giuseppe fritte

Per preparare le zeppole di San Giuseppe fritte, realizzate per prima cosa la crema pasticcera (guarda la ricetta cliccando qui): riscaldate il latte in un pentolino con la metà di una bacca di vaniglia e i suoi semi; sbattete in una ciotola, con la frusta, il tuorlo e lo zucchero (1) quindi aggiungete la farina. Con una pinza, eliminate la bacca e versate il latte riscaldato sul composto a filo (2), amalgamando con la frusta. Riportate il composto sul fuoco e mescolate continuamente fino a che la crema non si sarà addensata (3). Trasferite la crema pasticcera in una ciotola e fatela raffreddare conservandola con un foglio di pellicola a contatto.

Zeppole di San Giuseppe fritte

Preparate ora l’impasto delle zeppole: in un pentolino dal fondo spesso ponete il burro a pezzetti e versate l'acqua (4), unite il sale (5) e portate lentamente ad ebollizione, rimestando con un cucchiaio di legno (6).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Non appena il burro sarà sciolto e l’acqua bollirà, togliete il pentolino dal fuoco e versate al suo interno la farina setacciata (7); riportate il pentolino sul fuoco e amalgamate gli ingredienti con una frusta all'inizio (8) e poi continuate a mescolare con un cucchiaio di legno per ottenere una palla compatta (9). Girate il composto fino a quando vedrete formarsi una patina biancastra sul fondo del pentolino (ci vorranno circa 10 minuti).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Spegnete il fuoco e aggiungete lo zucchero (10), mescolate bene per incorporarlo al composto (11), poi versate l’impasto in una ciotola e lasciatelo intiepidire (12).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Una volta tiepido, trasferite l'impasto in una ciotola e unite la scorza del limone grattugiata  (13) e le uova (14), una alla volta, aggiungendo la seguente solo quando la precedente sarà stata completamente assorbita (oltre che con un mestolo di legno, potete compiere questa operazione servendovi delle fruste di uno sbattitore o la foglia di una planetaria). Alla fine dovrete ottenere un composto liscio e omogeneo che facendolo cadere con una paletta o un mestolo, formerà una specie di "nastro" (15), come si dice in gergo. Trasferite il composto ottenuto in una sac-à-poche con bocchetta stellata.

Zeppole di San Giuseppe fritte

Ritagliate dei quadrati di carta forno che abbiano i lati di 8 cm e spremete sopra ogni quadrato un dischetto di pasta del diametro di 5 cm che formerete con un movimento a spirale (16). Sul bordo esterno di ogni dischetto sovrapponete un anello di pasta come per formare una scodellina (17). Modellate così circa altre 7 zeppole o finchè il composto non sarà terminato (18).

Zeppole di San Giuseppe fritte

In un tegame dal bordo alto, ponete dell’olio per friggere che porterete a una temperatura compresa tra i 160° e 170° C: l’olio non deve essere bollente, deve friggere dolcemente permettendovi di rigirare le zeppole più volte perché si possano gonfiare uniformemente. Quando l’olio avrà raggiunto la temperatura ideale, immergete non più di 1-2 zeppole ancora attaccate ai quadrati di carta forno (19) sulle quali sono appoggiate; la carta si staccherà da sola dopo qualche secondo  e  potrete quindi toglierla dall’olio servendovi di una pinza da cucina. Rigirate le zeppole più volte nell’olio caldo fino alla completa doratura (20), quindi sgocciolatele con una schiumarola (21) e

Zeppole di San Giuseppe fritte

ponetele a scolare dell’olio in eccesso su più fogli di carta assorbente da cucina. Quando avrete fritto tutte le zeppole spremete la crema pasticcera, che avrete trasferito in una sac-à-poche con bocchetta stellata, al centro delle zeppole (22). Guarnite le zeppole con un'amarena sciroppata, o una ciliegia candita, sulla sommità del ciuffo di crema (23), trasferite le zeppole su di un piatto da portata (24) e servite le vostre zeppole di San Giusepppe fritte!

Conservazione

Le zeppole di San Giuseppe fritte vanno consumate appena fatte, per gustarle, calde e croccanti!
Conservatele in frigorifero, coperte, per 2 giorni al massimo.
Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Fondamentale: non superate i 170° durante la frittura, altrimenti le zeppole non si gonfieranno e rimarranno basse e crude all'interno, e sarebbe davvero un peccato. Rispettando questa condizione, otterrete un risultato spettacolare, in grado di stupire qualsiasi papà! Per i più golosi, potete completare la preparazione spolverizzando con lo zucchero a velo!

Altre ricette

I commenti (376)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • giulio ha scritto: sabato 23 aprile 2016

    ma dove le prendete le ricette?? sul manuale delle giovani marmotte?? facendo il doppio giro mi sono venute gonfie come dei superkrapfen, altro che zeppole di san giuseppe... ma daiiiii

  • sara ha scritto: venerdì 25 marzo 2016

    Belli consigli

  • Ania ha scritto: lunedì 21 marzo 2016

    Ciao Sonia, ho seguito tutto qnto alla lettera controllando la temperatura dell'olio e facendo asciugare per bene l impasto in pentola ma mi sn venute crude all'interno. Sapresti dirmi xk? Grazie mille

  • Elisa ha scritto: lunedì 21 marzo 2016

    Ciao!Le ho fatte e sono venute molto buone...Non mi spiego però come mai gonfiandosi si sono spaccate! Grazie!

  • alice ha scritto: domenica 20 marzo 2016

    per la crema metto un tuorlo on meno e aggiungo un 50ml di latte in più, metto anche 10g in meno di zucchero. le zeppole mi escono più piccole, penso perché me ne escono almeno 12.... comunque. ...una delizia!

  • Annalisa ha scritto: domenica 20 marzo 2016

    Si possono usare farine senza glutine? Per esempio un mix in parti uguali di maizena fecola e farina di riso? Qualcuno di voi lo sa o ha provato?

  • Cristina ha scritto: domenica 20 marzo 2016

    C'è un trucco, visto che nn ho il termometro da cucina, per sapere la giusta temperatura del l'olio? Grazie

  • Teresa ha scritto: sabato 19 marzo 2016

    Le ho fatte oggi sono venute buonissime ....nn ci posso credere!! 

  • Tonia ha scritto: sabato 19 marzo 2016

    Che bonta'! Non le avevo mai fatte prima e mi sono riuscite benissimo! grazie sonia

  • Rocco ha scritto: sabato 19 marzo 2016

    È la prima volta e come ho già scritto mi cimento da poco sono riuscite benissimo o quasi.Unico problema erano troppo unte d'olio ,come posso rimediare la prossima volta? Mille volte grazie.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 21 marzo 2016

    @Rocco: Ciao Rocco, probabilmente la temperatura dell'olio era troppo bassa! 

10 di 376 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento