Zucchine in agrodolce

Contorni
Zucchine in agrodolce
71 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + il tempo della sanificazione dei barattoli e della ribollitura

Presentazione

Volete fare un regalino homemade a parenti o amici? Potreste stupirli con una conserva di zucchine in agrodolce, magari in un vasetto rifinito con un nastrino colorato e un’etichetta scritta a mano! Saranno certamente gradite queste zucchine in agrodolce, come contorno fresco ma da servire anche come sfizioso antipasto. Aceto di vino, olio di oliva e zucchero costituiscono la base della marinatura, da impiegare anche per conservare altri ortaggi come i peperoni. Questa versione con le zucchine è esaltata dalle bacche di ginepro e dalle foglie di alloro.
Basterà scottare le zucchine e riporle nella marinatura perché mantengano tutta la loro freschezza e croccantezza!

Ingredienti
Zucchine 1 kg
Aceto di vino bianco 200 ml
Olio di oliva extravergine 150 ml
Zucchero semolato 150 g
Basilico fresco 1 foglia
Ginepro bacche 5
Alloro fresco 3 foglie
Pepe bacche 5

Preparazione

Zucchine in agrodolce

Per preparare le zucchine in agrodolce, iniziate con la sanificazione dei barattoli e dei tappi, come indicato nelle linee guida del Ministero della Salute riportate in fondo alla ricetta.
Lavate con cura vasetti e relativi coperchi (1), dopodiché foderate una pentola larga dai bordi alti con un canovaccio pulito e sistemate i vasetti all’interno della pentola con l’apertura rivolta verso l’alto. Passate poi attorno ai vasetti uno o più strofinacci perché questi non si rompano urtandosi fra loro durante la bollitura.
Riempite la pentola di acqua fino a ricoprire i vasetti e portate ad ebollizione, poi abbassate il fuoco e lasciate i vasetti nella pentola ancora 30 minuti. Dieci minuti prima di scolare i vasetti, immergete anche i coperchi da sterilizzare (2). Passato il tempo necessario, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.
Quando l'acqua sarà a temperatura ambiente, tirate fuori i vasetti dalla pentola e fateli scolare per bene, capovolti, su un panno da cucina (3). In alternativa, potete asciugarli mettendoli nel forno acceso al minimo

Zucchine in agrodolce

Conclusa questa importante operazione, lavate, asciugate accuratamente le zucchine e rimuovetene le estremità (4). Poi, con l’aiuto di una mandolina o di un pelapatate, tagliatele in fettine sottili per il lungo (5), quindi scottatele su entrambi i lati per pochi secondi su una griglia calda girandole con una pinza da cucina (6).

Zucchine in agrodolce

Ponete di volta in volta le zucchine grigliate a raffreddare completamente in una pirofila (7) e nel frattempo preparate la marinatura. In un pentolino antiaderente mettete aceto (8) e olio di oliva (9), quindi accendete a fuoco lento.

Zucchine in agrodolce

Aggiungete anche le bacche di ginepro, i grani di pepe, le foglie di alloro (10) e infine lo zucchero (11): fare cuocere e mescolate con un cucchiaio di legno fino al raggiungimento del bollore (12), quindi spegnete subito il fuoco e lasciate raffreddare il composto.

Zucchine in agrodolce

A questo punto potete procedere all'invasamento: riempite i barattoli che avete sanificato con le zucchine fredde, pressandole bene all’interno con l'aiuto di una forchetta o della la pinza da cucina (13) quindi aggiungete la foglia di basilico (14). Dopo che la marinatura si è freddata, aggiungetela poco alla volta fino a ricoprire completamente le zucchine (15) ma fermandovi a 1 cm dal bordo.

Zucchine in agrodolce

Posizionate il pressello per comprimere le verdure nel vasetto (16), quindi chiudete i barattoli (17). Se utilizzate barattoli con tappo a vite, avvitate bene ma senza stringere troppo (18). A questo punto passate alla bollitura dei vasetti: sistemateli in una pentola capiente, per evitare che i barattoli possano rompersi sbattendo tra loro mentre bollono potete avvolgerli separatamente in alcuni canovacci. Riempite la pentola d'acqua: il livello dell'acqua non deve superare il tappo dei barattoli. Portate a ebollizione e fare bollire per 20-30 minuti. Passato questo tempo, spegnete il fuoco estraeteli dall'acqua utilizzando una pinza e lasciate raffreddare. Se utilizzate barattoli con tappi a vite, una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. Se dopo la ribollitura doveste notare la formazione di piccole bollicine d'aria, quando il barattolo è ancora caldo battetelo delicatamente su un piano, in modo da far risalire in superficie le bollicine che poi scompariranno naturalmente. Se utilizzate i barattoli con chiusure a guarnizione in gomma, al momento di consumare le zucchine in agrodolce potete fare la prova del sottovuoto tirando l'apposita linguetta: se tirandola produce un rumore secco vuol dire che il contenuto si è conservato con il sottovuoto corretto. Al contrario, se tirando la linguetta la guarnizione risulta "molle", significa che non si è creato il sottovuoto correttamente ed è meglio non mangiarne il contenuto. Le vostre zucchine in agrodolce sono pronte per essere gustate!

Conservazione

Le zuchine in agrodolce si conservano per 2 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 1 settimana prima di consumare le zucchine. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo, avendo cura di aggiungere olio extravergine d'oliva per mantenere le zucchine sempre coperte.

 

Consiglio

Dopo il riposo di una settimana, al buio e all’asciutto, potete servire le zucchine ben sgocciolate con una spolverata di menta fresca tritata o scorza di limone grattugiata.

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione, in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (71)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Ilenia ha scritto: giovedì 21 luglio 2016

    Ciao è possibile sostituire l 'olio di oliva con l'olio ai semi di girasole ?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 22 luglio 2016

    @Ilenia: Ciao Ilenia, per questa preparazione non ti consigliamo l'olio di semi: quello extravergine di oliva dà molto più sapore alle zucchine. A presto! smiley

  • ketti ha scritto: martedì 05 luglio 2016

    Sono speciali e molto saporite ho solo messo meno aceto (non lo gradisco molto) Grazie giallo zafferano!!! smiley

  • Jessica ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    Ciao Sonia, ma il sale non va assolutamente messo? Grazie smiley

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @Jessica:No Jessica, perchè sono zucchine dal sapore agrodolce smiley

  • Ombretta ha scritto: venerdì 31 luglio 2015

    aiuto Sonia...ho seguito tutte le istruzioni ed ho aggiunto per sicurezza la sterilizzazione in acqua bollente per 30 min....ma una volta tolti i vasetti li ho trovati pieni di bollicine d'aria....ce ne sono davvero tante....prima di sterilizzarli non avevano....che faccio ora??????

  • antonella ha scritto: giovedì 25 giugno 2015

    scusa sonia ma non c'è una ricetta senza lo zucchero?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 25 giugno 2015

    @antonella: Ciao Antonella, cercavi le zucchine sott'olio? Ti consiglio la ricetta di una nostra blogger smiley un saluto!

  • Paola ha scritto: lunedì 22 giugno 2015

    Ciao Sonia! Grazie per la ricetta...le ho fatte e sono venute buonissime! Forse un po troppo dolci, magari la prossima volta metterò meno zucchero. Volevo chiederti se con la stessa ricetta è possibile fare la cipolla di tropea o mi potresti tu consigliarmi una buona ricetta! Grazie mille

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 23 giugno 2015

    @Paola: Ciao Paola! Puoi prendere ispirazione dalla ricetta di uno dei nostri blog: cipolle di Tropea in agrodolce.

  • sara. ha scritto: martedì 12 maggio 2015

    scusate l'anno scorso si scrive senza l'h ma il mio telefono a volte scrive da solo!!

  • iael ha scritto: martedì 05 maggio 2015

    @Sonia-Gz: ok. Però ormai le ho messe sottovuoto.... Dci che devo rifare la marinatura da capo e sostituirla con la esistente?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 06 maggio 2015

    @iael: Ciao! Temo che ormai tu debba consumare queste così. La prossima volta magari provare diversamente smiley

  • iael ha scritto: lunedì 04 maggio 2015

    Ciao Sonia, ho seguito la tua ricetta alla lettera, ma le Zucchine sono venute assai dolci..... Come posso rimediare? Ciao e grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 05 maggio 2015

    @iael: Ciao! Potresti ridurre leggermente la quantità di zucchero utilizzata smiley

  • Gabriella ha scritto: venerdì 24 ottobre 2014

    Ciao Sonia volevo farti i complimenti, sei bravissima, volevo chiedere se le zucchine devono essere salate subito dopo averle tagliate. Grazie a presto

10 di 71 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy