Zuppa del contadino

Primi piatti
Zuppa del contadino
27 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 90 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: molto basso
  • Nota: più 12 ore di ammollo dei legumi

Presentazione

La zuppa del contadino è un primo piatto semplice ma sostanzioso e nutriente a base di ingredienti genuini.
La zuppa del contadino o zuppa contadina è chiamata così perché preparata con gli ingredienti che si trovavano nelle case dei contadini di un tempo: legumi, cereali e verdure, che variavano in base alle disponibilità.
La zuppa che vi proponiamo noi contiene legumi secchi misti: fagioli, ceci, fave, lenticchie e farro.
Per rendere la zuppa saporita si prepara un soffritto classico con cipolla bianca, carota e sedano, al quale si aggiungono le verdure e il brodo. La cottura richiede circa un'ora e mezza ma se disponete di una pentola a pressione potete ridurre notevolmente i tempi, in questo modo la zuppa del contadino sarà accessibile anche a chi non ha molto tempo a disposizione ma non vuole rinunciare a un piatto sano e ricco di gusto come questo. Accompagnate la zuppa del contadino con crostini di pane oppure per un gusto più ricco unite alla zuppa calda delle croste di grana, un modo per riciclare gli avanzi molto gustoso! La zuppa del contadino servita calda è la pietanza perfetta per rifocillarsi nelle fredde giornate invernale, ma potete gustarla anche tiepida nelle stagioni più calde.

Ingredienti
Brodo vegetale 1 Litro
Fagioli misti secchi (borlotti,rossoni, cannellini) 150 gr
Lenticchie secche 100 gr
Ceci secchi 100 gr
Fave secche 100 gr
Orzo 100 g
Olio di oliva q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.
Aglio 1 spicchio
Sedano 1 costa
Carote 1
Alloro 1 foglia
Cipolle bianca 1 tritata

Preparazione

Zuppa del contadino

Per realizzare la zuppa del contadino dovete mettere a bagno tutti i legumi secchi: trasferite i fagioli misti (1),  le fave (2) i ceci (3) e le lenticchie in una ciotola capiente,

Zuppa del contadino

ricoprite i legumi con l’acqua (4) e lasciate riposare per una notta o circa 12 ore. Trascorso il tempo necessario (5) scolate i legumi e sciacquateli sotto l’acqua corrente (6).

Zuppa del contadino

Intanto affettate sottilmente una costa di sedano (7), pelate (8) e tritate anche una carota (9) e tenete da parte le verdure per il soffritto.

Zuppa del contadino

In un tegame dal bordo alto ponete un filo d’olio (10), la cipolla tritata finemente (11), uno spicchio di aglio intero (12) e fate soffriggere per 5 minuti in modo da ammorbidire la cipolla.

Zuppa del contadino

Ora aggiungete la costa di sedano (13) e la carota tritata (14) , salate (15)

Zuppa del contadino

pepate (16), versate un mestolo di brodo caldo (17), per preparare il brodo consultate la nostra scheda Brodo vegetale. Proseguite la cottura per altri 5 minuti o il tempo necessario per far ammorbidire e insaporire le verdure. Eliminate con una pinza da cucina lo spicchio d’aglio (18)

Zuppa del contadino

e versate nel tegame i legumi (19) e l'orzo (20). Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti e insaporirli con il soffritto, versate il brodo caldo (21)

Zuppa del contadino

fino a ricoprire tutte le verdure (22). Aromatizzate la zuppa con una foglia di alloro (23) e proseguite la cottura finché i legumi e i cereali non risulteranno morbidi, di tanto in tanto mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno per non sfaldare i legumi oppure scuotete semplicemente il tegame.Ci vorrà circa un'ora e mezza (se usate la pentola a pressione saranno sufficienti circa 35 minuti). Se dovesse asciugarsi troppo la preparazione allungate con del brodo caldo la zuppa che non deve risultare asciutta. La vostra zuppa del contadino è pronta (24), potete gustarla ben calda oppure tiepida.

Conservazione

La zuppa del contadino si conserva in frigorifero per un paio di giorni in un contenitore a chiusura ermetica. E’ possibile congelare la preparazione dopo la cottura.

Il consiglio di Sonia

Questo è uno di quei piatti immortali e deliziosi che costruiscono la storia culinaria di una famiglia. Per questo vi consiglio assolutamente di prepararlo “a modo vostro”, magari insaporendolo con delle croste di Grana (o di altri formaggi a pasta dura che avete in casa), scegliendo le verdure con cura (potete usare anche piselli, fagiolini e patate) e, infine, chiedendovi: “Meglio l’orzo o il farro?”.

Altre ricette

I commenti (27)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • maria pia ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    ma posso aggiungere anche la pancetta grazie ciao

  • Renzo ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    Dopo averla cotta x 2 ore é diventata una crema ho preso 4 pagnotte di 2 giorni le ho svuotate e la zuppa lo servita li dentro Buona e simpatoca6

  • Katiuscia ha scritto: venerdì 28 novembre 2014

    Nel caso volessi aggiungere le patate, quando le metto? Grz

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    @Katiuscia:Ciao Katiuscia! Puoi aggiungere le patate a cubetti, a tua discrezione sulla quantità. Io ne metterei due di media grandezza

  • Danilo ha scritto: venerdì 07 novembre 2014

    L'ho appena preparata, più tardi vi dirò come è uscita!!!

  • silvia ha scritto: giovedì 30 ottobre 2014

    per quante persone sono le dosi di questa ricetta? grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 30 ottobre 2014

    @silvia:Ciao, per 4 persone!

  • Chiara ha scritto: mercoledì 08 ottobre 2014

    Ciao! Io volevo provare questa zuppa per stasera e non ho tempo di lasciare in infusione I legumi per 12 ore...posso accorciare un po' I tempi? grazie

  • Francesca ha scritto: martedì 22 aprile 2014

    E' ottima con i crostini fritti!!!

  • Consuelo ha scritto: domenica 09 febbraio 2014

    ottima zuppa di legumi... con aggiunta di alloro... e brodo... grazie..... dei consigli.....

  • Tepina ha scritto: lunedì 16 dicembre 2013

    Buona! ^_^ Io la preferisco senza alloro ma son gusti.

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 05 novembre 2013

    @chiara73: nel tuo caso ti consiglio di verificare gli alimenti consentiti sul prontuario dell' Associazione Italiana Celiachia

10 di 27 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento