Zuppa di cipolle gratinata

Primi piatti
Zuppa di cipolle gratinata
174 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Zuppa di cipolle gratinata

La zuppa di cipolle è un piatto tradizionale di molti paesi, poiché è un piatto povero, fatto con delle semplici cipolle, economiche e reperibili tutto l’anno nel proprio orto.

La zuppa più rinomata però, è senz’altro quella francese, la parigina “Soupe à l'oignon”, che si è trasformata in un piatto raffinato preparato nei migliori ristoranti francesi.

L’antica tradizione voleva che si andasse a mangiare la zuppa di cipolle nei bistrot vicini alle Halles (i mercati generali), all’alba dopo una notte di baldoria, e ancora oggi, alcuni di questi locali, aperti tutta la notte, servono questa gustosissima zuppa.

Per la zuppa
Cipolle dorate 500 g
Zucchero 1 cucchiaino
Burro 50 g
Olio 4 cucchiai
Pepe nero q.b.
Brodo di manzo 1 litro circa
Farina 20 g
Sale q.b.
Per la gratinatura
Pane baguette 12 fette
Groviera (o Emmenthal) grattugiato 100 gr

Preparazione

Zuppa di cipolle gratinata

Mondate le cipolle e tagliatele ad anelli sottilissimi (1). Ponetele poi in un tegame con 50 g di burro e 3-4 cucchiai d’olio (2-3).

Zuppa di cipolle gratinata

Lasciate cuocere a fuoco basso per 10 minuti, poi aggiungete un cucchiaino di zucchero e procedete con la cottura a fuoco moderato finchè le cipolle sudino senza prendere colore (4); fate molta attenzione a non farle scurire in nessun punto. Quando cominceranno a divenire leggermente bionde, spolveratele con la farina, che farete cadere da un setaccio (colino), quindi  mescolate con cura per qualche minuto (5). A questo punto aggiungete il brodo (6) (oppure, per rendere la zuppa più ricca potete sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco o un bicchierino di brandy) che, secondo gli antichi testi francesi, dovrebbe essere preparato con la coda di bue; lasciate sobbollire per almeno 30 minuti a fuoco moderato, aggiungendo del brodo quando serve.

Zuppa di cipolle gratinata

Quando la zuppa sarà cotta, aggiustate di sale e pepe (7) e versate il tutto in quattro contenitori da forno (8); affettate il pane (se proprio volete essere fedeli alla ricetta procuratevi una baguette) e abbrustolitelo (9).

Zuppa di cipolle gratinata

Adagiate le fette di pane sulla superficie della zuppa (10) e ricoprite con abbondante groviera o emmenthal grattugiati  (o formaggi similari) (11). Ponete quindi i 4 contenitori nel forno preriscaldato a 250°C (o nella salamandra) per il tempo necessario affinché si formi una crosticina dorata sulla superficie della zuppa (pochi minuti).
Servite la zuppa di cipolle gratinata caldissima.

Conservazione

Consigliamo di mangiare la zuppa di cipolle appena fatta, ma se lo desiderate potete conservarla in frigorifero per un giorno al massimo, chiusa con un contenitore ermetico.

Curiosità

Pare che la zuppa di cipolle fosse una antica ricetta toscana del ‘500, che si mangiava accompagnata da fette di pane toscano abbrustolito. Come per tante altre ricette, si dice che fu Caterina de' Medici a portare questa prelibatezza in Francia (quando andò in sposa nel 1533 a Enrico II d'Orléans re di Francia), dove venne trasformata nella tanto rinomata "soupe à l'oignon".

Come fare il taglio delle verdure

Leggi la scheda completa: Come fare il taglio delle verdure

Il consiglio di Sonia

Se volete rendere la zuppa più vellutata, quando sarà cotta versatene metà in un mixer e frullatela fino a ridurla in una crema che metterete nelle terrine prime delle restanti cipolle stufate. Poi procedete come da ricetta. Se, infine, volete arricchirne il sapore, prima di aggiungere il brodo sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco o un bicchiere di brandy.

Altre ricette

I commenti (174)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • gigi ha scritto: sabato 17 gennaio 2015

    fatta tante volte in questo ultimo anno (2014) è veramente una favola, credo che il suggerimento di aggiungere un goccio di cognac darebbe un pizzico di sapore in più, complimenti!

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 18 gennaio 2015

    @gigi:Complimenti a te Gigi! Grazie!

  • sonia ha scritto: venerdì 16 gennaio 2015

    ciao sonia fatta buonissima da leccarsi i baffi.......grazie ancora .....le tue ricette son sempre un successo

  • Sonia ha scritto: mercoledì 14 gennaio 2015

    Ciao Sonia voglio provarla x stasera. Ma forno a 250 gradi ma statico o grill?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 14 gennaio 2015

    @Sonia:Ciao Sonia! Se non specificato altrimenti intendiamo forno statico. Puoi optare per la cottura in forno ventilato: abbassa la temperatura di 20° rispetto allo statico e diminuisci di 10 minuti i tempi di cottura smiley

  • Angela ha scritto: lunedì 05 gennaio 2015

    Ottima veramente

  • gio ha scritto: lunedì 29 dicembre 2014

    PossPosso sostituire il burro con l'olio? Perché in famiglia c'è una leggera intolleranza. Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 31 dicembre 2014

    @gio:Ciao Gio! Certo, è possibile smiley

  • Paolo ha scritto: mercoledì 24 dicembre 2014

    Zuppa stesa su una base di pasta brisé, appoggiandoci sopra alici e olive nere. Poi in forno per cuocere la pasta brisé e quasi alla fine aggiungere il gouviere. Mangiata così l'estate scorsa in Francia e rifatta un paio di volte a casa, meravigliosa!!!

  • Fatma ha scritto: martedì 16 dicembre 2014

    ciao Sonia posso non metterci lo zucchero ?

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 16 dicembre 2014

    @Fatma:Ciao, si come preferisci!

  • Francesca ha scritto: sabato 06 dicembre 2014

    Buone MOLTO buone Provatele tutti?

  • irene ha scritto: venerdì 28 novembre 2014

    Ottima. Io sfumo le cipolle con il cognac e le cuocio in pentola a pressione

  • Francesca ha scritto: mercoledì 26 novembre 2014

    Ciao Sonia. Volevo chiederti se è possibile prepararla e assemblarla al mattino in modo che alla sera devo solo metterla in forno a gratinare, oppure se è meglio prepararla al momento. Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 05 dicembre 2014

    @Francesca:Ciao francesca! Certo, puoi prepararla qualche ora prima e gratinarla all'ultimo minuto smiley

10 di 174 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento