Zuppa di fave piselli e carciofi

Primi piatti
Zuppa di fave piselli e carciofi
18 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

La  nostra zuppa di fave, piselli e carciofi trae ispirazione da un piatto tipico del Lazio: la vignarola romana, una pietanza antica realizzata solitamente in tarda primavera... pochissime infatti sono le settimane in cui tutti gli ingredienti di questa ricetta si trovavano insieme negli orti dei contadini. Un piatto vegetariano ricco di buone verdure di stagione, che serviva a rifocillarsi dopo le lunghe ore di lavoro oggi si trasforma in un comfort food perfetto per tutta la famiglia! Per arricchire questa zuppa abbiamo adagiato su un crostone di pane, posizionato nel piatto, un uovo, che una volta ricoperto dalle verdure bollenti si rapprenderà leggermente, restando allo stesso tempo fondente. Preparate anche voi questa zuppa di fave, piselli e carciofi...riuscirete a portare in tavola un piatto unico ricco e sostanzioso!

Ingredienti per la zuppa
Piselli surgelati 250 g
Carciofi 4, per un totale di 630 g
Fave congelate 200 g
Cipollotto fresco 250 g
Aglio 1 spicchio
Scarola (indivia) 1 cespo per un totale di 370 g
Olio di oliva extravergine 30 g
Uova freschissime e biologiche 4
Pane casereccio 300 g
Limoni 1
Brodo vegetale 1,5 l

Preparazione

Zuppa di fave piselli e carciofi

Per preparare la zuppa di fave, piselli e carciofi iniziate prima di tutto a preparare il brodo vegetale. Quando sarà pronto dedicatevi alla pulizia dei carciofi: eliminate prima le foglie più esterne (1), poi tagliate la punta (2) e dividete ciascun carciofo a metà (3).

Zuppa di fave piselli e carciofi

Eliminate la barbetta interna (4), il gambo e man mano posizionate i carciofi in acqua acidulata (dove avrete spremuto 1 limone) (5), in modo da non farli annerire. Passate ad occuparvi della pulizia delle fave, quindi eliminate la pellicina esterna (6).

Zuppa di fave piselli e carciofi

Lavate il cespo di scarola sotto l'acqua corrente (7) e tagliatela grossolanamente (8). A questo punto prendete i cipollotti eliminate la parte finale e quella iniziale più verde (9),

Zuppa di fave piselli e carciofi

poi tagliateli prima a metà e poi a fettine (10). Trasferiteli in un tegame dove avrete versato l'olio, lasciateli appassire per 1-2 minuti a fiamma moderata e unite prima l'aglio schiacciato (11) e poi la scarola (12). Mescolate il tutto e lasciate cuocere per 3-4 minuti,

Zuppa di fave piselli e carciofi

nel frattempo tagliate i carciofi in 4 (13). Quando la scarola sarà leggermente appassita unite i carciofi (14), mescolate e attendete 3-4 minuti prima di unire le fave (15)

Zuppa di fave piselli e carciofi

e i piselli (16). Salate, pepate (17) e versate il brodo vegetale caldo (18).

Zuppa di fave piselli e carciofi

Coprite con un coperchio (19) e cuocete la vostra zuppa di fave, piselli e carciofi per 30 minuti a fuoco basso. Quando sarà quasi pronta realizzate i crostini: tagliate il pane a fette (20), posizionatele su una teglia e irroratele con un filo d'olio (21).

Zuppa di fave piselli e carciofi

Tostate i crostini per 2-3 minuti in forno statico preriscaldato a 240° con modalità grill. Quando saranno ben dorati estraeteli dal forno (22) e posizionatene uno al centro del piatto (23). Rompete l'uovo e fatelo scivolare delicatamente al di sopra il crostino (24),

Zuppa di fave piselli e carciofi

tenendo sempre la zuppa in caldo (25). Quindi aiutandovi con un mestolo e molto delicatamente versate la zuppa nel piatto da portata tutto intorno al crostino, versando anche sul tuorlo dell'uovo un po' di brodo (senza verdure) in modo che possa cuocersi leggermente con il brodo caldo (26). Aggiungete ancora un paio di crostini, un pizzico di pepe e la vostra zuppa di fave, piselli e carciofi sarà pronta da gustare (27), unica raccomandazione servitela bollente!

Conservazione

La sola zuppa di fave, piselli e carciofi può essere conservata in frigorifero per 2 giorni al massimo! Al momento di servirla portatela al bollore prima di versarla sull'uovo!

Consiglio

Una variante a questa preparazione consiste nello sbattere le uova con del formaggio grattugiato e versarle nella zuppa bollente attendendo che si rapprendano senza però mescolare; vanno poi servite con una spolverata di pepe nero macinato.

Altre ricette

I commenti (18)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Chiara ha scritto: mercoledì 30 marzo 2016

    A vederla in foto sembrava buona, ma non credevo che lo fosse così tanto: deliziosa è dire poco....grazie!!

  • Valeria ha scritto: venerdì 18 aprile 2014

    PrepArata ieri sera! Squisita...

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 10 dicembre 2013

    @giovanna: Ciao, puoi omettere l'uovo se preferisci!

  • giovanna ha scritto: mercoledì 20 novembre 2013

    Ciao apposto dell'uovo che posso mettere? o senza lo posso fare?.... avevo pensato che direttamente senza pane e chi lo desidera lo bagna dopo, va bene lo stesso? grazie

  • claudio ha scritto: mercoledì 24 aprile 2013

    La ricetta era ottima!!!! Grazie mille per il gustosissimo aiuto

  • virginia ha scritto: lunedì 15 aprile 2013

    l'ho preparata stasera,con tutti gli ingredienti freschi,unica variazione, porro al posto dei cipollotti e niente aglio,squisita !!!!!!!

  • emanuele69 ha scritto: sabato 05 gennaio 2013

    Squisita!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 19 novembre 2012

    @raffaella: sì puoi utilizzare anche le fave secche, basterà tenerle in ammollo almeno per una notte!

  • raffaella ha scritto: domenica 18 novembre 2012

    ciao sonia! non vedo l'ora di provare questa ricetta: è possibile utilizzare in luogo delle fave fresche quelle secche, previo ammollo come da indicazioni sul prodotto? mille grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 01 ottobre 2012

    @Roberta: se vuoi, puoi sostituirla!

10 di 18 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento