Torta foresta nera

Dolci e Desserts
Torta foresta nera
461 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 120 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 15 persone
  • Costo: medio

Presentazione

La torta foresta nera, dal tedesco Schwarzwälder Kirschtorte, è un classico della pasticcera, un dolce goloso e molto scenografico, originario dell’omonima regione della Germania. Preparata con una base al cioccolato e farcita con una gustosa crema chantilly, la torta foresta nera è una vera delizia oltre che per il palato anche per gli occhi, perché all'interno nasconde un cuore formato da morbidi strati impreziositi da ciliegie e dal kirsch. L’esterno viene ricoperto da una cascata di riccioli di cioccolato fondente e sulla superficie svettano piccoli ciuffi di crema sormontati da ciliegie, immancabile tocco finale per completare questa sinfonia di sapori. Provate la nostra versione della torta foresta nera e rimarrete conquistati dalla infinita bontà di questo dessert!

Ingredienti per la base del diametro di 24 cm
Cioccolato fondente 140 g
Burro 75 g
Uova medie 6
Zucchero 180 g
Amido di mais 50 g
Lievito in polvere per dolci 16 g
Farina tipo 00 100 g
per la farcitura
Ciliegie sode e mature 500 g
Zucchero semolato 80 g
Kirsch 70 g
per la crema chantilly
Panna fresca liquida 1 l
Zucchero a velo 80 g
per guarnire
Ciliegie 17
Cioccolato fondente 150 g
Cioccolato fondente riccioli 100 g

Preparazione

Torta foresta nera

Per preparare la torta foresta nera incominciate dalla base al cioccolato. Tritate il cioccolato fondente piuttosto grossolanamente (1) e fatelo sciogliere a bagnomaria, prestando attenzione che la bastardella non tocchi l’acqua sottostante. Quando il cioccolato sarà completamente fuso, aggiungete il burro (2); fatelo sciogliere completamente, mescolando con un cucchiaio di legno (3), quindi lasciate intiepidire.

Torta foresta nera

Nel frattempo mettete in una planetaria dotata di frusta i tuorli d’uovo assieme a metà dello zucchero semolato (4), quindi fate montare il tutto fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso (5). Versate il composto di cioccolato ormai tiepido nella ciotola della planetaria (6).

Torta foresta nera

Una volta ottenuto un composto uniforme setacciate la farina, l’amido di mais, il lievito e aggiungeteli poco per volta (7), sempre con la planetaria in azione, a bassa velocità, fino ad ottenere un composto liscio e compatto. A questo punto iniziate a montare gli albumi a neve (8), unendo la parte restante di zucchero solo quando saranno già bianchi e spumosi (9).

Torta foresta nera

Quindi incorporateli all'impasto al cioccolato poco per volta (10): aggiungete inizialmente un paio di cucchiai e mescolate per ammorbidire la massa di cioccolato, quindi continuate ad incorporare gli albumi restanti mescolando dal basso verso l’alto (11) per non smontarlo. Continuate in questo modo fino ad ottenere un composto liscio, privo di grumi e spumoso. Imburrate ed infarinate una tortiera del diametro di 24 cm e versate al suo interno l'impasto che avete preparato (12).

Torta foresta nera

Livellate la superficie con una spatola (13) ed infornate in forno statico preriscaldato a 180° per 50 minuti (oppure a 160° per 40 minuti se in forno ventilato); per verificare la cottura fate una prova con uno stuzzicadenti: se lo estrarrete completamente asciutto la torta sarà cotta, altrimenti dovrete prolungare la cottura di qualche minuto. Quando sarà pronta, sfornatela (14), lasciatela riposare 5 minuti e poi toglietela dallo stampo, posizionandola su di un piatto o una gratella. Nel frattempo, preparate le ciliegie; denocciolatele (15) (tenetene da parte 17 intere con il picciolo) e ponetele in una padella ampia antiaderente;

Torta foresta nera

versate lo zucchero (16) e il kirsch (17). Fatele saltare per qualche minuto: le ciliegie non dovranno disfarsi ma solo rilasciare lo sciroppo (18).

Torta foresta nera

Fatele raffreddare, poi filtratele con un colino a maglie strette in modo da separare il succo (19) e dividete le ciliegie e il sugo in due parti uguali che vi serviranno a farcire i due strati della torta. Non appena la torta sarà fredda, tagliatela in tre dischi di uguale spessore (20). Una volta terminato (21), passate ad assemblare la torta foresta nera.

Torta foresta nera

Prendete il primo disco e appoggiatelo su un piatto da portata piuttosto grande, poi bagnatelo con una parte dello sciroppo di ciliegie che avete tenuto da parte (22), quindi disponete sulla superficie una parte delle ciliegie (23). Dunque preparate la crema chantilly, montando la panna insieme allo zucchero a velo (24);

Torta foresta nera

una volta ottenuto un composto spumoso (25), versatene 1/3 sul primo strato (26), livellate con una spatola (27) e

Torta foresta nera

ricoprite con il secondo disco (28). Continuate quindi con il secondo strato, versate lo sciroppo (29) e poi le ciliegie e infine ancora uno strato di panna che livellerete nello stesso modo (30).

Torta foresta nera

Ricoprite con l'ultimo disco (31), infine ricoprite interamente i lati (32) e la superficie con la crema (33); tenetene da parte un paio di cucchiai che vi serviranno per la decorazione finale.

Torta foresta nera

Una volta terminato (34), con l’aiuto di un cucchiaio fate aderire i ricci di cioccolato lungo la circonferenza esterna (35); fate ammorbidire leggermente il cioccolato fondente al microonde e grattugiatelo con un pelaverdure per ricavare dei riccioli (36).

Torta foresta nera

Distribuiteli sulla superficie della torta, lasciando qualche centimetro dal bordo (37). Mettete la crema chantilly in una sac-à-poche con bocchetta stellata e decorate il bordo della torta con dei graziosi ciuffetti (38); su ciascuno disponete una ciliegia intera (39). Una volta completata, lasciate rassodare la torta foresta nera per una mezz'ora in frigorifero prima di servirla.

Conservazione

Potete conservare la torta foresta nera per 3 giorni al massimo in frigorifero sotto una campana di vetro. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Uno degli ingredienti fondamentali della torta foresta nera sono le ciliegie. Se preparate questa torta nella stagione in cui maturano, potete utilizzare quelle fresche; nel caso in cui le ciliegie non siano di stagione, potrete utilizzare anche le amarene o le ciliegie sciroppate. Inoltre, se preferite, potete aromatizzare la panna con il kirsch oppure del maraschino.

Altre ricette

I commenti (461)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • oscar ha scritto: giovedì 23 giugno 2016

    Salve qualcuno parla di vecchia ricetta e che questa è sbagliata sapere dirmi la ricetta esatta ?grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 24 giugno 2016

    @oscar: Ciao Maurizio, le nostre ricette vengono riviste periodicamente per garantire delle ricette sempre più precise e al passo coi tempi. Ti invitiamo a provare questa ricetta, poi torna a farci sapere smiley un saluto!

  • vivy ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    Fatta oggi!!!un successone!!davvero buona!ho solo contenuto un pò la quantità di zucchero dato che ho usato lo sciroppo di amarene.grazie!!

  • Manuela ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    Ricetta perfetta. Grazie

  • gio ha scritto: sabato 18 giugno 2016

    meno male che ho salvato la ricetta vecchia perche questa e una delusione totale come tutte le ricette modificate. il pan di Spagna sembra un mattone, e il procedimento anche della farcia e diverso.forse per chi ha la planetaria gli viene bene.da tanti anni che seguo questo sito e posso dire che le ricette erano multo migliori prima.

  • Giovanna ha scritto: domenica 12 giugno 2016

    Come potrei sostituire il kirch volendo utilizzare qualcosa di analcolico?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 14 giugno 2016

    @Giovanna: Ciao Giovanna, al posto del kirsh puoi utilizzare lo sciroppo delle amarene!

  • Vale ha scritto: venerdì 10 giugno 2016

    Ciao! Volendo fare questa come torta di compleanno, chieste dosi vanno bene per fare il pan di Spagna in uno stampo di 23x 30cm???

  • GIADA ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    Ho congelato delle ciliege fresche denociolate perché vorrei usarle per fare questa ricetta i primi di Luglio!! ma quando arriverò al passaggio di farle Sciroppare in padella! °LE DEVO FAR SCOGELARE PRIMA DI METTERLE IN PADELLA? OPPURE LE METTO ANCORA CONGELATE? °POSSO USARE NELLA STESSA QUANTITÀ ZUCCHERO E ACQUA (al posto dell'Kirsh)? Grazie Anticipatamente ATTENDO RISPOSTA!!!!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    @GIADA: Ciao Giada, lascia scongelare le ciliegie prima di ripassarle in padella. Per lo sciroppo se vuoi puoi provare ma tieni conto che il risultato in termini di sapore non sarà lo stesso. Un saluto!

  • Susana ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    mi è venuta una meraviglia! grazie di tutto!! 

  • Laly ha scritto: mercoledì 08 giugno 2016

    Ho realizzato questa torta per il compleanno di mio marito visto che è la sua preferita ed è ottima. I gusti sono equilibrati ed è una torta sfiziosa. Ci è piaciuta molto. L'unico problema che ho avuto, è nel realizzare la crème Chantilly... In effetti, non era cosi compatta come avrebbe dovuto esserlo... Mi chiedo se la prossima volta non dovrei mettere un addensante... Ma comunque ho aggiunto la ricetta nel mio librettino perché l'abbiamo molto apprezzata smiley Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    @Laly: Ciao, ci fa molto piacere che ti sia piaciuta smiley probabilmente la panna è stata montata troppo a lungo e ha cominciato a separarsi formando così il burro. Noi l'abbiamo preparata senza addensanti ed è riuscita, perciò ti consigliamo semplicemente di riprovarci... la seconda volta sarà migliore della precedente smiley un saluto!

  • Orietta ha scritto: mercoledì 08 giugno 2016

    Ho realizzato questa torta perché il fidanzato di mia figlia è cresciuto a Rotwaille e dice che mi è venuta bene! Comunque è piaciuta a tutti noi!

10 di 461 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI