PRESENTAZIONE

Acquacotta

Un piatto non è solo un elenco di ingredienti, modo di prepararli e tempi di cottura. A volte un piatto è un racconto, una storia, una memoria. E diviene una ricetta che ristora, che scalda cuori e rifocilla animi. Come nel caso dell'acquacotta, l'antica minestra della tradizione toscana che parla di contadini, carbonai, pastori e spaccalegna della Maremma in un tempo in cui la fame faceva aguzzare l’ingegno e le minestre erano l’unico pasto che ci si poteva permettere dopo le fatiche del lavoro. Un piatto di fortuna che si arricchiva con quello di cui si disponeva e che la stagione offriva: pomodori, sedano, cipolle, erbette selvatiche, formaggio locale per insaporire e poi un bell’uovo per dare sostanza, da tuffare nella zuppa appena pronta così da permettergli di cuocere nel brodo caldo... una minestra povera ma allo stesso tempo ricca di nutrienti, come la zuppa del contadino o la zuppa alla pavese, tipica di un'altra regione del nostro bellissimo Paese. Qualche fetta di pane raffermo tostato completa il piatto rendendolo ancora più ricco. L’acquacotta, cucinata per Giallozafferano da Valeria Piccini, è una pietanza semplicemente buona, genuina e gustosa che mantiene vivi i sapori di una volta rustici e sinceri.

Leggi anche: Pappa al pomodoro

Preparazione

Come preparare l'Acquacotta

Per preparare l'acqua cotta come prima cosa preparate il brodo vegetale e tenetelo in caldo. Iniziate a sbucciare le cipolle 1, poi tagliatele a metà 2 ed affettatele sottilmente 3

Trasferitele in una ciotola e passate al sedano. Come prima cosa lavatelo bene, poi tagliate a fettine abbastanza sottili sia le costole 4, che le foglie 5. Versate l'olio in un tegame 6

accendete il fuoco e aggiungete le cipolle e il sedano 7. Unite l'acqua 8 e aggiungete il sale 9

Mescolate con un mestolo di legno 10 e lasciate cuocere fino a che l'acqua non sarà completamente evaporata. Dopo potete aggiungere i pomodori pelati 11 e, utilizzando il mestolo, schiacciarli delicatamente per romperli 12.

Mescolate il tutto 13, aggiungete il brodo vegetale caldo 14, mescolate ancora e portate a cottura per circa 40 minuti, eventualmente coprendo con un coperchio 15 e mescolando di tanto in tanto. 

Quando l'olio sarà affiorato in superficie aggiungete delle foglioline di basilico e aggiungete le uova rompendole direttamente in padella 16. Disponetele distanziandole tra di loro. Aggiustate di sale 17 e coprite con un coperchio 18

Lasciate velare le uova, ci vorranno circa 4-5 minuti 19. Nel frattempo rompete una fetta sottile di pane toscano raffermo, in ciascuna cocotte. Potrete spezzarlo con le mani e disporlo in modo da foderare il fondo 20. Aggiungete sopra il pecorino grattugiato 21

e con un mestolo unite anche la zuppa, facendo in modo di prendere anche un uovo per ciascuna cocotte 22. Guarnite con un filo d'olio a crudo, una fogliolina di basilico 23 e servite la vostra zuppa 24.  

Conservazione

L'acqua cotta si può conservare in frigorifero per 2-3 giorni. Consigliamo di aggiungere le uova solo all'ultimo. 

Consiglio

Non avrete bisogno di togliere i filamenti del sedano perchè grazie alla lunga cottura non si sentiranno nel piatto finito. 

Aggiungendo l'acqua alle verdure il risultato non sarà un soffritto. La cipolla perderà la sua aggressività e risulterà più digeribile, ma comunque manterrete intatto il sapore. 

Se preferite potete aggiungere un pizzico di peperoncino, dopo aver aggiunto l'acqua nel momento della cottura di sedano e cipolle. 

Quando la stagione lo consente potete utilizzare, al posto dei pelati, dei pomodori ben maturi sbianchiti in acqua bollente e privati della buccia. 

3 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Simo.Carmi
    martedì 18 giugno 2019
    Ottima! Davvero buona nonostante la sua semplicità!
  • Sara
    venerdì 13 ottobre 2017
    Ottima! Assaggiata a Firenze e rifatta più volte a casa in mille varianti. Non delude mai!
3 FATTE DA VOI
marco_brunetti
Superlativa!
gcrosta
Uma delícia
AntonellaB197
Ideale in una giornata molto fredda!
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo