Arepas venezuelane

/5

PRESENTAZIONE

Si potrebbe dire che le arepas stanno al Venezuela come il pane sta all’Italia e le tortillas stanno al Messico! Queste gustose focaccine di farina di mais sono infatti alla base dell’alimentazione quotidiana di alcuni paesi del Sud America fra cui la Colombia e, appunto, il Venezuela. La differenza fra queste due versioni sta soprattutto nel modo in cui vengono farcite: nel primo caso si usano principalmente uova e formaggio, mentre nel secondo ci si può sbizzarrire con gli ingredienti più vari e appetitosi come fagioli, verdure, avocado, tonno, pollo o carne di manzo sfilacciata, senza dimenticare le varianti dolci! Naturalmente senza glutine, l’impasto delle arepas ha bisogno solo di pochi minuti di riposo prima di essere cotto in una semplice padella e può diventare anche un modo originale per utilizzare gli avanzi… lasciatevi quindi guidare dalla vostra fantasia e raccontateci come avete servito le vostre arepas venezuelane!

INGREDIENTI

Ingredienti per 8 arepas
Farina di mais bianco precotto 320 g
Acqua 400 g
Olio di semi di mais 1 cucchiaio
Sale fino 1 cucchiaino
Per cuocere
Olio di semi di mais 2 cucchiai
Preparazione

Come preparare le Arepas venezuelane

Per preparare le arepas, prendete una ciotola capiente e versate all’interno l’acqua 1, il sale 2 e l’olio 3, poi mescolate per dissolvere il sale.

Aggiungete la farina poco per volta mentre mescolate il composto con le dita 4. Amalgamate bene tutti gli ingredienti 5 fino ad ottenere un composto morbido ma compatto e non appiccicoso 6. Lasciatelo riposare nella ciotola per 3 minuti per permettere alla farina di assorbire l’acqua in modo uniforme.

Trascorso questo tempo, dividete l’impasto ottenuto in porzioni da circa 90 g l’una 7: formate delle palline 8 e schiacciatele sul palmo della mano fino a uno spessore di 1,5 cm 9,

poi modellatele sul piano di lavoro per ottenere una forma regolare 10. Dopo aver formato i dischi 11, scaldate l’olio in una padella 12

e cuocete le arepas a fiamma media per 4 minuti da un lato 13 e 3 minuti dall’altro 14, fino a quando non inizieranno a dorarsi e a formare delle macchie più scure. Le vostre arepas venezuelane sono pronte per essere farcite e gustate 15!

Conservazione

Si consiglia di consumare subito le arepas venezuelane perché dopo la cottura tenderanno a indurirsi. In alternativa potete congelarle dopo averle cotte e lasciate raffreddare completamente.

Consiglio

Per realizzare le arepas è fondamentale utilizzare la farina giusta: per essere sicuri, controllate che ci sia la dicitura “per arepas” sulla confezione. Le arepas si possono anche friggere o cuocere al forno: in quest'ultimo caso consigliamo di spennellare la superficie con dell'olio di semi e di cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180° per circa 30 minuti fino a quando risulteranno leggermente dorate.

RICETTE CORRELATE
COMMENTI6
  • Valeriamol
    mercoledì 15 luglio 2020
    Ciao! Sono venezuelana, mi posso dire che noi compriamo direttamente la Harina P.A.N, è il nostro mais già precotto, è una busta gialla che si trova in posti di cibo internazionale o per esempio Carrefour e Auchan hanno la Harina P.A.N, con quello si fanno le arepas perfettamente. Potete aggiungere anche zucchero di canna più un po' di formaggio grattugiato e fate delle piccole árepas dolci. Ci sono mille modi per farle smiley
  • Nazzger
    martedì 21 aprile 2020
    puoi usare una padella o una piastra antiaderente, puoi opzionalmente usare una goccia di olio, spalmare con un tovagliolo e poi far rosolare le arepas, o semplicemente riempire una pentola con abbastanza olio per friggerla, viene consumata in tutti i modi e la più sana, è non usare olio. l'arepa fritta dovrebbe essere di colore CARAMELLO non così scuro, quindi saprai che è pronto, nel caso di una padella o di una piastra devono essere dorati e asciutti su entrambi i lati, devi girarlo e cuocere su entrambi i lati dell'arepa. Sono venezuelano e così è. puoi riempirli con quello che vuoi. .. carni bianche o rosse, pesce, formaggi, (non con verdure) .... prosciutto .... eccetera