Bocconcini di zucca, ricotta e speck

/5

PRESENTAZIONE

Bocconcini di zucca, ricotta e speck

L'autunno è alle porte e, con l'arrivo dei primi freddi, si va a caccia di idee gustose da portare in tavola con i frutti più gustosi della stagione come la zucca. Nascono così i nostri bocconcini di zucca, ricotta e speck, appetitose pepite realizzate con un impasto dai sapori stuzzicanti, da servire come antipasto, anche in versione finger food in occasione di un buffet. Fuori una croccante panatura, immancabile in un buon fritto, dentro un morbido ripieno che solleticherà le vostre papille gustative. Come ciliegie, una tira l'altra, quindi preparatene in abbondanza perchè, siamo certi, non ne avanzeranno!

INGREDIENTI

Zucca delica da pulire 250 g
Patate 250 g
Ricotta vaccina 75 g
Speck 50 g
Pecorino romano da grattugiare 35 g
Salvia 3 foglie
Cannella in polvere ¾ cucchiaino
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
per impanare e friggere
Olio di semi di girasole altoleico per frittura, 100% italiano 1 l
Uova 2
Pangrattato q.b.
per la salsina
Yogurt greco q.b.
Scorza di lime q.b.
Preparazione

Come preparare i Bocconcini di zucca, ricotta e speck

Per preparare i Bocconcini di zucca, ricotta e speck, iniziate dalle patate, mettetele in una pentola colma d’acqua 1, accendete il fornello e dal momento del bollore contate circa 30/40 minuti. Nel frattempo togliete i semi dalla zucca, ricavate delle fette sottili di 1 cm di spessore 2 e sistemate all’interno di una vaporiera 3. Ponete quest’ultima sulla pentola con le patate e cuocete per circa 20-25 minuti: fate la prova forchetta per sicurezza.

Togliete la buccia dalla zucca 4 e schiacciatela nello schiacciapatate 5 , recuperate anche le patate e schiacciatele allo stesso modo 6. Lasciate intiepidire.

Nel frattempo togliete la cotenna dallo speck, se c’è, affettate sottilmente a un paio di mm di spessore 7 e poi ricavate delle striscioline. Scottatele a fiamma viva in una padella antiaderente 8 finchè saranno dorati 9.

Tritate lo speck al coltello 10. A questo punto, sempre con lo schiacciapatate, raffinate la ricotta nella ciotola con zucca e patate, unite le briciole di speck 11 e pecorino grattugiato 12.

Tritate anche la salvia al coltello 13,unitela in ciotola 14 con sale, pepe e la cannella in polvere. Impastate a mano il composto 15, diventerà compatto ma un po’ morbido.

Inumiditevi le mani e formate dei bocconcini da circa 15 grammi ciascuno 16, in questo modo otterrete una quarantina di pezzi. Man mano disponete su un vassoio con carta forno e lasciate riposare in frigorifero per un’oretta 17. Trascorso il tempo scaldate l’olio portandolo a 160/170° e passate i bocconcini prima nelle uova sbattute 18

e poi nel pangrattato 19. Riponeteli sul vassoio 20. Immergete pochi pezzi per volti nell’olio caldo fino a doratura 21 2-3 minuti saranno sufficienti affinché risultino dorate all’esterno e morbide all’interno.

Scolate 22 su carta assorbente 23 e proseguite così con tutte le altre. I vostri bocconcini di zucca, ricotta e speck sono pronti 24 per essere gustati caldi accompagnate con yogurt greco aromatizzato con scorza di lime grattugiata.

Conservazione

Si consiglia di consumare subito i bocconcini di zucca, ricotta e speck. Eventualmente si possono conservare in frigorifero per un paio di giorni oppure congelarli da crudi: in questo caso sarà sufficiente seguire il procedimento descritto avendo cura di cuocere a una temperatura leggermente più bassa e per un tempo un po’ più lungo.

Consiglio

La mancanza di uova farà sì che l’impasto resti morbido anche dopo la cottura ma per questo è indispensabile il riposo in frigorifero. Stessa cosa per l’olio che dovrà essere ben caldo. Potete fare una doppia panatura se preferite una superficie ulteriormente croccante. La cannella impreziosisce il sapore rendendolo gradevole e dolce alla lontana, sostituite con noce moscata se proprio non vi piacesse.

PROVA OLIO ZUCCHI PER QUESTA RICETTA!

L’olio di semi di girasole altoleico 100% italiano da filiera tracciata e certificata Zucchi, ricco di vitamina E, grazie al suo alto punto di fumo, è particolarmente indicato per le fritture e per qualsiasi tipologia di cottura ad alta temperatura. Grazie al QR code sull’etichetta puoi conoscere l’origine del tuo olio. Scopri di più

COMMENTI4
  • Francysuban
    domenica 14 novembre 2021
    cottura in forno? non vorrei friggere !
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 15 novembre 2021
    @Francysuban @dodoca @sim.por: Ciao, non avendo provato non possiamo dare indicazioni precise ma potete fare un tentativo prima con solo pochi pezzi per determinare tempi e temperatura in base al vostro forno smiley
  • Dodoca
    domenica 14 novembre 2021
    chiedo cortesemente se si possono cuocere al forno anziché friggere. grazie e sempre complimenti per questa splendida app!