Bucatini alla Caruso

PRESENTAZIONE

La musica è un'arte proprio come la cucina... ma è quando questi due mondi si fondono che nasce qualcosa di veramente unico! Da una forte passione per la buona tavola e un amore profondo per la città di origine, nascono i bucatini alla Caruso. Il nome cela il suo ispiratore, il grande tenore Enrico Caruso conosciuto in tutto il mondo. Girando tra hotel e ristoranti era solito chiedere ai cuochi particolari preparazioni che poi si trasformavano in piatti ufficiali, come per questi deliziosi bucatini, suggeriti ad uno chef partenopeo durante uno dei soggiorni del cantante nella sua città natale. Oltre a raccogliere gli ingredienti tipici di questa terra, il formato di pasta bucatini e i pomodori San Marzano, questa ricetta conosce alcune varianti... l'aggiunta o meno del formaggio Pecorino ad esempio o la scelta delle erbe aromatiche per insaporire. Ecco allora il nostro personale omaggio a questa ricetta e ad una delle grandi Voci italiane nel mondo... per farvi immergere un momento nella storia e nella cultura gastronomica partenopea!

Leggi anche: Bucatini con pomodorini confit e cubetti di pancetta

INGREDIENTI

677
CALORIE PER PORZIONE
Bucatini 200 g
Peperoni gialli 270 g
Pomodori San Marzano 500 g
Zucchine 250 g
Farina 00 25 g
Aglio 4 spicchi
Peperoncino fresco 1
Basilico q.b.
Origano q.b.
Prezzemolo fresco q.b.
Olio extravergine d'oliva 40 g
Pecorino grattugiato (facoltativo) 100 g
per friggere
Olio di semi di arachide 500 ml
Preparazione

Come preparare i Bucatini alla Caruso

Per preparare i bucatini alla Caruso iniziate lavando ed asciugando le verdure. Prendete poi i pomodori, privateli della buccia con il pelapomodoro 1, tagliateli a metà 2 e togliete la parte interna verde 3.

Privateli dei semini rimasti 4, quindi tagliateli a listarelle sottili e poi a cubetti 5. Tenete i pomodori da parte. Passate al peperone giallo: eliminate il picciolo verde esterno e tagliatelo a metà 6. Privatelo dei filamenti bianchi interni e dei semini.

Tagliatelo ora a listarelle e quindi a cubettini 7: tenete da parte. Procedete con le zucchine, spuntatele e tagliatele a rondelle dello spessore di 3 mm 8. Versatele in una ciotola con farina 9.

Mescolatele bene nella farina affinché questa aderisca in maniera uniforme alla verdura 10, quindi trasferitele su un colino per scolare la farina in eccesso 11 e friggetene poche alla volta in un tegame con l'olio bollente (non dovrà superare i 180°, potete controllare con un termometro da cucina) 12.

Quando saranno dorate 13 scolatele ed adagiatele su un vassoio foderato con carta assorbente da cucina 14 e salatele. Tenetele da parte e intanto ponete sul fuoco a scaldare un tegame con l’acqua per la cottura della pasta. Quando avrà raggiunto il bollore salate. Procedete nel frattempo con la preparazione del condimento. Prendete una padella antiaderente dal fondo largo e fate soffriggere l’aglio 15. Se preferite dare un sapore più intenso al condimento potete anche schiacciarlo.

Aggiungete i peperoni 16. Dopo prendete 1 peperoncino, privatelo del picciolo e dei semini interni e tagliatelo a pezzettini 17. Aggiungete anche il peperoncino in padella 18 e lasciate rosolare gli ingredienti per 10 minuti. Se necessario aggiungete alcuni mestoli di acqua di cottura della pasta per consentire una cottura uniforme.

Togliete l’aglio 19 ed unite i pomodori 20. Fate cuocere 5 minuti ed unite anche l’origano 21

ed il basilico spezzettato grossolanamente 22, aggiustando di sale se necessario 23. Fate cuocere ora i bucatini 24,

scolateli ancora al dente direttamente nella padella con il condimento 25. A questo punto unite in padella anche le zucchine fritte 26. Tritate finemente il prezzemolo 27

ed unitelo ai bucatini per insaporire 28. Mescolate bene gli ingredienti per farli amalgamare 29 ed impiattate per gustare i vostri bucatini alla Caruso 30! Se preferite potete spolverare i vostri bucatini con del formaggio Pecorino!

Conservazione

Si consiglia di consumare i bucatini alla Caruso appena fatti. E’ tuttavia possibile conservarli in frigorifero in contenitore ermeticamente chiuso per al massimo 2 giorni.

Si sconsiglia di congelare.

Consiglio

Come tutte le ricette della tradizione ne esistono molteplici versioni. Non avete il peperone giallo? Potete utilizzarne uno rosso! Potete anche sostituire i pomodori San Marzano con i ciliegino. Se lo preferite potete omettere l'infarinatura delle zucchine e friggerle direttamente. Anche le erbe aromatiche possono essere sostituite: l’importante è che siano rigorosamente prodotti tipici campani per omaggiare questa regione patria di Caruso.

13 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • nick
    venerdì 09 settembre 2016
    e buenissima e provero a farla
  • stefania campagnuolo
    lunedì 15 agosto 2016
    Cara Sonia si potrebbe finire la cottura di questa pasta nel forno? Avrò degli ospiti e sarebbe più semplice fare le porzioni. grazie stefania
    Redazione Giallozafferano
    martedì 16 agosto 2016
    @stefania campagnuolo:ciao,non abbiamo provato in questo modo. Probabilmente sì seccherebbe un po' troppo in forno. 
1 FATTA DA VOI
sara0312
nn fritti ma stufati!
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo