Capesante gratinate

/5

PRESENTAZIONE

Capesante gratinate

Le capesante gratinate sono un antipasto perfetto per le feste: una delicata e profumata panatura aromatizzata con timo, maggiorana e prezzemolo impreziosisce questi raffinati frutti di mare, una prelibata alternativa alle più comuni cozze. In vista del cenone della Vigilia o del pranzo di Natale, le capesante gratinate saranno una pietanza perfetta da presentare ai vostri invitati, una ricetta facile ma gustosa. Le capesante gratinate sono semplici da realizzare anche all'ultimo. Voi pensate a rendere la panatura umida al punto giusto e a scegliere le capesante più carnose... al resto ci penserà la cottura in forno, così potrete dedicarvi agli ultimi dettagli della tavola da imbandire! E che la festa abbia inizio!

INGREDIENTI
Capesante 8
Pane mollica 100 g
Pepe nero q.b.
Sale fino q.b.
Olio extravergine d'oliva 40 g
Scorza di limone 1
Prezzemolo q.b.
Timo q.b.
Maggiorana q.b.
Preparazione

Come preparare le Capesante gratinate

Per realizzare le capesante gratinate, iniziate dalla panure: prelevate la mollica di pane togliendo la crosta (potrete fare dei croccanti crostini con la crosta che avete eliminato); tagliate la mollica a cubetti 1. Trasferitela in un mixer, unite l'olio 2, salate e pepate a piacere 3,

aggiungete le erbe aromatiche, prezzemolo, maggiorana, timo (4-5), e infine grattugiate la scorza di limone 6.

Frullate e otterrete la panure 7; con queste dosi la vostra panure sarà umida al punto giusto, in modo che il risultato sia gustoso e non rimanga troppo asciutto. Prendete le capesante, adagiatele su una leccarda, con la conchiglia rivolta verso la base in modo da farcire le capesante con la panure ottenuta 8. Una volta distribuita infornatele in forno ventilato preriscaldato a 190° per circa 15 minuti o non appena si sarà creata una crosticina invitante 9. Le vostre capesante gratinate sono pronte per essere servite!

Conservazione

E' preferibile consumare le capesante gratinate poco dopo averle preparate, ancora calde. Possono essere conservate per 1 giorno in frigo in un contenitore ermetico.

Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Limone ed erbe aromatiche sono perfette per la panatura, ma potete anche variare: ad esempio un'abbinata vincente, togliendo la scorza di limone, è pistacchio e pomodorini!

RICETTE CORRELATE
COMMENTI147
  • cusimvi77
    mercoledì 23 dicembre 2020
    Nel forno statico come mi regolo? E posso usare il Pangrattato, invece della mollica? Grazie
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 24 dicembre 2020
    @cusimvi77 : Ciao, puoi provare ma otterrai una panatura dalla consistenza meno morbida! Con il forno statico ti consigliamo di alzare leggermente la temperatura di 10-20° e di cuocere una decina di minuti in più. Per regolarti al meglio testa prima la cottura su pochi pezzi smiley
  • Lucacooking
    giovedì 04 aprile 2019
    Dato che la mollica va nel mixer, è necessario tagliarla a cubetti?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 05 aprile 2019
    @Lucacooking : Ciao, in questo modo sarà più facile tritarla!
  • merigareri
    giovedì 17 gennaio 2019
    Buonasera , non ho capito una cosa xke non viene ne detta ne scritta , ma le capesante vanno lavate giusto ?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 18 gennaio 2019
    @merigareri: Ciao, si puoi sciacquare sia il corallo che la parte del frutto sotto acqua fredda corrente e asciugare tamponando con carta da cucina.
  • patrizia22
    martedì 18 dicembre 2018
    si possono usare capesante surgelate? e la procedura è la stessa?
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 19 dicembre 2018
    @patrizia22:Ciao, si può fare ma dovrai prima scongelarle e poi procedere come da ricetta.
  • elena
    lunedì 21 marzo 2016
    Volevo avere un consiglio sulle cozze gratinate se era possibile prepararle il giorno prima Grazie
    Redazione Giallozafferano
    martedì 22 marzo 2016
    @elena: Ciao Elena! Meglio prepararle al momento, altrimenti la panatura potrebbe assorbire troppa umidità!