Carciofi ammuddicati

/5

PRESENTAZIONE

Carciofi ammuddicati

Con i carciofi si possono preparare tantissime deliziose ricette, come questa siciliana, che vi proponiamo oggi: i carciofi ammuddicati! Dal loro nome si capisce subito quali sono gli ingredienti principali di questo piatto, ma se non siete esperti del dialetto siciliano non preoccupatevi... con il termine "ammuddicati" si intende semplicemente "ripieni di mollica", come spesso si fa con le alici. Questi carciofi infatti vengono preparati con una panatura deliziosa, ricca di formaggi e pangrattato. La cottura in umido li rende davvero tenerissimi, ma prestate molta attenzione alla pulizia dei carciofi, per un risultato perfetto bisognerà sfogliarli al punto giusto, per eliminare le foglie più dure. Questi carciofi ripieni siciliani sono una buonissima versione vegetariana, perfetta da servire come secondo piatto, scoprite insieme a noi come prepararli!

Ecco altre deliziose ricette con i carciofi da non perdere:

INGREDIENTI

Carciofi violetti, grossi 4
Pecorino 60 g
Caciocavallo 50 g
Aglio 1 spicchio
Pangrattato (misto grosso e fine) 100 g
Prezzemolo 1 mazzetto
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Olio extravergine d'oliva 40 g
per la cottura
Aglio 1 spicchio
Olio extravergine d'oliva q.b.
Preparazione

Come preparare i Carciofi ammuddicati

Pulite i carciofi: tagliate del tutto il gambo 1, eliminate le foglie esterne e dure 2 e con uno spelucchino arrotondate la base del carciofo 3

Tagliate poi la punta 4 e allargate bene il carciofo a fiore in modo da poter eliminare facilmente la barba interna 5. Ponete il carciofo così pulito a testa in giù in una ciotola di acqua acidulata con il succo di un limone 6 e ripetete la stessa operazione anche per gli altri.

Preparate la panure: grattugiate il pecorino con le maglie fini della grattugia 7 e il caciocavallo con quelle più grosse 8. Tritate finemente uno spicchio d'aglio 9 e il prezzemolo. 

In ciotola unite pangrattato, aglio 10, prezzemolo e i formaggi 12

Aggiungete anche sale, pepe 13 e l'olio 14. Mescolate, sino ad ottenere un composto sabbioso e umido 15

Recuperate i carciofi e batteteli delicatamente su un canovaccio per svuotarli dell’acqua in eccesso e asciugarli. Farciteli con la panure, abbondando al cuore 16 e procedendo poi allargando i petali più esterni e farcendo anch’essi 17. Alla fine pressate bene la panure con le mani restituendo al carciofo la forma tondeggiante 18

Versate in un tegame a fondo spesso un giro d'olio e uno spicchio d'aglio 19. Lasciate insaporire per un paio di minuti, poi disponete i carciofi all'interno 20, che dovranno risultare vicini, dritti e stretti. Versate nel tegame un po’ d’acqua (potete risciacquare la brocca in cui avete pesato l’olio) 21

Coprite con il coperchio 22, abbassate la fiamma e fate cuocere a fuoco dolce per circa mezz'ora. Durante la cottura controllate che i carciofi restino umidi, eventualmente aggiungete un goccio d’acqua. Togliete il coperchio, fate asciugare l’eventuale fondo di cottura 23 e poi servite e i carciofi ammuddicati ben caldi, con una macinata di pepe e un filo d’olio extra a piacere 24.

Conservazione

Consigliamo di consumare i carciofi al momento della preparazione. Siccome sono molto delicati, sarebbe meglio non conservarli e consumarli subito.

Consiglio

Potete scegliere la varietà di carciofo che preferite, andranno bene tutte le tipologie.

Il gambo dei carciofi potete pelarlo e utilizzare in altre ricette, come un riso ai carciofi o un semplice brodo vegetale.

Potete arricchire la vostra panure con della scorza di limone.

Dosate l'aglio in base i vostri gusti. Se non lo amate potete anche ometterlo, altrimenti potete anche aumentare la dose, tritando due o tre spicchi d'aglio.

Il pangrattato comune va benissimo ma consigliamo di mescolarlo con una parte di mollica grattugiata o utilizzare pangrattato fatto in casa per un effetto più rustico e un sapore migliore.

Se al centro del tegame dovesse rimanere troppo spazio inserite una mezza patata in modo da tenere stretti i carciofi.

Chiudi