Cavolfiore in pastella

PRESENTAZIONE

Una verdura che non dovrebbe mai mancare in inverno: il cavolfiore. Versatile in cucina e dalle tante proprietà benefiche, questo ingrediente candido e dalle globose infiorescenze...diciamo la verità, non piace proprio a tutti! Ecco allora una ricetta per farlo amare a grandi e piccoli, servendolo come sfizioso antipasto o contorno ricco: il cavolfiore in pastella. Le tenere cimette vengono avvolte da una cremosa pastella senza uova che una volta immersa nell'olio bollente, grazie allo shock termico, risulterà molto fragrante e impalpabile; permetterà al cavolfiore di sprigionare i suoi migliori sapori e tutta la sua morbidezza. Il cavolfiore in pastella conquisterà tutti... non vi resta che provare e aspettare di ricevere i migliori complimenti. Una volta che avrete convinto tutti potrete cimentarvi in altre deliziose ricette con cavolfiore: provate la versione gratinata, cremosa e ghiotta!

Leggi anche: Pastella per fritti

INGREDIENTI

618
CALORIE PER PORZIONE
Cavolfiore 1 kg
Farina 00 130 g
Sale fino q.b.
Acqua gassata fredda 200 g
per friggere
Olio di semi di arachide q.b.
Preparazione

Come preparare il Cavolfiore in pastella

Per preparare il cavolfiore in pastella eliminate le foglie esterne, strappandole con le mani 1 e con un coltellino eliminate anche la parte del gambo 2. Poi sempre con il coltello separate le cimette 3

e tenetele da parte 4. Nel frattempo occupatevi di realizzare la pastella: setacciate la farina in una ciotola 5 e unite l'acqua frizzante fredda a filo, sbattendo con una frusta 6.

Una volta ottenuta una pastella liscia, aggiungete un pizzico di sale 8 e immergetevi le cimette di cavolfiore 8. Versate l'olio di semi in un tegame e scaldatelo fino a che il termometro non raggiungerà la temperatura di 170°, poi prelevate con una forchetta le cimette, lasciate scolare la pastella in eccesso, ed immergete pochi pezzi alla volta nell'olio bollente 9.

Cuocete i vostri cavolfiori in pastella per 5-6 minuti, fino a che non risulteranno ben dorati. A questo punto con una schiumarola sollevateli dall'olio 10 e posizionateli su un foglio di carta da cucina 11, in modo da eliminare l'olio in eccesso. Salate i vostri cavolfiori solo una volta fritti e serviteli ancora caldi 12.

Conservazione

Consumate il cavolfiore in pastella appena fritto!

Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Al posto dell'acqua frizzante provate ad utilizzare la birra sempre fredda e per dare più sapore unite nella pastella un trito di salvia e rosmarino!

Curiosità

Il cavolfiore, confuso con il cavolo broccolo, ha una forma simile a quest'ultimo ma si distingue per il suo colore: bianco candido, come nella varietà autunnale "palla di neve", oppure bianco crema come nel caso del " Primaticcio di Toscana", o anche violaceo come nel caso del "Violetto di Sicilia".

49 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • bromonio85
    sabato 25 maggio 2019
    Ma le cime vanno messe in pastella crude o sbollentate? Non c'è il rischio che restino crude?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 25 maggio 2019
    @bromonio85:Ciao, si friggono da crude, non è necessario sbollentarle altrimenti risulterebbero troppo morbide.
  • MisSilvietta
    giovedì 04 aprile 2019
    Posso sostituire l'acqua frizzante con quella naturale?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 05 aprile 2019
    @MisSilvietta: Ciao, se preferisci puoi provare con l'acqua naturale fredda.
2 FATTE DA VOI
alex_cuspide
da 10
Lupen80
ricetta riuscita sapore deciso e croccante
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo