Chapati

/5
Chapati
47
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: molto basso
  • Nota: + 20 minuti di riposo

Presentazione

Il chapati è il pane tradizionale dell’India (originario del Punjab), usato in particolare nell’India del Nord e nell’Africa orientale; la caratteristica di questo pane è la sua forma piatta e tonda, simile ad una piadina.

Al contrario della classica pagnotta casereccia il chapati non contiene lievito, ma solo farina, acqua e sale; per la preparazione del chapati viene usata una farina semi- integrale, fondamentale per la buona riuscita di questo pane. In India, ancora oggi, esistono delle persone che macinano manualmente la farina per il chapati, creando una miscela particolare, la cui ricetta antichissima è composta da miglio, orzo, grano saraceno e grano. 
Il chapati si cuoce su una particolare padella di ferro chiamata tawa che diffonde il calore in modo uniforme (in mancanza, possiamo sostituirla con una padella antiaderente). In India si usa preparare ogni mattina una grossa quantità di impasto e di consumare poi il chapati, durante la giornata, con piatti a base di verdura pesce o pollo (particolarmente indicato per piatti molto speziati).

In commercio è possibile trovare un preparato apposito per la preparazione del chapati, ma in caso non riusciste a trovarlo, potete tranquillamente usare due parti di farina integrale e una parte di farina bianca.

Ingredienti per 8 chapati

Farina per chapati 260 g
Acqua a temperatura ambiente 180 ml
Sale fino ½ cucchiaino
Preparazione

Come preparare il Chapati

Chapati

Ponete in una ciotola 240 gr di farina per chapati (in alternativa potete utilizzare 160 gr di farina integrale e 80 gr di farina 00), fate sciogliere il sale nell’acqua a temperatura ambiente (1) e versatela successivamente nella farina un poco alla volta. Con l’aiuto di un cucchiaio, o con le dita, impastate la farina con l’acqua; continuate poi a lavorare l’impasto su di una spianatoia per almeno 10 minuti, fino a ottenere una pasta soda e liscia (2), quindi formate una palla, riponetela in una ciotola, copritela e lasciatela riposare per 20 minuti. Trascorso il tempo di riposo fate assumere all'impasto una forma allungata (3).

Chapati

Subito dopo dividete l'impasto in 8 pezzi (4) alla quale farete successivamente prendere forma di palliine, ognuna del peso di circa 50 grammi; con l’aiuto di un mattarello stendete ora le palline in dischi sottili della misura di 15 centimetri di diametro (5). Mentre stendete l’impasto mettete un po’ di farina sul mattarello e sulla spianatoia per evitare che la pasta si attacchi.
Scaldate una padella per le crepe, o una padella antiaderente e, quando sarà ben calda, fate cuocere i dischi di pasta uno alla volta (6). Quando vedrete che si cominciano a formare delle bolle, o comunque dopo un paio di minuti, girate il disco di pasta e fate cuocere dall’altro lato. Togliete, a questo punto, il chapati dal fuoco e mettetelo in un foglio di carta di alluminio foderato di carta assorbente per cucina; chiudete, in modo da mantenere caldo e morbido il chapati e continuate in questo modo fino a esaurimento dei dischi di pasta.

Consiglio

Nel caso in cui, per la cottura del chapati, utilizzaste la tradizionale pentola in ferro chiamata tawa, i tempi di cottura saranno decisamente inferiori; in questo caso, infatti, basterà, dopo aver fatto scaldare molto bene la pentola, poggiarci il disco di pasta e farlo cuocere per 30 secondi, poi girarlo e continuare la cottura per altri 30 secondi. È anche possibile far cuocere il chapati direttamente sul fuoco mettendo sopra il fornello uno spargi-fiamme in acciaio inox.

Leggi tutti i commenti ( 47 )

Altre ricette

I commenti (47)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • monicabart ha scritto: martedì 04 dicembre 2018

    scusate quali sono le dosi esatte? la ricetta pubblicata si contraddice... farina 240 o 260 grammi?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 05 dicembre 2018

    @monicabart:Ciao, la dose per l'impasto è 240, il resto è quello che serve per infarinare la spianatoia per evitare che si attacchi la pasta mentre si stende.

  • leonolanoel ha scritto: mercoledì 28 febbraio 2018

    Non avendo a disposizione le farine consigliate ho usato la normale 00 e una punta di garam masala nell'impasto,quando belle gonfie le ho unte con un po di burro fuso e cosparse di semi di sesamo e sono venute ottime!!! consiglio: ho visto che il chapati si gonfia a dovere meglio se incoraggiato da un coperchio sulla padella,buoooneeeee!

Leggi tutti i commenti ( 47 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato

Ultime ricette

Dolci

I biscotti semplici decorati sono un pensiero dolcissimo da personalizzare come preferite: preparate la frolla, la glassa e scatenate la fantasia!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 20 min

Secondi piatti

Il rotolo di frittata farcito è un ottimo secondo piatto, un buon antipasto con un ripieno di verdure, formaggi e salumi, perfetto per un pic-nic.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 15 min

Dolci

La torta melarancia combina il gusto delle mele all'aroma dell'agrume per un dolce soffice, alto e profumato ideale per la colazione o la merenda.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 70 min

Pane in padella
Pane integrale senza lievito
Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta fresca
Biscotti
Pizze e focacce
Piccola pasticceria
Dolci veloci