Ciaudedda

PRESENTAZIONE

L’arrivo della primavera è sempre una festa a tavola, gli ortaggi di questa colorata e grintosa stagione arricchiscono tanti nostri piatti ma non solo, il loro gusto intenso li rende buoni anche da gustare da soli come semplici contorni. La nostra cucina tipica ne vanta diversi, come la bandiera umbra, la vignarola romana e le zucchine a scapece napoletane. Cavalcando quest’onda di piatti della tradizione vi proponiamo qui un’altra pietanza scovata nelle terre lucane: la ciaudedda. Si tratta di un contorno genuino e ricco, realizzato con cipolle stufate, carciofi, patate e fave, il tutto insaporito dalla nota sapida e stuzzicante della pancetta. La ciaudedda, con il suo concentrato di aromi, sarà un perfetto accompagnamento a secondi piatti semplici come le cosce di pollo al forno oppure il filetto di merluzzo in padella.

Leggi anche: Zuppa di fave piselli e carciofi

Preparazione

Come preparare la Ciaudedda

Per preparare la ciaudedda iniziate pulendo i carciofi. Strofinate le mani con del limone per evitare che anneriscano, in alternativa potete indossare dei guanti. Eliminate la punta dei carciofi , che oltre ad avere le spine è la parte più dura 1. Sfogliate il carciofo eliminando le foglie più esterne 2. Tagliate la base del gambo e con uno spelucchino rimuovete lo strato esterno fibroso 3.

Per finire eliminate la peluria interna, ovvero la “barba” del carciofo che si trova all'interno 4. A questo punto tagliate a spicchi i carciofi e teneteli da parte 5, per non farli annerire potete conservarli in una ciotola colma di acqua acidulata con limone. Affettate la pancetta 6.

Mondate e riducete a fettine anche la cipolla 7. Pelate e tagliate a cubetti di 3-4 cm le patate 8. In una pentola capiente versate un filo di olio e aggiungete la pancetta 9. Soffriggete per qualche minuto.

Poi aggiungete la cipolla 10, mescolate e cuocete per circa 5 minuti a fuoco moderato, così che appassisca. Quando la cipolla risulterà ben stufata versate i carciofi 11, poi versate anche le patate 12 e mescolate.

Salate 13 e pepate e infine versate il brodo di verdure 14, coprite con un coperchio 15 e lasciate cuocere per circa 30 minuti a fuoco medio. Evitate di mescolare per non sfaldare le verdure, sarà sufficiente scuotere il tegame di tanto in tanto.

Ora occupatevi delle fave, sgranatele dal baccello 16, dovreste ottenerne 80 g circa. Eliminate l'escrescenza che ricopre il seme della fava facendo una leggera pressione con le dita 17 . Trascorsi i 30 minuti di cottura versate anche le fave 18.

Mescolate delicatamente, coprite con il coperchio 19 e lasciate cuocere per gli altri 10 minuti. La ciaudedda è pronta 20, servitela ben calda 21.

Conservazione

La ciaudedda si può conservare in frigo per un paio di giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se amate le note piccanti potete aggiunegre del peperoncino fresco a fine cottura.

1 COMMENTO
Commenta o chiedici un consiglio
  • CocoStrazz
    giovedì 07 novembre 2019
    squisito
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo

{if !$smarty.const.IS_LIVE} {if}