Cicatielli con cozze e fagioli

PRESENTAZIONE

Cicatielli con cozze e fagioli

Ci sono ricette che nascono dall'amore, ma anche altri stati d'animo possono ispirare gustose preparazioni. La leggenda narra che i cicatielli, questo piccolo formato di pasta fresca realizzato con semola, acqua e olio d'oliva, venne realizzato per la prima volta da una donna originaria di Montecalvo (Irpinia), per sfogarsi dopo appreso del tradimento del marito. L'energia con cui si lavora l'impasto elastico e il modo di "accecare" i pezzetti di pasta con il pollice per creare il tipico incavo, giustificherebbero questa storia!
In questa ricetta vi proponiamo i cicatielli con cozze e fagioli, un abbinamento tipico della cucina del sud, ma apprezzato e declinato in diverse varianti in tutta Italia. La pazienza che servirà per formare questo particolare formato di pasta vi ripagherà del risultato: i cicatielli con cozze e fagioli sono un primo piatto saporito e cremoso, dall'intenso gusto di mare!

Leggi anche: Spaghetti fagioli e cozze

INGREDIENTI

422
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per i cicatielli
Semola 280 g
Acqua 150 ml
Olio extravergine d'oliva 8 g
per il condimento
Cozze 1 kg
Fagioli cannellini 250 g
Cipollotto fresco 1
Aglio 1 spicchio
Peperoncino fresco 1
Olio extravergine d'oliva 20 g
Prezzemolo 1 ciuffo
Sale fino 1 pizzico
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare i Cicatielli con cozze e fagioli

Per preparare i cicatielli con cozze e fagioli, iniziate dalla pasta fresca: in una ciotola versate la semola, unite l'acqua tiepida e l'olio d'oliva. Iniziate a maneggiare gli ingredienti nella ciotola 1 e quando l'impasto sarà più sodo trasferitelo su un piano di lavoro leggermente infarinato e lavoratelo energicamente 2 fino ad ottenere un impasto dall'aspetto liscio e dalla consistenza elastica. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per circa 30 minuti a temperatura ambiente.

Passate alla pulizia delle cozze: sciacquatele accuratamente sotto acqua corrente 4, poi tirate via il bisso 5, la barbetta che fuoriesce dal guscio e strofinatele una ad una per togliere le imprità 6.

In una padella versate un filo d'olio e fate scaldare leggermente, quindi versate le cozze 7, mescolate e coprite con un coperchio perchè si dischiudano con il vapore 8. Appena saranno tutte aperte, spegnete il fuoco 9

scolate le cozze tenendo da parte il liquido che servirà per insaporire il condimento, lasciate alcune cozze intere, mentre estrate i frutti di mare dalla maggior parte delle cozze 10. Coprite i frutti con pellicola e teneteli da parte insieme al liquido di cottura (11-12).

Mondate e tritate il cipollotto 13 , eliminate i semini interni del peperoncino e tritate finemente anch'esso  14. In una padella dai bordi alti versate l'olio, l'aglio sbucciato diviso a metà e il cipollotto tritato 15

accendete il fuoco bassissimo e mescolate per far appassire il cipollotto; poi unite anche il peperoncino tritato 16. Versate i cannellini (noi abbiamo utilizzato quelli già lessati, ma potrete usare anche quelli secchi dopo averli tenuti in ammollo e fatti bollire a parte) 17 e lasciateli cuocere e insaporire per una decina di minuti. Dopodichè spegnete il fuoco e prelevatene due cucchiai: versateli in un contenitore alto insieme al liquido delle cozze 18

Frullate il tutto con un frullatore ad immersione 19 e versate poi la crema nella padella con i fagioli 20. Riprendete l'impasto, dividetelo in pezzetti per realizzare dei cordoncini sottili 21.

poi dividete ciascun cordoncino in bocconcini di 1-1,5 cm 22: per creare il tipico incavo dei cicatielli, premete con il pollice ogni pezzettino di impasto sul rigagnocchi 23: potete anche premere con il pollice e trascinare leggermente ogni pezzettino su un piano di lavoro liscio. Man mano che li realizzate potete disporli su un vassoio foderato con un canovaccio leggeremente infarinato 24.

Per cuocere i cicatielli, portate a bollore abbondante acqua salata a piacere in un tegame capiente e versateli all'interno per farli bollire pochi minuti, ne basteranno 2-3, quindi scolateli e proseguite la cottura nella padella con il condimento di fagioli 26. Accendete il fuoco moderato, mescolate e unite anche le cozze che avevate messo da parte 27.

Infine tritate finemente il ciuffo di prezzemolo 28 e unitelo in padella 29: spegnete il fuoco e i vostri cicatielli con cozze e fagioli sono pronti per essere gustati 30!

Conservazione

I cicatielli con cozze e fagioli si possono gustare anche freddi. Le cozze, una volta pulite, se non le utilizzate immediatamente è consigliabile metterle in una ciotola e coprirle con acqua fredda, disponendole in frigorifero per un massimo di 8 ore.  I cavatelli si possono congelare da crudi per poi cuocerli direttamente da congelati.

Consiglio

Se non avete molto tempo a disposizione, potete preparare i cicatielli anche il giorno prima e farli seccare coperti con un canovaccio in modo da averli pronti per il giorno dopo!

21 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Silvia
    sabato 27 maggio 2017
    Solo una domanda: al posto dei cannellini posso usare dei borlotti freschi? Grazie e complimenti, le vostre ricette sono sempre spettacolari.
    Redazione Giallozafferano
    sabato 27 maggio 2017
    @Silvia: Certo Silvia, ma non essendo precotti dovrai farli bollire a parte smiley
  • Tari
    mercoledì 31 agosto 2016
    Ho dei dubbi che i "cicatielli diano originari dell'Irpinia. Lo sono del sud Italia e non sono rigati. Si fanno con due/tre e quattro dita che ne determinano la lunghezza. Ottime le "cicatelle" con la verdura: cavolfiori, borragine, rucola selvatica ecc. condite con olio evo e ricotta marzotica grattugiata. Ciaof
5 FATTE DA VOI
miriamlangella
la vera pasta e fagioli con cozze napoletana ..gnamm
ACarmela
Buonissimo, avevo anche due gamberetti e li ho aggiunti... Sublime
mani di pastafrolla
con peperoncino e rucola spezzettata
Carla's
Ho scelto un formato di pasta che mia madre preparava a mano in casa. Lo considero il primo dei primi
Elecerreia
Ho scelto i tubetti come pasta,l’ho fatta rispettare e aromatizzato con un ottimo peperoncino fresco! Un piatto eccezionale nella sua semplicità, ricco di sapore e tradizione
RICETTE CORRELATE