Cicerchiata

/5

PRESENTAZIONE

La cicerchiata sta al Carnevale come gli struffoli stanno al Natale! Questi due dolci tradizionali, all’apparenza molto simili, si differenziano non solo per la festività di riferimento ma anche per la regione di provenienza: gli struffoli sono esclusivamente campani, mentre la cicerchiata è tipica di varie regioni del Centro Italia fra cui Marche, Umbria, Abruzzo e Molise e prende il nome dalle cicerchie, antichi legumi di cui ricorda l'aspetto. In entrambi i casi l’impasto è aromatizzato con scorza di agrumi e liquore all’anice, dopodiché le palline di pasta vengono fritte e ricoperte di miele. Per la decorazione potete scegliere quello che preferite fra confettini colorati o canditi, ma l’importante è che non manchino le mandorle, uno degli elementi che caratterizzano la cicerchiata, insieme alla scenografica forma ad anello!

Non perdetevi anche queste tradizionali varianti regionali:

 

INGREDIENTI

Per l'impasto
Farina 00 300 g
Uova medie 3
Olio extravergine d'oliva 20 g
Liquore all'anice 10 g
Scorza di limone 1
Per guarnire
Miele millefiori 500 g
Mandorle pelate 70 g
Codette colorate q.b.
Per friggere
Olio di semi di arachide q.b.
Per ungere lo stampo
Olio extravergine d'oliva q.b.
Preparazione

Come preparare la Cicerchiata

Per preparare la cicerchiata versate le uova in una ciotola insieme al liquore 1, all’olio 2 e alla scorza grattugiata del limone 3.

Sbattete il tutto con una forchetta, poi aggiungete la farina 4. Amalgamate gli ingredienti nella ciotola prima con la forchetta 5 e poi con le mani 6.

Trasferite il composto sul piano di lavoro e continuate a lavorare con le mani 7 fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, simile a quello della pasta fresca. Formate una palla e avvolgetela nella pellicola, poi lasciate riposare a temperatura ambiente per circa 15 minuti 8. Trascorso questo tempo dividete l’impasto in piccole porzioni 9.

Formate dei filoncini dello spessore di 1 cm 10, poi tagliateli a tocchetti della lunghezza sempre di 1 cm 11. Arrotondate i pezzettini di impasto con le dita per ottenere delle palline 12.

A questo punto portate l’olio di semi alla temperatura di 200° e friggete poche palline per volta 13. Quando saranno dorate in modo uniforme scolate 14 e lasciate raffreddare su carta per fritti 15.

Nel frattempo tagliate le mandorle a filetti 16. Versate il miele in una pentola capiente 17 e scaldatelo dolcemente per qualche minuto 18.

Quando il miele avrà preso colore, spegnete il fuoco e aggiungete le palline fritte 19. Mescolate bene così da ricoprirle uniformemente, poi unite le mandorle 20 e le codette 21, avendo cura di tenerne qualcuna da parte per la decorazione.

Mescolate ancora il tutto 22. Versate il composto all’interno di uno stampo da ciambella del diametro di 23 cm, unto con olio di oliva 23, livellate la base e lasciate raffreddare a temperatura ambiente 24.

Una volta che il composto si sarà raffreddato, capovolgete lo stampo sul piatto da portata 25; se dovesse staccarsi con difficoltà potete scaldare leggermente la superficie dello stampo con una fiamma. Guarnite con le mandorle e le codette tenute da parte 26 e servite la vostra bellissima cicerchiata 27!

Conservazione

La cicerchiata si può conservare a temperatura ambiente per 4-5 giorni, coperta con una campana di vetro.

Consiglio

Potete sostituire la scorza di limone con quella di arancia, oppure utilizzarle entrambe.

Personalizzate la decorazione a seconda dei vostri gusti: potete utilizzare solo le mandorle, per esempio, oppure aggiungere anche i canditi!

Durante la prova puoi interrompere quando vuoi, senza alcun addebito. Dopo la prova GZ Club si rinnova in automatico a € 29,99/anno invece di € 49,99
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.

Newsletter
----->>>>