Come pulire i totani

PRESENTAZIONE

I totani sono dei molluschi cefalopodi apparentemente molto simili ai calamari, ma si differenziano da questi per le carni più sode e compatte e dal colore rosato con striature giallastre e per un corpo più allungato con due pinne a forma di freccia più piccole. Il totano si trova prevalentemente nell’Oceano Atlantico ma anche il Mar Mediterraneo ci offre frequentemente le carni di questo delizioso mollusco. Il totano ha una carne delicata che si presta a tante preparazioni diverse: come antipasto, come condimento di primi di pasta e riso ma anche come secondo piatto, ripieno o accompagnato da verdure. Dovunque vi porti la vostra inventiva culinaria, questa scuola di cucina fa al caso vostro: vi sveleremo tutti i trucchi per pulire alla perfezione i vostri totani e potervi così cimentare nelle più svariate ricette!

Leggi anche: Totani ripieni al forno

INGREDIENTI
181
CALORIE PER PORZIONE
Totani freschi 500 g

Come pulire i totani

Per la pulizia dei totani iniziate sciacquando accuratamente i vostri molluschi sotto un getto abbondante di acqua fredda, quindi disponeteli sul piano da lavoro per procedere con la pulizia 1. Prendete quindi la testa tra due dita e separatela delicatamente dal mantello 2 e tenetela da parte. All’interno del mantello prendete il gladio, cioè la piccola asta trasparente di cartilagine, ed asportatela 3.

Quindi estraete le interiora del totano 4 e sciacquatelo. A questo punto riprendete la testa del pesce. Tenetela ferma con due polpastrelli e, aiutandovi con un coltello, incidete il contorno degli occhi con un coltello 5 e schiacciando la parte inferiore degli stessi eliminateli. Cercate anche il becco che si trova al centro dei tentacoli 6 e spingetelo verso l’esterno.

Aiutandovi con un coltello eliminatelo 7. Infine incidete il mantello con un coltello e sfilate la pelle del totano 8. Ripetete l’operazione anche per i tentacoli. Sciacquate tutte le parti del pesce sotto acqua corrente ed il totano sarà pronto per le vostre preparazioni 9.

Conservazione

Potete conservare i totani in frigorifero per 1 giorno adagiati su un piatto e coperti da pellicola alimentare trasparente, dopo averli puliti ed eviscerati come descritto nella scheda.

Potete anche conservarli in congelatore se avete acquistato dei totani freschi e non decongelati. Anche con questo metodo di conservazione i totani devono essere stati adeguatamente puliti e privati delle viscere interne. Adagiateli su un vassoio foderato con carta forno e riponeteli nel congelatore. Una volta congelati trasferiteli in sacchetti gelo: così facendo potrete conservare i totani per circa 3 mesi. Prima di utilizzarli dovrete ricordarvi di scongelarli la sera prima, riponendoli in frigorifero.

2 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • ILARIA
    venerdì 25 settembre 2015
    Qualche giorno fa nella fretta ho messo i totani in freezer così come me li han dati in pescheria, senza lavarli nè eviscerarli... li vorrei usare domani sera per una cena con amici...mi posso fidare? Sono recuperabili? Grazie in anticipo smiley
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 25 settembre 2015
    @ILARIA : Ciao Ilaria, prima di congelare il pesce o i molluschi è sempre bene procedere con la pulizia.
  • cascone
    mercoledì 09 settembre 2015
    come si preparano sepie e piselli insieme
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 10 settembre 2015
    @cascone: Ciao! Ecco la ricetta delle seppie con piselli smiley
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo