Confettura di fichi e mandorle

PRESENTAZIONE

Verdi, dolci e zuccherini... di chi stiamo parlando? Ovviamente di uno dei dolci frutti di piena e fine estate: i fichi! Bisogna aspettare un anno intero per gustarli e il loro tempo non dura a lungo, ma per custodire tutta la loro dolcezza il rimedio migliore è sicuramente quello di trasformarli in una confettura, che vi farà compagnia durante il resto dell'anno. Certo le opzioni sono infinite, dalla più classica a quella aromatizzata alla vaniglia, ma questa volta abbiamo scelto di stupirvi realizzando una confettura di fichi e mandorle, che con la sua nota croccante avrà sicuramente una marcia in più! Immaginate di svegliarvi in una uggiosa mattinata d'autunno, una fetta di pane tostato e questa confettura saranno la coccola migliore che potreste desiderare... e se non dovesse ancora bastare utilizzate la confettura di fichi e mandorle per realizzare una deliziosa crostata, perfetta in qualsiasi momento della giornata!

Leggi anche: Confettura di fichi e vaniglia

INGREDIENTI
CALORIE PER PORZIONE
Kcal 32
Ingredienti per 2 vasetti da 250 ml
Fichi 1 kg
Zucchero 150 g
Scorza di limone 1
Mandorle in scaglie 40 g
Preparazione

Come preparare la Confettura di fichi e mandorle

Per preparare la confettura di fichi e mandorle come prima cosa iniziate a sbucciare i fichi 1: da un kg ne otterrete ottenerne circa 800 grammi. A questo punto tagliateli a spicchi 2 e poi dividete ogni spicchio a metà 3.

Trasferite i fichi in un tegame, meglio se dal fondo spesso 4, aggiungete la scorza di limone 5, lo zucchero 6

mescolate brevemente in maniera molto delicata e coprite con della pellicola per alimenti 7. Lasciate macerare i fichi per 1 ora e nel frattempo occupatevi di sanificare i vasetti dove conserverete la vostra confettura di fichi e mandorle; consigliamo di seguire le linee guida del Ministero della Salute indicate in fondo alla ricetta. Trascorso questo tempo eliminate la pellicola 8 e trasferite sul fuoco. Utilizzate una fiamma vivace fino al raggiungimento del bollore, poi proseguite la cottura a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto,

fino a raggiungere la temperatura di 105° 10; utilizzate sempre un termometro da cucina per misurare la giusta temperatura. Al contrario delle altre confetture questa non dovrà raggiungere la solita temperatura di 108°, altrimenti, essendoci i fichi diventerà troppo densa e collosa. Nel frattempo che la confettura arriverà a temperatura tostate in padella anche le mandorle, a fiamma moderata 11. Quando saranno ben dorate spegnete il fuoco e unitele alla vostra confettura 12.

Mescolate per amalgamarle al resto 13 e poi occupatevi di invasare la confettura di fichi e mandorle, dovrà essere ancora calda 14 e dovrete lasciare almeno 1 cm di spazio dal tappo; se fosse maggiore lo spazio lasciato non è un problema, basta che il sottovuoto riesca senza problemi. Altrimenti potete usare vasetti più piccoli, lasciando sempre almeno 1 cm dal bordo. Avvitate bene i tappi sanificati ma senza stringere eccessivamente 15 e lasciate raffreddare. Con il calore della confettura si creerà il sottovuoto, che permetterà di conservare il prodotto a lungo. Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. La vostra confettura di fichi e mandorle sarà poi pronta per essere gustata!

Conservazione

E' consigliabile conservare la confettura di fichi e mandorle per circa 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 2-3 settimane prima di consumare la confettura. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo.

Consiglio

Per ottenere una buona confettura, è importante cuocere nel minore tempo possibile, evitando di cuocere a fiamma troppo alta per non bruciare il tutto. Per questo motivo è utile anche non cuocere quantitativi troppo elevati di frutta: più il quantitativo è grande, più il tempo sarà maggiore.

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione, in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Ti suggeriamo

RICETTE CORRELATE
COMMENTI (7)
Lascia un commento o chiedici un consiglio
  • Patry8
    domenica 26 agosto 2018
    Ho aggiunto noci e cannella, ho notato che pur avendo fatto il sottovuoto, il gg dopo mi sono accorta che la confettura ha cambiato colore, è diventata più scura, Vorrei sapere se c'è qualcosa che Nn va oppure se è normale e nel caso andasse bene mi puoi dire come mai? Grazie
    Redazione Giallozafferano
    domenica 26 agosto 2018
    @Patry8: ciao! Il colore può cambiare leggermente e diventare poco più scuro. Se hai notato un cambiamento molto evidente forse è meglio non consumare la confettura! 
  • Ivana
    sabato 24 settembre 2016
    @Paola: non è necessario comprare la pectina, basta mettere una mela a fettine o la buccia di limone