Coratella

/5

PRESENTAZIONE

Ci vuole un po' di coraggio ad assaggiarla la prima volta, come per il patè, ma c'è anche chi ne è appassionato. La coratella, durante le feste, è imprescindibile per chi è originario del centro Italia, ma oggi si gusta in ogni momento dell'anno. In viaggio tra le dolci colline umbro-marchigiane, in quelle splendide locande dove la cucina è ancora autentica, nelle trattorie di Roma a gestione famigliare o nelle case dei nonni si può scoprire questo piatto della tradizione, realizzato con interiora di agnello. C'è chi preferisce la cipolla, chi l'aglio, chi propone la coratella in umido, chi aggiunge anche interiora di pollame e coniglio. Noi vi proponiamo la nostra semplice versione, senza dimenticare di suggervi dei bei crostoni di pane abbrustoliti per la scarpetta finale!

Scopri altri piatti della tradizione come le pappardelle con la lepre.

Preparazione

Come preparare la Coratella

Per preparare la coratella prendete le interiora di agnello 1 e utilizzando un coltello separatele, staccando anche l'eccesso di grasso. Per la ricetta serviranno: 120 g di cuore, 180 g di polmone, 350 g di fegato, 100 g di milza e 100 g di eccesso di grasso 2. Trasferite tutto in un colino e lavate bene le interiora 3

Trasferite in una ciotola e coprite con l'acqua 4, noi ne abbiamo utilizzato 250 g. Aggiungete anche l'aceto 5 e le foglioline di alloro 6

Coprite con pellicola 7 e aspettate un paio d'ore. A questo punto prendete un pezzo delle interiora e tagliatelo prima a fette 8 e poi a cubetti 9

Ripetete la stessa operazione per tutti i pezzi, avendo cura di separarli in ciotole diverse 10. Passate ora alle cipolle, sbucciatele e tagliatele a fettine 11. Versate in un tegame l'olio, unite le cipolle 12

e mezzo bicchiere d'acqua 13. Salate, coprite con un coperchio 14 e lasciate stufare la cipolla fino a che non sarà ben appassita. Appena la cipolla sarà ben appassita unite i pezzetti di cuore 15 e mescolate.

Aspettate alcuni minuti, poi aggiungete anche i pezzetti di polmone 16 e mescolate ancora. Essendo più tenaci questi hanno bisogno di qualche minuto di cottura in più. Aggiungete poi il resto 17 e mescolate ancora 18

Salate, pepate 19 e sfumate con il vino bianco 20. Quando la parte alcolica sarà evaporata 21,

coprite con un coperchio, lasciando un piccolo spazio 22 e fate cuocere per 25-30 minuti 23. Servite quindi la coratella ancora calda 24

Conservazione

Consigliamo di consumare la coratella al momento, in alternativa è possibile conservarla per un giorno al massimo in frigorifero. 

Consiglio

Per smorzare il gusto selvatico della preparazione, potete aggiungere uno spicchio di limone pelato a vivo quando bagnate con il vino bianco: l'acidità aiuterà ad ingentilire il gusto. Poi andrà rimosso verso fine cottura.

Per una nota piccante invece potete aggiungere un po' di peperoncino fresco o secco!