Crema pasticcera

PRESENTAZIONE

Crema pasticcera

Uova, latte, zucchero, vaniglia, bastano pochi ingredienti per dare vita ad una delle creme più amate: la crema pasticcera. Questa crema è tra le più usate in pasticceria, come la chantilly o lo zabaione per farcire crostate, bignè, dolci di pasta sfoglia (come cannoncini, vol-au-vent, dolci millefoglie), ma anche il più classico Pan di Spagna. La crema pasticcera viene usata anche per preparare semifreddi, budini e moltissimi dolci al cucchiaio, come la nostra deliziosa torta mattonella. E' una preparazione molto versatile: basterà modificare appena le dosi di alcuni ingredienti per ottenere consistenze diverse e appropriate all'uso che ne farete! Se volete omettere la panna fresca ad esempio, che rende la crema più ricca e setosa, basterà sostituirla con la stessa dose di latte. Invece della bacca di vaniglia, potete aromatizzare la crema con scorza d'arancia o limone non trattati. Per addensarla maggiormente, poi, sarà sufficiente utilizzare più amido di mais o diminuire la dose nel caso vorreste gustarla al cucchiaio. Seguite il procedimento passo passo e scoprite tutti gli accorgimenti per preparare una golosissima crema pasticcera!

Leggi anche: Crema pasticcera al cioccolato

INGREDIENTI
356
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per circa 700 g di crema
Tuorli 4
Amido di mais (maizena) 45 g
Baccello di vaniglia 1
Zucchero 140 g
Latte intero 400 ml
Panna fresca liquida 100 ml
Preparazione

Come preparare la Crema pasticcera

Per realizzare la crema pasticcera per prima cosa incidete il baccello di vaniglia nel senso della lunghezza ed estraete i semini che si trovano all’interno con la lama di un coltellino 1. Il baccello servirà per aromatizzare il latte, mentre i semini li aggiungerete al composto di tuorli e zucchero. In un tegame dal fondo spesso versate la dose di latte 2 e panna 3 (se preferite al posto di 400 ml di latte e 100 ml di panna potete usare 500 g di latte).

Unite anche il baccello di vaniglia svuotato dei semi 4 e portate tutto a sfiorare il bollore. A parte in una ciotola versate i tuorli, aggiungete i semi del baccello di vaniglia 5. Sbattete velocemente con le fruste i tuorli insieme allo zucchero 6. (È importante farlo velocemente perché se si lascia lo zucchero a contatto coi tuorli ne assorbe la parte acquosa, cristallizzandone le proteine e rendendole insolubili).

Quando il composto si sarà amalgamato 7, setacciate direttamente nella ciotola l’amido di mais (o di riso) 8. Mescolate per incorporare bene l'amido 9.

Ora eliminate il baccello di vaniglia dal tegame con il latte e la panna 10, prelevate un mestolo di liquido e aggiungetelo al composto di uova, zucchero e amido per stemperarlo con la frusta 11. Una volta stemperato riversate il composto nel tegame 12, lasciate addensare a fuoco dolce mescolando continuamente con la frusta.

Proseguite la cottura per qualche minuto, mescolando continuamente finché la crema non avrà ripreso un leggero bollore 13, a questo punto spegnete il fuoco e versatela subito in una pirofila 14. L'ideale sarebbe avere una ciotola capiente con ghiaccio in cui sistemare una ciotola più piccola e versare la crema all'interno per raffreddarla velocemente portandola ad una temperatura inferiore ai 50°, mescolando con la frusta. Questo permette di mantenere la consistenza della crema intatta; inoltre se riuscite a raffreddarla arrivando al di sotto di 10° otterrete anche la pastorizzazione delle uova (il tutto misurabile con un termometro da cucina). La crema pasticcera sarebbe pronta per essere usata; altrimenti coprite con pellicola trasparente a contatto 15, lasciate finire il raffreddamento prima a temperatura ambiente e poi in frigo. In questo caso vi consigliamo di mescolare con le fruste elettriche per ravvivarla, a questo punto la crema pasticcera sarà pronta per essere impiegata nelle ricette.

Conservazione

Potete conservare la crema pasticcera in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, coperta da pellicola. Si può congelare per un mese.

Consiglio

Avete sempre usato la farina per la crema pasticcera? Non è un errore, ma un metodo un po' obsoleto. Con l'evoluzione delle tecniche di cucina, si è scoperto che l'uso degli amidi (di mais o di riso) in purezza garantisce che il sapore della crema non venga alterato, mantenendo intatta anche lucentezza e consistenza.

Siete per una cucina "0 sprechi"? Allora potete usare gli albumi avanzati per realizzare delle golose meringhe!

1326 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • claire123
    giovedì 20 giugno 2019
    buongiorno, mi chiedevo se al posto della vaniglia posso usare l’estratto di vaniglia e, in tal caso, se va aggiunto al latte come da ricetta? grazie
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 20 giugno 2019
    @claire123:Ciao, puoi aggiungere l'estratto alla fine della preparazione, quando la crema sarà pronta e raffreddata.
  • AnnaSiberia
    lunedì 17 giugno 2019
    Buongiorno, cari amici! Per la cucina "0 sprechi" proponete delle ricette con gli albumi, vorrei chiedere un consiglio. Se rimangono gli albumi c'è la possibilità di conservarli (e quanto tempo) o bisogna utilizzare lo stesso giorno?
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 17 giugno 2019
    @AnnaSiberia:Ciao, ti consigliamo di consumare gli albumi entro un giorno, conservandoli in frigorifero coperti con pellicola. In alternativa puoi congelarli.
29 FATTE DA VOI
Giulia.B1993
Pan di Spagna con crema pasticcera e frutti di bosco 🍰😋
CarolaHope
Ho preparato questa crema pasticcera per accompagnare e rendere più golosi dei muffin alle mele... Spettacolare!
nlfwlens
Delizioso!
_pncvnc_
Crema pasticcera
ChiaVale
Crema perfetta, anche per la crostata con le fragole!
ACarmela
Squisita
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo