Crescentine (o tigelle) con la cunza

/5
Crescentine (o tigelle) con la cunza
21
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 18 pezzi
  • Costo: molto basso
  • Nota: + il tempo di lievitazione dell'impasto

Presentazione

Le crescentine (o tigelle) con la “cunza” sono una specialità tipica della tradizione modenese. Queste gustose focaccine dalla caratteristica forma circolare vengono preparate con un impasto a base di farina, acqua, lievito e strutto e in seguito cotte in apposite tigelliere ben calde. Una volta pronte, possono esser farcite con diversi tipi di ingredienti, tra cui la “cunza” (nota anche come pesto alla modenese) ovvero un battuto di lardo, rosmarino e aglio anch’esso tipico di Modena; questo particolare ripieno sprigiona nelle crescentine ancora calde tutti i suoi sapori, in particolare l’aroma di rosmarino. Una pietanza tradizionale del nostro bel paese che bisogna assolutamente gustare!

Ingredienti per 18 crescentine

Farina 0 250 g
Farina 00 500 g
Latte intero 300 g
Acqua 200 g
Strutto 60 g
Lievito di birra secco (o 11 g se fresco) 3 g
Olio extravergine d'oliva 50 g
Sale fino 1 cucchiaino

per la cunza

Lardo 200 g
Rosmarino 2 rametti
Aglio 1 spicchio
Sale fino 1 pizzico
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare le Crescentine (o tigelle) con la cunza

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Per preparare le crescentine (o tigelle) con la cunza mettete la farina 0 e quella 00 nella ciotola della planetaria, quindi aggiungete il latte (1), il lievito disidratato (2) e lo strutto (3).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Azionate il gancio per 1 minuto e poi versate l'olio (4) e l'acqua (5); continuate con il gancio e, quando l'impasto comincerà a staccarsi dai lati della ciotola, aggiungete il sale (6).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Azionate il gancio nuovamente per circa 6 minuti, fino a quando l'impasto risulterà compatto. Dunque ponete il composto che avete ottenuto su di una spianatoia di legno e lavoratelo bene con le mani fino a farlo diventare liscio ed omogeneo (7). A questo punto mettetelo in un contenitore coperto con la pellicola trasparente e lasciate riposare a temperatura ambiente per 2 ore (in modo da far iniziare la lievitazione) in un luogo tiepido e privo di correnti d’aria (8); trascorse 2 ore, ponete l’impasto in frigorifero per almeno 8 ore. Terminato il tempo della lievitazione, togliete l’impasto dal frigorifero e collocatelo su di una spianatoia leggermente infarinata (9).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Con un mattarello stendete l'impasto fino ad arrivare ad uno spessore di circa 5 mm (10), dopodiché con un coppapasta del diametro di 8,5 cm ricavate dei dischi (11); ripetete l'operazione e, una volta terminato, dovrete ottenere 18 crescentine. Collocate le crescentine su di un vassoio foderato con carta forno (12), facendole riposare per almeno 20 minuti.

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Dopo 20 minuti, fate scaldare la tigelliera a fuoco moderato per 5 minuti da entrambi i lati e, una volta che sarà ben calda, posizionate i dischi che avete preparato (13). Chiudete il coperchio e fate cuocere per 4-5 minuti per parte e poi capovolgete la tigelliera chiusa per verificare la cottura: se le crescentine risultano ancora bianche, capovolgete di nuovo e continuate fino a quando saranno ben cotte; ricordate che la cottura deve essere dolce, perché in caso contrario si cuoceranno solo all'esterno, rimanendo crude all'interno. Quando le crescentine saranno ben dorate da entrambi i lati (14), toglietele dalla tigelliera, mettetele ancora calde in un recipiente foderato con un canovaccio e copritele: così facendo, continueranno sensibilmente la cottura e rimarranno morbide e fragranti più a lungo (15).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Procedete ora alla preparazione della "cunza": con un coltello eliminate la cotenna del lardo (16), tagliate il lardo a fettine dello spessore di 2 mm e poi a listarelle (17); infine tritatelo molto finemente facendo dei piccoli cubetti (18).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Pulite l'aglio, eliminando l'anima (19), e poi tritate finemente lo spicchio d'aglio (20) e le foglioline di rosmarino (21).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

A questo punto unite tutti gli ingredienti (22), amalgamandoli bene, e tritate tutto finemente (23) fino ad ottenere un composto fine e spalmabile; regolate di sale e pepe a vostro piacimento (24).

Crescentine (o tigelle) con la cunza

Infine prendete le crescentine ancora calde, tagliatele orizzontalmente (25) e farcitele con la "cunza" che avete preparato (26): in questo modo, il calore scioglierà il lardo e sprigionerà l’aroma del rosmarino. Richiudete la tigella e servite le crescentine (o tigelle) con la cunza immediatamente (27).

Conservazione

Si consiglia di consumare le crescentine (o tigelle) con la cunza al momento ben calde. Potete conservarle in frigorifero coperte con pellicola trasparente per 1 giorno al massimo. Potete congelare le crescentine (senza ripieno) dopo averle fatte raffreddare; al momento del bisogno, mettetele in forno statico preriscaldato a 150° per 10-15 minuti (o in forno ventilato a 130° per 8-10 minuti) e poi farcite. La cunza si conserva in frigorifero coperta con pellicola trasparente per al massimo 2 settimane; prima di servirla, abbiate cura di lasciarla per 30 minuti a temperatura ambiente.

Consiglio

Il pesto alla modenese è un condimento molto ricco e molto saporito! Se volete un composto ancora più spalmabile, potete aiutarvi con un mortaio o con un tritatutto elettrico. Volete rendere le vostre tigelle ancora più ricche? Spolverizzatele con il Parmigiano Reggiano e sentirete che sapore!

Leggi tutti i commenti ( 21 ) Le vostre versioni ( 1 )

Altre ricette

I commenti (21)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • enrica7 ha scritto: sabato 24 novembre 2018

    come posso cuocere senza tigelliera?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: domenica 25 novembre 2018

    @enrica7: Ciao, prova ad utilizzare una normale padella smiley

  • Giulia ha scritto: venerdì 24 novembre 2017

    Buongiorno, vorrei sapere se è un problema lasciar lievitare l'impasto in frigo più di 8 ore, come indicato nella ricetta, arrivando a16-17 ore. Può influenzare la riuscita della ricetta?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: domenica 26 novembre 2017

    @Giulia: ciao Giulia! Non preoccuparti! Riponi subito l'impasto in frigorifero smiley

Leggi tutti i commenti ( 21 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

  • PIXETTA
    Un pó lungo il processo ma ne vale la pena...un successone.io le ho farcite con mortadella e crescenza 😋
  • Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato

Ultime ricette

Dolci

La torta alla ricotta e cioccolato è perfetta per la colazione: la ricotta ammorbidisce l'impasto, il cioccolato fondente la rende una torta golosa!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 30 min

Dolci

Il tiramisù è sicuramente uno dei dessert più golosi e conosciuti al mondo, grazie alla dolcezza del mascarpone e al gusto intenso del caffè.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 40 min

Lievitati

Il bannock è il pane tradizionale delle popolazioni indigene del Nord America: provate la nostra versione con farina integrale, rustica e fragrante!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 15 min

Gnocco
Torta fritta
Pasta fritta
Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta fresca
Biscotti
Pizze e focacce
Piccola pasticceria