Crostata di rabarbaro

/5
Crostata di rabarbaro
4
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 100 min
  • Dosi per: 10 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + 2-3 ore di riposo per fragole e rabarbaro

Presentazione

La crostata di rabarbaro è un delizioso e squisito dessert dal sapore vintage che ha come proptagonista il rabarbaro, una pianta erbacea perenne originaria della Cina e del Tibet. Il suo nome deriva dal greco ed è composto dalle parole “ra”, pianta, e “barbaron”, per indicare la sua diffusione tra le tribù cosiddette barbare. L'arrivo del rabarbaro in Occidente risale a tempi più recenti ed è avvenuto attraverso la colonizzazione inglese: tuttora infatti il suo uso in cucina è tipico soprattutto dei paesi anglosassoni. Ma il fascino di questo vegetale così particolare non ha lasciato indifferenti nemmeno i golosi di area mediterranea, come noi di Giallozafferano, che ci siamo innamorati del gusto dolce, delicato e piacevolmente asprigno di questa pianta venuta da lontano, e ci siamo cimentati nella preparazione di dolci e confetture! Per un tè in perfetto stile inglese, abbinate alla crostata di rabarbaro un buon earl grey e un libro d’avventura: tra i vapori del tè e della fantasia, e con il gusto esotico del rabarbaro che si scioglie in bocca, vi sembrerà di essere a bordo dell’Orient Express!

Ingredienti per la confettura

Rabarbaro (gambi) 700 g
Fragole 300 g
Zucchero 500 g
Fecola di patate 20 g

Ingredienti per la frolla da 25 cm di base

Zucchero a velo 200 g
Farina 00 500 g
Tuorli 4
Burro (freddo di frigo) 250 g
Scorza di limone 1
Preparazione

Come preparare la Crostata di rabarbaro

Crostata di rabarbaro

Per preparare la crostata di rabarbaro cominciate occupandovi del ripieno: pulite il rabarbaro, privandolo delle foglie e dei filamenti come fosse un sedano. Tagliate il gambo del rabarbaro a tocchetti (1), poi pulite le fragole e tagliatele in 4 (2). Unite fragole e rabarbaro in una ciotola (3),

Crostata di rabarbaro

aggiungete lo zucchero (4) e mescolate bene (5), quindi coprite con della pellicola trasparente (6) e lasciate riposare per 2-3 ore, in modo da permettere al rabarbaro di rilasciare il proprio liquido.

Crostata di rabarbaro

Trascorso il tempo necessario, trasferite le fragole e il rabarbaro in una pentola (7) e cuocete per 10 minuti a fiamma media, poi per altri 50-60 minuti a fuoco dolce. A questo punto fate sciogliere nella confettura la fecola di patate (8) e lasciate il composto sul fuoco finché non raggiungerà i 108° (potete controllare la temperatura con un termometro da cucina) (9).

Crostata di rabarbaro

Quando la confettura di rabarbaro è pronta, trasferitela in una ciotola per farla raffreddare (10). Nel frattempo occupatevi della pasta frolla: nel mixer unite la farina e il burro freddo da frigorifero tagliato a pezzetti (11). Frullate il tutto per ottenere un composto dall’aspetto sabbioso, poi versatelo sulla spianatoia, formando la classica forma a fontana, e aggiungete lo zucchero a velo (12).

Crostata di rabarbaro

Incorporate anche la scorza di limone grattugiata e i tuorli (13), e impastate brevemente (14), giusto quanto occorre per rendere l’impasto compatto. Formate un panetto, foderatelo con la pellicola e fatelo rassodare in frigo per 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, stendete l’impasto con un mattarello a circa 1 cm di spessore (15).

Crostata di rabarbaro

Con il mattarello stendetelo all’interno della tortiera dal fondo di 25 cm di diametro imburrata e infarinata, facendolo aderire alla base e ai bordi con piccole pressioni delle dita (16). Con un coltellino eliminate l’eccesso di pasta, conervandolo, e bucherellate la base della torta con i rebbi di una forchetta (17). Impastate nuovamente l’eccesso di impasto, e stendetelo di nuovo per ricavarvi, con un tagliapasta, delle striscioline (18) che userete per decorazione.

Crostata di rabarbaro

Versate la confettura di fragole e rabarbaro all’interno della base di frolla (19) e completate disponendo le striscioline di pasta sulla superficie della torta (20), per formare delle losanghe. Cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per 40 minuti (o a 160° per 30 minuti se in forno ventilato), quindi sfornate la vostra crostata di rabarbaro (21) e lasciatela raffreddare prima di sformarla!

Conservazione

La crostata di rabarbaro si può conservare in frigorifero coperta con la pellicola trasparente o in un contenitore ermetico per 2-3 giorni al massimo. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se volete, potete prolungare il tempo di riposo del rabarbaro e delle fragole con lo zucchero fino a tutta la notte. E se gradite aggiungere un tocco in più alla vostra confettura, un pizzico di zenzero la renderà più aromatica e leggermente piccante!

Leggi tutti i commenti ( 4 )

Altre ricette

I commenti (4)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Miki ha scritto: domenica 14 maggio 2017

    Ma senza termometro da cucina, come si fa a sapere quando si raggiunge la temperatura di 108C ?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: domenica 14 maggio 2017

    @Miki:Ciao, per questo tipo di preparazioni il termometro è indispensabile, considera che è uno strumento molto utile in cucina e ha un costo irrisorio!

  • Miki ha scritto: domenica 14 maggio 2017

    Scusate, ho solo uno stampo sfoderabile da 24, o uno per crostate da 30cm, cos'è meglio ?? E per le dosi ??

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: domenica 14 maggio 2017

    @Miki:Ciao, puoi usare lo stampo da 24, avanzerà solo un pochino di impasto.

Leggi tutti i commenti ( 4 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato

Ultime ricette

Dolci

La torta alla ricotta e cioccolato è perfetta per la colazione: la ricotta ammorbidisce l'impasto, il cioccolato fondente la rende una torta golosa!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 30 min

Lievitati

I panini alla birra sono croccanti fuori e morbidi dentro: realizzati con una varietà di birra rossa hanno un gusto molto particolare!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 40 min

Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta fresca
Biscotti
Pizze e focacce
Piccola pasticceria
Dolci veloci
Torte
Contorni