Danubio dolce

/5

PRESENTAZIONE

Danubio dolce

Un impasto talmente versatile da essere sublime come salato e irresistibile come dolce! Parliamo del danubio, realizzato con un impasto lievitato lentamente e farcito in questa ricetta con una crema pasticcera dalla consistenza vellutata. Questa preparazione è sorprendente già alla vista ed è un invito a condividerla in tavola con amici e bambini, magari in occasione di una festa! Il danubio infatti si compone di tante soffici palline di pasta lievitata che si possono staccare direttamente con le mani. Ma le sorprese non finiscono qui: all'interno di ciascuna pallina potrete nascondere un goloso ripieno! Del danubio esistono molte varianti: a Napoli ad esempio viene preparato con una farcitura saporita di cubetti di cotto e formaggio, mentre noi ci siamo ispirati a questo metodo per realizzare una deliziosa crostata di ciliegie fresche. Provate ad arricchire o modificare ulteriormente la variante dolce del danubio riempiendo qualche pallina con crema pasticcera al cioccolato, confetture o crema alla nocciola!

INGREDIENTI

Per l'impasto per una tortiera di 28 cm di diametro
Farina Manitoba 530 g
Latte intero 230 g
Burro fuso 50 g
Zucchero 30 g
Lievito di birra secco 4 g
Uova (medio) 1
Scorza di limone (non trattata) 1
Baccello di vaniglia 1
Sale fino 10 g
Acqua 50 g
Per la crema pasticcera
Latte intero 200 g
Panna fresca liquida 50 g
Tuorli 3
Zucchero 70 g
Amido di mais (maizena) 25 g
Scorza di limone (non trattato) 1
Baccello di vaniglia 1
Per spennellare e decorare
Uova (medio) 1
Latte intero 1 cucchiaio
Zucchero a velo 20 g
Preparazione

Come preparare il Danubio dolce

Per preparare il danubio dolce, cominciate facendo fondere il burro (al microonde o a bagnomaria). Poi iniziate a preparare l'impasto: versate nella planetaria munita di foglia la farina setacciata 1, grattugiate la scorza di 1 limone non trattato 2; unite anche lo zucchero 3,

i semini di una bacca di vaniglia 4 e il lievito di birra disidratato (potete usare anche il lievito di birra fresco: in questo caso la dose è 12 grammi). Azionate la planetaria per miscelare gli ingredienti, poi versate il latte a temperatura ambiente 5 e l'uovo medio 6.

Proseguite con il burro fuso 7 e quando gli ingredienti si saranno raccolti attorno alla foglia, arrestate la planetaria e sostituite la foglia con il gancio, quindi aggiungete il sale 8 e l'acqua; continuate ad impastare fino a quando l'impasto non si sarà incordato 9 e sarà diventato morbido e omogeneo.

Trasferitelo quindi su un piano di lavoro leggermente unto, lavoratelo un po' e formate una palla 10; ponetelo in una ciotola e coprite con pellicola trasparente 11; lasciate lievitare per 2 ore in forno spento con luce accesa. Intanto dedicatevi alla crema pasticcera: in un tegame versate il latte e e la panna e scaldate a fuoco lento 12

insieme alla scorza grattugiata di 1 limone non trattato 13 e ai semini di 1 bacca di vaniglia 14 (per un aroma di vaniglia più intenso potete mettere in infusione anche la bacca di vaniglia incisa e toglierla successivamente). In un altro tegame versate i tuorli (con gli albumi potete realizzare delle meringhe o le lingue di gatto) e lo zucchero 15.

Lavorate i tuorli con lo zucchero con una frusta, poi setacciate l'amido di mais 16. Mescolate ancora e poi versate a filo il latte scaldato in precedenza e aromatizzato (abbiate cura di togliere la bacca di vaniglia prima di versare il latte se l'avete utilizzata) 17. Mescolate fino a quando la crema non avrà raggiunto la consistenza ideale addensandosi 18.

A quel punto spegnete il fuoco e trasferite la crema in una pirofila bassa e ampia: coprite con pellicola trasparente a contatto 19, perché rafreddandosi non si formi la fastidiosa pellicina in superficie. Quindi fatela raffreddare a temperatura ambiente e poi in frigorifero. Quando l'impasto avrà raddoppiato il suo volume 20, prendetelo e stendetelo formando un filoncino su un piano di lavoro leggermente infarinato (o oleato) 21.

Ricavate con il tarocco (o un coltello dalla lama ben affilata) 30 pezzetti da 30 g l'uno 22; allargate ciascun pezzetto con le mani, o stendetelo con un mattarello 23, poi farcitelo con un cucchiaio di crema pasticcera oramai fredda e rassodata 24.

Richiudete ciascun dischetto pizzicando e sigillando bene i lembi perché il ripieno non fuoriesca (25-26) e proseguite per tutte le palline. Mano a mano che realizzate il danubio, potete adagiare le palline su una tortiera di 28 cm di diametro foderata con carta da forno, disponendole a raggiera a partire dal perimetro più esterno 27, fino ad arrivare al centro.

Coprite con pellicola trasparente il danubio così formato 28 e fate lievitare ancora per 1 ora in forno spento con luce accesa. Dopodiché spennellate la superficie con l'uovo sbattuto insieme a un cucchiaio di latte 29, quindi cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per 30 minuti (se forno ventilato a 160° per circa 20 minuti). Una volta cotto, sfornatelo 30 e lasciatelo intiepidire; spolverizzate con lo zucchero a velo, quindi servite il danubio dolce direttamente nella teglia e invitate gli ospiti a staccare ciascuna pallina con le mani!

Conservazione

Conservate il danubio dolce sotto una campana di vetro per alcune ore e in frigorifero coperto con pellicola per 1-2 giorni. Si può congelare se avete utilizzato tutti ingredienti freschi non decongelati.

Consiglio

Potete farcire il danubio dolce con delle confetture, crema alla nocciola o crema pasticcera al cioccolato e per distinguere i ripieni potete decorare le palline con codette colorate o zuccherini dopo aver spennellato il danubio e prima di infornare!

Il consiglio di lievitazione di Paneangeli

Prova l’ultimo innovativo lievito di birra creato da Paneangeli per dolci a lunga lievitazione! Dolci Lievitati è un lievito di birra disidratato arricchito con pasta madre e aroma vaniglia, studiato apposta per mantenere la sofficità dei dolci fino a tre giorni. Una busta di Dolci Lievitati equivale ad un cubetto. Scopri di più

COMMENTI427
  • irenedenise
    domenica 15 novembre 2020
    grazie per i consigli
  • Giorgiab91
    mercoledì 14 ottobre 2020
    Buongiorno 😊 Invece della bacca di vaniglia, ho acquistato l'estratto..Vorrei sapere quanto ne devo mettere.. Grazie mille 😃
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 14 ottobre 2020
    @Giorgiab91: ciao, per sicurezza ti consigliamo di leggere sulla confezione la quantità indicata